TURCHIA: ELEZIONI INFUOCATE. ERDOGAN MINACCIA GLI AVVERSARI PER LE FOTO DELLE ARMI AI TERRORISTI. I MILITARI LO ASPETTANO AL VARCO di Antonio de Martini

Giugno 2015. Dicevo di Erdogan che i militari lo aspettano al varco. Più chiaro di così….

IL CORRIERE DELLA COLLERA

Il 7 giugno i turchi saranno chiamati alle elezioni politiche più importanti da cinquanta anni a questa parte.  In ballo la sopravvivenza della democrazia, l’appartenenza all’occidente e alla NATO, la  stessa sopravvivenza di Erdogan e del suo partito della giustizia e dello sviluppo AKP.

View original post 972 altre parole

COSA SAPERE SUL TERRORISMO E COME BATTERLO. di Antonio de Martini

Cosa sai del terrorismo?

IL CORRIERE DELLA COLLERA

La prima e più importante cosa da sapere è che il terrorismo non è una scienza, è una prassi.  Il generale Louis Antoine Desaix, morto a  31 anni e dieci mesi alla carica di Marengo ( 1800) soleva dire che  ” un ussaro ancora vivo a trent’anni è un cialtrone”.     Con le migliori intenzioni, ha mancato il suo obbiettivo.

Lo stesso si può dire di un moderno “esperto di terrorismo” , specie di quelli che hanno imperversato in Tv oggi raccontando una serie opinioni varianti dall’opinabile alla balla di grosso calibro. La colpa non è loro, ma di chi li sceglie e li paga per raccontare cose che ignorano.

View original post 736 altre parole

TERRORISMO: FARE UN’ALTRA OPERAZIONE BAIONETTA? MEGLIO GLADIO. di Antonio de Martini 

Visto che c’è attenzione…..

IL CORRIERE DELLA COLLERA

Un mio caro vecchio amico, in risposta ad un decalogo antiterrorismo che ho pubblicato sulla mia pagine Facebook, mi ha posto una domanda per capire meglio quale sia il mio pensiero riguardo a come agire verso i terroristi . La domanda era se volessi fare un’altra ” operazione baionetta”.

Gli ho risposto di getto, ma vorrei tornare sull’argomento in questa sede per fornire qualche minimo  approfondimento .

L’operazione baionetta servì ad uccidere a scopo di vendetta e dissuasione una lista predeterminata di Palestinesi ritenuti responsabili dell’eccidio di Monaco alle Olimpiadi del 1972.

A parte che il grosso della strage lo fece la polizia tedesca, gli obiettivi della operazione erano  limitati perché non era ipotizzabile annientare tutti i palestinesi, mentre è possibile, anzi doveroso, porsi questo obbiettivo nei confronti di chi vuole dimostrare che col denaro si può fare qualsiasi cosa. nelle righe che seguono la  prima risposta che gli…

View original post 811 altre parole

SIRIA. L’ITALIA SULLA VIA DI DAMASCO. A SENSO UNICO ? di Antonio de Martini

Ieri l’interlocutore ” Francesco”, ahimè   non meglio identificato, mi ha scritto un commento in coda al post dedicato a Gheddafi Junior, chiedendomi un commento – chiedo scusa per il bisticcio di parole –  sul viaggio del generale Alberto Manenti a Damasco.

A conferma della notizia, un link del sito gulfnews.com ( di Dubai)  che dava resoconto del viaggio attribuendolo a una iniziativa della U.E. o comunque finalizzato a una trattativa di provenienza UE.

Questo viaggio, non reso pubblico, ha un precedente operativo, due doppie  possibili motivazioni e si poggia su un equivoco di base. Continua a leggere

Sportelli: ecco come era l’accordo con l’OLP

Pare che il generale Manenti sia andato in missione diplomatica e non di intelligence a Damasco. L’intento è di ripetere l’operazione di “accordo con l’OLP” che tenne l’Italia immune da attentati per un trentennio. Circa le differenze e le possibilità di successo di questa missione faccio un post stasera, ma è necessario ricordare in cosa consistette l’accordo. Ecco qui l’intervista veridica dell’unico superstite di quella operazione.

IL CORRIERE DELLA COLLERA

 L’ing.  Armando  Sportelli  ( all’epoca colonnello) è il mitico artefice dell’accordo con l’OLP

che ha assicurato oltre  un ventennio di pace  – per quanto riguarda l’OLP – sul territorio italiano.

 In quel periodo Sportelli guidava l’ufficio “R” del nostro servizio segreto, incaricato dei rapporti con l’estero.

 Per la prima volta Sportelli esce dall’ultraventennale riserbo  per fare una precisazione attinente al mio articolo sugli arabi apparso ieri sul blog dal titolo “L’Europa e gli arabi tra rinascita e il  rinnegare”.

View original post 267 altre parole

IL FANTASMA DI CARTER TORNA IN MEDIO ORIENTE COL SUO CARICO DI INGENUITA’ E PROVINCIALISMO CHE SAREMO POI NOI A PAGARE

Febbraio 2011. Eravamo avvertiti….

IL CORRIERE DELLA COLLERA

Anticipandomi rispetto all’ intenzione di trattare le ripercussioni della situazione Egiziana ( e araba in generale)  rispetto a Israele – sarebbe irrealistico non farlo – Nachik Navot invia al “CORRIERE DELLA COLLERA ” un articolo che pubblichiamo molto  volentieri.  Con una breve premessa.

Il sig Navot è in pensione dopo essere stato vice direttore del Mossad, quindi ha una visione  vasta del problema . L’ho conosciuto a Roma nel quadro della  conferenza sul terrorismo organizzata dalla Regione Lazio – Storace consule –  cui si è riferito Armando Sportelli nel suo intervento della scorsa settimana  e siamo rimasti in corrispondenza.

View original post 1.227 altre parole

LIBIA: GHEDDAFI JUNIOR LIBERATO. VERSO UN CAMBIO DI PASSO? di Antonio de Martini

La notizia è di quelle che vengono definite “game changer” tra gli addetti ai lavori.

Saif el Islam Gheddafi, secondogenito e delfino politico del colonnello laureatosi alla London school of Economics, prigioniero da quasi cinque anni  delle milizie di Zintan che non hanno mai voluto “cederlo” ai governi centrali che si sono succeduti a Tripoli, è a piede libero.       Avete capito bene: non solo non è prigioniero e nemmeno posto in residenza sorvegliata. Continua a leggere

ECCO LO STRUMENTO DEMOCRATICO PER EVITARE UNA ALTRA CRISI MONETARIA; ECONOMICA E FINANZIARIA E RIDURRE I TASSI DI INTERESSE PER TUTTI I PAESI DELLA U.E. . di Antonio de Martini

I problemi non risolti tornano, tornano e tornano.

IL CORRIERE DELLA COLLERA

Il primo punto da chiarire è che la parola finanza, per quanto pronunziata con sussiego, si traduce con la parola DEBITO. Uno che dice di fare finanza , dobbiamo capirlo subito è una persona specializzata nel contrarre  – o far contrarre – debiti.

La differenza tra un debito  di un privato ed uno di uno Stato è presto detta: uno Stato non muore mai e quindi il dubbio circa la sua solvibilità , non è SE pagherà, ma in quanto tempo.

View original post 856 altre parole

UNA GIULIETTA MUSSULMANA DI GRANDE RANGO, UNA INGHILTERRA CHE VUOLE LIBERARSI DELL’ITALIA. UNA STORIA D’AMORE DI CENTO ANNI FA. GEOPOLITICA.

DEDICATA A CHI, COME SEVERGNINI, RIMPIANGE L’INGHILTERRA.

IL CORRIERE DELLA COLLERA

Interrompo per un momento l’annunziata sospensione per inviare ai lettori questa intervista che circola da oggi su you tube.

Si possono imparare concetti di geopolitica anche da una storia d’amore. Questa è la storia di come nacque la rivalità anglo-italiana, di come si sviluppò per anni e di come continua , al punto che i libri di storia attribuiscono la rivolta dell’Irak contro gli inglesi del 1941, ai tedeschi. L’Italia va ignorata a tutti i costi….

View original post

MIGRANTI: L’EUROPA RICATTATA DAL GRUPPO DI VISEGRAD.

Pubblicata nel 2013 e poi nel 2015. A parte l’introduzione di servizio, il resto mostra che tre anni fa si intravvedeva l’uovo del serpente(Bergmann)

IL CORRIERE DELLA COLLERA

Cos’è il gruppo di Visegrad lo sapreste se aveste letto il post del 9 luglio 2013   e che vi riproduco qui sotto. La funzione “reblog” non marcia più. Devo essere antipatico a qualcuno….

Lascio i numeri di due anni fa, tanto vale il discorso generale.  Quel che vuole il gruppo di Visegrad potete leggerlo e trarre le vostre conclusioni.

View original post 901 altre parole

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 809 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: