SIRIA: GLI EROI SONO STANCHI (DI RACCONTARE BALLE) E LA GUERRA SI IMPANTANA. SI VA VERSO LO STALLO E IL NEGOZIATO. di Antonio de Martini

La coalizione composta da Stati Uniti, Francia, Inghilterra, Arabia Saudita, Egitto, Libia, Turchia e Katar in quasi due anni di macelleria e propaganda non sono riusciti ad aver ragione della Siria di Bashar el Assad , l’oculista reclutato a forza alla politica dalla morte prematura del fratello.

Gli USA sono stati ingannati da illusioni autoprodotte, dalla sopravvalutazione della volontà di potenza della Turchia, la sottovalutazione della capacità di resistenza dei siriani.
Stanno imparando a conoscere un vicino oriente che non conoscevano: i libanesi hanno un governo filo Hezbollah e sono riusciti a demolire una rete CIA di diciassette persone, tutte arrestate, accecando il Dipartimento di Stato in un momento decisivo. I siriani hanno ” esportato” i non combattenti , come profughi, oltreconfine, ottenuto – a inizio guerra – una sovvenzione importante dall’Iran ( si parla di trenta miliardi di dollari) e sopratutto bloccato la propaganda via internet che si rivelò esiziale per Hosni Mubarak.

Gli errori maggiori sono stati non aver previsto la reazione popolare alla ferocia dei ” volontari” libici e Jihadisti in genere , aver creduto che i sunniti si sarebbero schierati compatti con l’opposizione, aver sperato nelle velleità golpiste di diplomatici di secondo piano e di pochi ufficiali ambiziosi e velleitari.
Aver creduto alle virtù democratiche delle valigie di soldi offerte a molti e accettate da pochi.
Aver usato argomenti propagandistici risibili. Esaminiamoli:

A) IMPORTARE LA DEMOCRAZIA di cui gli USA si dichiarano paladini esclusivi con filale a Londra.

In realtà tutte le dittature peggiori sono state aiutate a nascere e svilupparsi proprio dagli Stati Uniti. Eccone un elenco non limitativo: Bahrein, paese del golfo ospitante la V flotta americana, governato dal re sunnita che sta combattendo contro la popolazione completamente sciita. Iran ( dello Scià Reza Palhavi messo sul trono da un colpo di Stato , 1952, contro il premier Mossadeq reo di aver nazionalizzato il petrolio ). Cuba ( del sergente Fulgenzio Batista). Guatemala con un Golpe cui non fu estraneo Douanne Clarrige, attualmente ancora in attività come reclutatore di mercenari). Nicaragua ( del dittatore Anastasio Somoza). Haiti ( del dittatore François Duvalier, detto “papà Doc”) . Cile ( Augusto Pinochet) . Egitto ( Hosni Mubarak) . Irak ( Saddam Hussein) . Libia ( Muammar Gheddafi) . Pakistan ( Parvez Musharraf, e prima ancora il gen Muhammed Zia ul hak cui fu concessa l’Atomica). Argentina ( l’Ammiraglio Jorge Videla).Vietnam del Sud ( famiglia Diem e poi gen Kao Ky). Panama ( Manuel Noriega), lo Zaire (Sese Seko Mobutu), L’Etiopia ( Menghistu Haile Mariam). Mi fermo qui, ma potrei continuare.
Credo sia sufficiente per illustrare la non credibilità dei proclami democratici posti a fondamento.

B) PREVISIONE “DOCUMENTATA” DELLA FINE IMMINENTE DEL REGIME SIRIANO.

Qui la propaganda è stata intensissima e ha provocato un effetto eco notevole nel mondo, mi limiterò ai principali, escludendo gli italiani che sono comparse di secondo piano.
” L’autorevole Economist” come si autodefinisce volentieri in questo paese, ha scritto – numero del 17 novembre 2011 – che ormai per Assad era solo questione di poche settimane ( faccio notare che ne sono passate 60 ) . La fonte era naturalmente la CIA del generale David Petraeus, Petraeus – il trombettiere – pagata, assieme alle altre agenzie di intelligence la bellezza di 90 miliardi di dollari nell’anno fiscale 2011.( Nel 2012 il budget è stato ridotto a 72 miliardi…).

A queste previsioni ha fatto eco Hilary Clinton – forse già inferma – e il segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen che ancora tre mesi fa continuava a prevedere imminente la caduta dell’antidemocratico regime inviso a un popolo che si ostina a difenderlo (vedremo perché).
Per aumentare la credibilità ci voleva qualcuno più vicino al teatro delle operazioni, furono così scelti il presidente egiziano Mursi e il ministro degli esteri turco Ahmet Davitoglu con la conseguenza di sputtanare anche costoro. Serviva un servizio segreto europeo ed ecco il nuovo capo del BND , il servizio di intelligence tedesco, Gerard Schindler sputtanato prima ancora di aver compiuto il periodo di ” luna di miele” di cento giorni nella carica che fu del mitico generale Gehlen.
Anche in questo caso la credibilità USA e degli alleati, ne è uscita distrutta.

C) ASSAD RAPPRESENTA UNA MINORANZA DELLA POPOLAZIONE .
Anche questa è una balla resa ancor più grave dal fatto che , volendo, anche Barak Obama rappresenta una minuscola minoranza della popolazione degli Stati Uniti.
Infatti egli proviene da una frazione di popolazione pari alla minoranza Alawita, visto che non è un nero ( come ha fatto notare l’attore Morgan Freeman) , ma un mulatto, genere relativamente poco presente negli USA. Buon senso avrebbe richiesto di non abbordare questo argomento.

In realtà , anche Assad rappresenta una popolazione pari a un cartello di minoranze assemblate pari a circa un 30% ( Alawiti, cristiani di tutte le confessioni, mussulmani sciiti, adoratori del diavolo, ecc). I sunniti ( tra cui anche i curdi-siriani che lottano contro i turchi) sono il 70% di cui 2/3 schierati con il governo, il che porta i seguaci del regime ad una confortevole maggioranza della popolazione siriana.
Questa segmentazione e schieramento spiegano l’ostinata resistenza siriana e le feroci rappresaglie dei ribelli che si erano ( o erano stati ) illusi circa un’accoglienza entusiasta della gente.
Del ben fondato di questi calcoli, fa fede qualsiasi testo di geografia, il Vescovo cattolico di Aleppo ( di nazionalità francese) e la nunziatura apostolica in Libano.

D) LA CONTA DEI CADUTI.
un ” osservatorio siriano dei diritti umani ” con sede a Londra fornisce, fin dal primo giorno, il bollettino dei morti. I giornalisti hanno potuto appurare che
1) nessun legame con le associazioni internazionali unanimemente riconosciute. Questa organizzazione è ” ignota al portalettere” , ha un solo portavoce, non è in grado di accedere alle fonti anagrafiche ufficiali. Il Co-fondatore della organizzazione ” Medicins sans frontieres” dopo un mese sul posto, ha rilasciato una dichiarazione ufficiale ( riportata da questo blog) che nell’ospedale di Aleppo in cui ha operato, metà dei feriti era di nazionalità francese o britannica, confermando così il carattere esogeno della crisi e la falsificazione dei dati , poiché questo fantomatico osservatorio siriano non aveva MAI fatto cenno a perdite di cittadini europei.
2) il vice presidente della Repubblica ( sunnita, ex ambasciatore a Roma) è stato dato per fuggitivo almeno tre volte, ma non è mai comparso, perché si trova al suo posto. Anche un ministro dato per morto in un attentato , ha rilasciato una intervista in TV dando smentita ( Andreotti avrebbe definito la notizia” prematura”). Sei o sette volte portavoce USA e NATO hanno detto che Mosca abbandonava la protezione della Siria e anche questa notizia si è dimostrata falsa.
Tutte queste fole hanno finito per togliere credibilità ai comunicati fatti ai media e incrinato la fiducia dei giornalisti nelle notizie fornite dagli occidentali.

D) VALUTAZIONE DELLE FORZE IN CAMPO.

I ribelli , alimentati dall’esterno ( Libano, Turchia, Giordania, Irak) possono attaccare indefinitamente o almeno fino a che Katar e Arabia Saudita non cesseranno di pagare le spese.
Nessun esercito può vincere senza appoggio tattico aereo. La Siria ha tratto ammaestramento dai conflitti precedenti, anche con gli israeliani, predisponendo poderosi mezzi contraerei di ultima generazione del tipo ” shoot and forget” di fabbricazione russa analoghi agli Stinger USA.
La NATO può fornire appoggio aereo a condizione di non avere perdite.
In questo caso, sa che le avrebbe è quindi non interviene. Un attentato terroristico al gabinetto di guerra siriano riunito, ha inferto un duro colpo, ma il sistema ha dimostrato di funzionare ugualmente.
La Siria ha per converso inferto colpi singoli, ma micidiali: è saltato in aria l’appena nominato capo del servizio segreto saudita ( anche elemento di punta dei sette principi sauditi che detengono il comando di fatto del regno), è cambiato il capo dei servizi tedesco e quello americano, travolti da problemi non chiari, è saltato in aria il capo dello spionaggio libanese. Gli alleati sono accecati e ignorano cosa realmente accade nel paese in guerra.
L’Arabia Saudita, ne ho dato conto in un post recente, governata da due geronti ultra ottantenni ( il re è a quota 89) , in crisi a causa della perdita del leader effettivo, infastidita dall'” unrest” degli sciiti della zona petrolifera ( est) , innervosita dalla minaccia di Al Kaida nello Yemen ( a ovest) e preoccupata dalla scarsa tenuta del Bahrein che considera un proprio avamposto, ha iniziato una manovra di distinzione rispetto all’alleato americano ed alla sua strategia.
È dello scorso venerdì la dichiarazione del Gran Muftì dell’Arabia Saudita ( trono e religione sono intimamente legati) l’invito a NON mandare più Jihadisti in Siria.
Ha ammesso la liceità di ” aiuti finanziari” omettendo di specificare se destinati ai rifugiati o ai ribelli.
I dirigenti sauditi stanno insomma continuando i tentativi per liberarsi di Assad, ma non escludono più un compromesso politico che faccia loro ottenere il risultato senza proseguimento dei combattimenti: paventano l’avvento di un regime Jihadista e mancano di una strategia per il dopo Assad che tuteli i loro interessi.
Al momento hanno alle frontiere irachene un potere sciita, al sud una guerriglia sciita e a est il pericolo di un accerchiamento anche da parte siriana.
A Nord, c’è la Giordania dove regna la casa Hascemita che essi hanno cacciato dalla Mecca e l’Egitto infido di Mursi. Oggi hanno arrestato negli emirati undici fratelli mussulmani di nazionalità egiziana che stavano tramando contro l’emiro del Katar, ad onta dell’impegno solenne a non insidiare lui è la casa reale saudita.
Si delinea una spaccatura nella coalizione antisiriana: da una parte l’Arabia saudita e dall’altra i nemici giurati di Assad ( Al Kaida, Ankara, Tripoli, Doha) e gli USA nel mezzo indecisi a tutto.
Bashar el Assad ha ribadito oggi la sua lotta al Jihadismo transnazionale ( quello che ha ucciso l’ambasciatore Stevens a Benghazi) ed al terrorismo . Due obiettivi in comune con gli USA.

VERSO LA SOLUZIONE POLITICA

Ecco perché il mediatore dell’Onu e della Lega Araba Lakdar Brahini ( algerino e l’Algeria ha sofferto la guerriglia salafita-saudita con oltre centomila morti) ha ripreso l’iniziativa a fine dicembre ed è volato a Mosca dopo alcuni colloqui con Assad.
L’indomani è stato seguito dal vice ministro degli esteri siriano Faisal Mekdadi e dall’assistente del ministro Ahmed Arnous che hanno partecipato alla riunione con Putin.
Ne è uscito il rilancio delle Risoluzioni ONU 2042 e 2043 oltre che la risoluzione di Ginevra del gruppo di azione sulla Siria ( accordo Clinton – Lavrov) . Sono i tre documenti che parlano chiaro: la crisi siriana deve avere uno sbocco politico e non militare. Nessuna precondizione, nemmeno la dipartita di Assad.
È la soluzione predisposta quarantamila morti fa da Kofi Annan che una soffiata prematura mandò a monte.
Putin , intanto ha portato dalla sua parte un alleato di peso che si è pronunziato per una soluzione esclusivamente politica della crisi siriana: l’India. Non fa parte del Consiglio di sicurezza come il Togo, ma ha un miliardo di abitanti ed è il miglior cliente dell’Iran e del suo petrolio.
Assad oggi ha concluso l’iter offrendo nuova Costituzione, Referendum e Conciliazione nazionale e chiede in cambio solo “la cessazione degli aiuti esteri ai gruppi legati ad Al Kaida. ”
Nemmeno a tutti.

Annunci
I trackback sono chiusi, ma puoi postare un commento.

Commenti

  • abrahammoriah  Il gennaio 7, 2013 alle 9:35 am

    7 gennaio 2013

    C’è un aspetto miseramente comico per quanto riguarda l’Italia nella vicenda siriana. Pur non avendo il nostro paese, vista l’attuale sua incosistenza internazionale, la possibilità di difendere alcun interesse riconoscibile, tutti gli organi di informazione si sono schierati toto corde contro il “mostro” Assad, con tutti i ridicoli annessi e connessi voli retorici sulla difesa dei diritti umani e del dovere morale di esportazione della democrazia (nel passato tutta questa paccottiglia sarebbe passata sotto la definizione del “fardello dell’uomo bianco”). Una ulteriore dimostrazione che il “sistema Italia” è in avanzato stato di decomposizione e che i pezzi di questo sistema rispondono ormai direttamente, per inerzia o per dolosa scelta, ai desiderata ed interessi dei paesi ( e delle organizzazioni internazionali ) che predicano male (retorica europeista e/o retorica dei diritti umani e della democrazia ) ma razzolano bene ( che badano, cioè, unicamente al loro interesse nazionale).

    Massimo Morigi

  • LucaTrib  Il gennaio 7, 2013 alle 11:19 am

    Sui media italiani stenderei un velo pietoso. Ieri un canale RAI citava un portavoce del governo britannico a commento del discorso di Assad. Neppure la Ashton, che almeno avrebbe funzionato come foglia di fico sulle pudenda di Her Majesty. No: direttamente il governo del Regno Unito, che con la Siria ufficialmente c’entra come c’entrava con la Palestina ai tempi della dichiarazione Balfour (nessun titolo attuale a parlarne ma alcuni possibili interessi futuri).

    Per quanto riguarda l’allegra e multiforme brigata dei “ribelli” presenti in Siria, non dimentichiamo nella conta un buon numero di palestinesi, provenienti probabilmente da campi profughi dove l’ingaggio per la Jihad è propaganda che funziona più per le offerte di denaro per una vita di sopravvivenza su questa terra che per quelle di riscatto in una vita gloriosa oltremondana:
    http://www.un.org/ga/search/view_doc.asp?symbol=A/67/540&referer=http://www.un.org/en/ga/documents/symbol.shtml&Lang=E
    Inoltre – a titolo di curiosità – come non ricordare anche la presenza di un discreto numero di mercenari provenienti nientepopodimeno che dalla … Australia?
    http://www.theaustralian.com.au/national-affairs/australians-rush-to-join-war-in-syria/story-fn59niix-1226542144750

    Per chi fosse interessato a leggere il discorso di Bashar al-Assad in versione completa (con la doverosa avvertenza: caveat translator):
    http://www.globalresearch.ca/the-west-has-brought-terrorists-to-syria-president-bashar-al-assads-historic-speech-full-transcript/5317977

    Chiunque abbia la pazienza di leggerlo fino in fondo non potrà non avvertire il senso di tragicommedia che avvolge questa vicenda. Quanta profondità di analisi e intelligenza geostrategica in Hillary Clinton e sodali. Sono riusciti a trasformare in un vero leader politico militare quello che anni fa era un tenero oftalmologo, che desiderava restare a Londra. Una volta richiamato in Siria, poco o nulla attratto dalla vita politica, pensava probabilmente di poter vivere una vita tranquilla con la moglie Asma, inglese siriana con la passione per la letteratura francese e laureata al King’s College of London. E invece eccoci qui ad ascoltare un moderato riformista, conosciuto nel suo Paese e all’estero con il nome di “The hope”, parlare ed essere acclamato dal suo popolo come un eroe di guerra nazionale.

  • adamenzo  Il gennaio 7, 2013 alle 12:43 pm

    ricca ed attenta analisi. che venga in mente a qualcuno dei “giornalisti” di regime attingere a fonti ben informate. per non parlare poi dello sciocco ministro degli esteri (conto)Terzi. speriamo bene per l’eroico popolo siriano. buon 2013.

  • fausto  Il gennaio 7, 2013 alle 7:05 pm

    Eviterei gli applausi a qualsiasi vincitore, per il momento. la Siria è saltata per aria per tante ragioni, ed una di esse è la difficoltà a ricavare rendite adeguate dalle produzioni di idrocarburi. A questo sommerei anche qualche difficoltà dovuta alla siccità e alcune ondate di profughi giunti dal Libano. I miliziani stranieri hanno approfittato della situazione: una guerra dovuta all’occasione, ma si sa che l’occasione rende l’uomo ladro!

    • antoniochedice  Il gennaio 7, 2013 alle 7:15 pm

      Dimentichi i profughi dall’Irak e la siccita,non naturale, provocata dai Turchi che hanno intercettato le acque dell’Eufrate per le loro dighe. Inoltre Bashar e’ pi “democratico” del Padre, ma ci voleva pochino.

  • VALGARGIONE  Il gennaio 7, 2013 alle 10:10 pm

    al radio giornale di radio 24 hanno riferito che in settimana c’è un incontro tra usa e russia per prendere decisioni a riguardo. inoltre segnale l’articolo:
    Movimenti nel Mar Mediterraneo: La flotta russa prepara uno sbarco anfibio in Siria per fine gennaio 2013 – http://www.stampalibera.com/?p=58149.

    • antoniochedice  Il gennaio 8, 2013 alle 3:39 am

      Si é parlato nelle scorse settimane dell’invio , sotto bandiera ONU , di un contingente di interposizione a forte componente russa.
      Ma credo la voce provenga più dall’ingresso in mediterraneo di una squadra navale russa con due navi da trasporto truppa – scortate da una nave da guerra – che hanno acceso le fantasie.
      C’è chi dice trattarsi di una precauzione in vista dell’evacuazione di cittadini russi dalla Siria ( le navi farebbero la spola tra Tartous e Cipro) dato l’elevato numero di matrimoni misti, mentre risulta che solo 600 russi abbiano chiesto assistenza alle autorità consolari.

  • donato  Il gennaio 12, 2013 alle 2:21 am

    Temo di non poter affatto condividere l’ottimismo relativo dell’articolista (e gli ultimi tragici sviluppi lo dimostrano) USA Sauditi e Qatarioti hanno investito troppo nella rivolta X accettare qualunque soluzione di compromesso.Lo spiegamento dei Patriot in Turchia
    prelude ad intervento aereo senza cui (Carlo Panella dixit) mercenari e tagliagole non prevarranno mai.IMHO anche se accordo venisse raggiunto sarebbe rigettato dai qaedisti (a proposito chi può seriamente credere che i tagliagole accetteranno ordini
    dal cosidetto presidente fantoccio del CNS cristiano e comunista?) o si cercherebbe trovandolo
    Casus Belli come in Bosnia e Kosovo.In conclusione a meno di eventi traumatici (Hormuz?) si preparano giorni oscuri per la Siria

    • antoniochedice  Il gennaio 12, 2013 alle 6:18 am

      Per fermare i mercenari, basterà smettere di dare loro lo stipendio e di rifornirli di armi e munizioni.
      Comunque, la strada è lunga: dopo un eventuale accordo russo-americano, gli USA dovranno negoziare un nuovo equilibrio con l’Iran e questo implica anche il riassetto della politica irachena….
      Resta il fatto che gli USA sono uno dei pochi paesi in grado di riconoscere i propri errori, rimediando e mi sembra che la politica siriana sia uno di questi .

  • antoniochedice  Il giugno 20, 2013 alle 11:20 pm

    L’ha ribloggato su IL CORRIERE DELLA COLLERAe ha commentato:

    QUESTO POST È STATO SCRITTO LO SCORSO 7GENNAIO. OGGI SU QUESTE BASI SI STA TENTANDO UN NEGOZIATO DOPO DUE INTERVENTI PAPALI E ALTRI ( a sentir loro) DIECIMILA MORTI.
    È PROPRIO VERO CHE LA MADRE DEI FESSI È SEMPRE INCINTA. FATE CIRCOLARE QUESTO POST PER EVITARE CHE SI CONTINUI A SPECULARE SULLA DISINFORMAZIONE. P.S. NEL FRATTEMPO, DOPO OLTRE TRE MESI DI ASSENZA, IL CAPO DELL’INTELIGENCE SAUDITA È RICOMPARSO IN FRANCIA PER UN NEGOZIATO. IN QUESTO POST LO DAVO PER MORTO. EVIDENTEMENTE È SOPRAVVISSUTO. MI SCUSO CON I LETTORI PER NON AVER SAPUTO STIMARE LA CAPACITÀ DI SOPRAVVIVENZA DEL SOGGETTO ALL’ATTENTATO.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: