Archivi delle etichette: otto von Bismark

OBAMA E IL BREXIT, OVVERO ECCO L’ALTERNATIVA DEL DIAVOLO di Antonio de Martini

Molti lettori chiedono come mai il governo degli Stati Uniti sia tanto silenzioso in occasione di questa crisi britannica. Trovate la risposta in questa analisi storico-politica pubblicata nel maggio 2014 ( e ribloggata nel marzo 2015) dedicata alla crisi ucraina, ma in realtà, dalla riunificazione tedesca in poi, ogni crisi è una crisi europea.                                      Per chi volesse l’originale del testo, gli basterà battere nella finestra di “cerca”  il titolo ” Si scrive Ucraina ma si legge Germania.”

“Per capire come mai la rana ucraina- un paese senza arte, parte e identità sul cui suolo passano dei gasodotti- venga gonfiata fino all’inverosimile dai principali media del mondo e perché gli Stati Uniti premano tanto sulla U.E. perché sanzioni la Russia inimicandosela, bisogna fare un breve corso di storia e di geopolitica di cui anticipo le conclusioni in corsivo per chi non avrà la pazienza di leggere l’intero testo e che ci porterà a constatare come la geopolitica tedesca, da Bismarck in poi, non abbia mai cambiato direzione se non durante la parentesi della costruzione europea post 1945. Esistono forti correnti economiche e di pensiero che pensano di cambiare registro e gli USA si preoccupano di eventuali scelte geopolitiche indipendenti tedesche. Continua a leggere

Annunci

L’UCRAINA È PER PUTIN L’EQUIVALENTE DEL SIGARO DI BISMARK E ARRIVANO LE ELEZIONI EUROPEE . CHE FARE ? di Antonio de Martini

Dopo 70 anni di imperium, gli Stati Uniti nelle sonnacchiose riunioni ONU hanno trovato l’equivalente del giovane Ottone di Bismark – inviato come rappresentante della Prussia – che accendendosi il sigaro in piena riunione, privilegio fino ad allora riservato al rappresentante dell’imperial regio governo, significò al rappresentante del governo austroungarico, che il suo predominio sugli stati tedeschi era finito.

Continua a leggere

DALL’ESODO DEI CAPITALI A QUELLO DELLE PERSONE?MENTRE LO SPREAD SALE E SCENDE, IL SOLO RIMEDIO ALLA INCERTEZZA E’ CERCARE LAVORO E STABILITA’ DOVE LE SI TROVA. di Antonio de Martini

La globalizzazione e il mercato unico sono già’ stati realizzati negli USA e , più in piccolo, in Germania, quando si unifico’ con Bismarck.
Forse potremmo trarne qualche ammaestramento valido per il futuro che ci aspetta.
La moneta unica ha creato un mercato unito e , di conseguenza, un unico mercato del lavoro.
La libera circolazione di capitali infatti, comporta anche la libera circolazione delle persone.
I due fenomeni sono tanto naturalmente connessi che sono contemplati dallo stesso articolo del trattato di Roma ( l’art.106).
Quando questo fenomeno assume le dimensioni che ultimamente abbiamo visto applicate nel nostro continente e si trasmette alle persone, dobbiamo ammettere che il bel concetto di libera circolazione delle persone, compie anch’esso un salto di quantità’ e assume il nome il volto della emigrazione di massa verso le zone in cui ci sono capitali e quindi lavoro.
Lo stesso fenomeno migratorio può accadere a un giovane che voglia sfuggire al debito, mettiamo, irlandese che decide di emigrare in Sud Africa o in Australia.
Abbiamo tutti visto , al cinema, il fenomeno delle città’ fantasma negli USA, abbandonate per l’esaurirsi di una miniera o il fallimento di una industria con cui la città’ si immedesimava.
Abbiamo tutti studiato( o no?) che al colmo della decadenza, Roma si ridusse a un villaggio di trentamila abitanti.
Stiamo assistendo in queste settimane a un fenomeno migratorio anche dal Vicino Oriente verso le Americhe sia da parte di Cristiani arabi che di Ebrei israeliani, al punto che i patriarchi d’Oriente hanno lanciato un solenne grido di allarme e il governo israeliano ha investito in una campagna pubblicitaria TV – considerata razzista persino dalla comunità’ israelita USA – mirante a convincere al ritorno in Patria gli israeliani che sono emigrati ( oltre mezzo milione cioè il 6% della popolazione!) e a non sposarsi con ebrei americani pena la “perdita della identità.”
Siamo pronti , qui in Europa e in Italia in particolare, ad accettare l’ingigantirsi di questo fenomeno che finora si e’ verificato solo in piccoli borghi dell’Appennino abruzzese o in villaggetti della Sila?
L’insicurezza sta spingendo uomini e capitali verso il paese che ha il debito corrente più alto del mondo, ma istituzioni forti e ordinate: gli Stati Uniti.
Se il governo dei professori non prenderà decisioni immediate su piani di sviluppo dell’economia, se non riducono la disoccupazione, l’essere in grado di fare le bucce ai passati governi, o distinguere se il debito e’ nato dal settore pubblico ( che ha speso) o quello privato( che evade), non risolvera’ il problema.
La ricchezza e’ in funzione della velocità di circolazione della moneta ( Adam Smith 1776) , ma in tutte le decisioni del Consiglio dei Ministri presieduto dal professor Monti non vedo traccia di velocizzazione. Anzi.
Se il vertice europeo non ci porterà un piano di sviluppo e crescita immediata o quasi, somiglierà – come il governo dei nostri professori- a quei teologi che discettavano a Costantinopoli se le donne avessero o meno l’anima, mentre attorno alle mura premevano le orde asiatiche che li avrebbero soggiogati di li a poco.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: