Archivi del mese: novembre 2021

STIAMO BACIANDO LA MANO SBAGLIATA?

BIDEN IN DIFFICOLTA’ AL CONGRESSO. LE ELEZIONI DI MID TERM SARANNO UN BAGNO DI SANGUE DEM?

Joe Manchin, senatore democratico della Virginia occidentale- dove proprio ieri è stato eletto un governatore repubblicano, a dimostrazione che l’assalto al Campidoglio non importa a nessuno- è considerato assieme alla più moderata ma ugualmente frondista senatrice Kystern Sinema (dem, Arizona che ha affossato la tassa ai supericchi) un ribelle che mette in continuo pericolo la stabilità del governo di Joe Biden.

Con un senato in cui gode della maggioranza di due voti ( il voto di Kamala Harris, che presiede il Senato, vale doppio in base al regolamento) e con due piantagrane nel gruppo parlamentare, il grande progetto di Biden di spendere 3500 miliardi per creare un welfare americano in risposta alle politiche di Trump – già dimezzato in sede negoziale- rischia di non essere varato o di subire modifiche troppo significative che ne metterebbero in dubbio la paternità.

Oltre alla iattura del risultato elettorale che ha attribuito 50 seggi ciascuno ai contendenti, ci sono due regole parlamentari su cui Biden si gioca tutto: anche se la maggioranza é 51 voti, nella maggior parte dei casi la maggioranza dei voti richiesta é di 60 e questo obbliga a negoziare coi repubblicani per trovarne nove favorevoli ( semprecchÉ non ci siano defezioni in campo democratico).

Vecchia volpe del Senato dove opera da quaranta anni, Biden ha fatto ricorso alla “riconciliazione bugettaria” che impone l’eccezione della maggioranza a 51 voti, ma – sempre per regolamento- non può che usarla tre volte nell’anno e può essere usata in campo fiscale, per determinare spese o intervenire sul debito federale. Una l’ha già bruciata con

l’American Rescrue plan usato per la pandemia e un aiuto ai cittadini, che però non sembra avergli attirato simpatie.

Proprio oggi é giunta la notizia che lo stato della Virginia ha scelto un governatore repubblicano, Glenn Youngkin, un novizio che ha sconfitto una colonna democratica del calibro di Terry McAuliffe che era già stato eletto nel periodo 2014-18. Un brutto presagio per le elezioni di mid term del prossimo novembre che in genere penalizzano il partito al governo.

Paralizzato di fatto in Parlamento per la politica interna , Biden deve ottenere una solidarietà bipartisan e può ottenerla – come nel 1917 e nel 1941 entrando in guerra oppure con un successo estero equivalente.

Forse é per questo che William Burns – il primo diplomatico posto a capo della CIA- martedì scorso è andato a Mosca per un incontro con il capo del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrouchev. Nessuno ne ha parlato sia a Mosca che a Washington e tutti hanno rifiutato di commentare.

Di certo c’é solo che se gli USA riescono a separare Cina e Russia hanno vinto la partita e Biden rimonta in sella, ma rinnegando anche la contrapposizione con Trump sulla politica russa.

In entrambi i casi le elezioni di novembre 22 saranno un rebus. Poi sapremo a chi inchinarci.

CRISI ENERGETICA PER SPAGNA, PORTOGALLO E MAROCCO

L’ultraventennale contenzioso tra Marocco e Algeria sul controllo del Sahara Occidentale ( ricco di fosfati che vengono usti sia come fertilizzanti in agricoltura che come componenti per fabbricare munizioni) ha spinto l’Algeria a decidere che a partire dalla scorsa domenica 31 ottobre il gasodotto Maghreb- Europa ( GME) – 11 miliardi di metri cubi annui- non sarà più in esercizio.

La decisione fa seguito alle recenti provocazioni marocchine rese forse più audaci dall’appoggio USA a seguito della “ pace di Abramo” , ossia l’ufficializzazione degli antichi ottimi e consolidati rapporti segreti con Israele.

Il GMA parte dall’Algeria per giungere al comune di Zahara de los Azetunes ( in provincia di Cadice) e da li essere distribuito in Spagna e Portogallo, anch’esso vittima collaterale dello scontro che mira al Marocco, obbiettivo principale della decisione algerina.

Esiste un Gasodotto minore ma diretto ( evita il Marocco) che sbocca ad Almeria ( in Andalusia) che portava 4 miliardi annui e verrà portato al massimo di otto, ma resta un deficit spagnolo di quattro miliardi di metri cubi globali che saranno trasportati via mare, sempre che si riesca a noleggiare navi metaniere – coi noli in aumento come é già accaduto per il gas- sempre che si riesca in tempi brevi a governare il processo liquefazione- rigasificazione dato che il gas le navi ( tutte da trovare) lo trasportano in forma liquida, ma poi per essere distribuito via terra deve tornare allo stato gassoso.

L’Algeria, che da quando c’é stata la secessione del Sud Sudan é diventato lo stato più grande del continente africano, é il nostro fornitore più antico e privilegiato grazie a una rete di gasdotti ( il principale dei quali si chiama Enrico Mattei) che attraversano Algeria e Tunisia per giungere alle nostre industrie e caloriferi che proprio oggi vengono accesi inaugurando la stagione fredda.

Il più colpito é il governo Spagnolo che non può litigare con nessuno dei due paesi, in quanto uno condiziona l’ esportazione del gas e l’altro detiene il rubinetto dei migranti. Uno deve stare il più aperto possibile e l’altro chiuso…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: