COME NATURA FA, MONSANTO CONSERVA. LA FOOD AND DRUG ADMINISTRATION APPROVA LE MELE OGM: NON ANNERISCONO DOPO IL TAGLIO

Lo scorso 13 febbraio la Food and Drug Administration ha varato un nuovo prodotto OGM : una mela che una volta tagliata non brunisce e resta bianca e bella anche dopo, diciamo, una settimana.
Di conseguenza ” migliora la logistica e si utilizza tutto il prodotto”. Discorso valido anche per la merda se passa per un laboratorio della Monsanto.
Tranquilli, la FDA ha fatto una dichiarazione del seguente tenore: la pianta non danneggia l’ambiente e le altre piante. Sugli effetti sulle persone, nemmeno una parola.


Vi aggiungo alcune considerazioni di un sito USA favorevole al cibo organico che si preoccupa del fatto che questi prodotti verranno distribuiti in comunità, ospedali, catene di distribuzione.  Pare che queste mele potrebbero modificare le cellule degli umani. Lasciamo la parola all’amico GiC che se ne intende e ai lettori competenti in materia. 

Mettiamo l’allarme in rete e invitiamo tutti a postare questo allarme. I test si devono fare prima dell’approvazione, non sulla pelle dei consumatori spesso inconsapevoli. 


” In April 2013, we interviewed scientists about the genetic engineering technology used to create the Arctic Apple, whose only claim to fame is that it doesn’t turn brown when sliced. The benefit to consumers? Being able to eat apples without having any sense of how old they are?

Here’s what we learned about the technology, called RNA interference, or double strand RNA (dsRNA), from Professor Jack Heinemann (University of Canterbury, New Zealand), Sarah Agapito-Tenfen (from Santa Catarina University in Brazil) and Judy Carman (Flinders University in South Australia), all of whom said that dsRNA manipulation is untested, and therefore inherently risky:

Given that the dsRNA from our food, and presumably the Frankenapple, will enter the bloodstream and cells of consumers, safety research should be done BEFORE this GMO apple is put on the grocery shelf to prove that the dsRNA that enters consumers’ bodies will not harm them. To date, no such research has been reported, so the Frankenapple is flying in the dark.

On the contrary, recent research has shown that dsRNAs can transfer from plants to humans and other animals through food. The biotech industry has always claimed that genetically engineered DNA or RNA is destroyed by human digestion, eliminating the danger of these mutant organisms damaging human genes or human health. But many biotech scientists say otherwise. They point to evidence that the dsRNA present in food survive digestion in the stomach and intestines and actually enter the bloodstream and tissues of the body, where it can influence the functioning of the eater’s cells.

Some of the scientists also pointed out that GMO apples will likely lead to even greater use of pesticides, on a product that (unless it’s organic) already tests positive for 42 pesticides, according to the Pesticide Action Network’s analysis of the most recent USDA data.

Here’s why. Turns out the chemical compound that is shut off in the engineered fruit through RNA manipulation, in order to make it not oxidize or brown, is a chemical compound that also fights off plant pests. What happens when the apple’s ability to fend off insects is compromised? Growers will need to spray greater amounts. Those pesticides will eventually find their way into our bodies, either because we ingested the fruit, or breathed the air or drank the water where the pesticides were sprayed.

So the upshot of Friday’s USDA approval of the Arctic GMO Apple?

As OCA International Director Ronnie Cummins told a reporter at Reuters, consumers will once again be guinea pigs for the biotech industry’s untested, potentially dangerous technology. And we risk being exposed to an even greater number of pesticides.

Just so we can have apples that never turn brown.

Parents should be especially concerned, as GMO apples will most likely be sold to restaurants and institutions—there will be no way to know if your child is consuming them except to avoid anything containing apples. And if the Arctic Apple varieties show up in grocery stores, where they will be unlabeled unless we pass a federal mandatory GMO labeling law, the only way to avoid them will be to buy certified organic.

All the more reason to add your voice to the millions who have already asked Congress to pass a mandatory GMO labeling law. Take Action here

INTERMINABILE INTERVISTA VIDEO FATTAMI DAL BLOG “CONFLITTI E STRATEGIE” SUL MONDO ARABO E LA CRISI LIBICA . I POST RIPUBBLICATI STAMATTINA RICORDANO LE RESPONSABILITA’ DI CIASCUNO.

Il blog ” Conflitti e Strategie” mi ha fatto una intervista sulla crisi libica. Chattando via web la cosa si è estesa, ma Pino Germinario  che è il centromediano della iniziativa, ha deciso che andava bene così. Continua a leggere

Africa. Attacco alla Libia. ecco spiegazioni inedite, ma convincenti. VEDREMO SE E’ VERO. di Antonio de Martini

antoniochedice:

Questo articolo del 17 aprile 2011 ha avuto 475 lettori che lo hanno messo sulla propria pagina Facebook. Quel che poi è successo, è sotto gli occhi di tutti. Al tribunale penale internazionale, evidentemente, passano il tempo a spidocchiarsi.

Originally posted on IL CORRIERE DELLA COLLERA:

 Quale può essere il fil rouge che collega tutti  i paesi attaccati – e presi di mira  in varie forme –  dagli USA e Gran Bretagna con l’aiuto di una serie di ausiliari tradizionali  più o meno consapevoli?

View original 496 altre parole

NEW DELHI: COLTO A FARE AVANCES SESSUALI VERSO UNA DIPENDENTE VENTINOVENNE, IL NOBEL PACHAURA FA L’INDIANO.

Rajendra Pachauri, 74 anni, premio Nobel per la pace, nega di aver compiuto vessazioni sessuali contro una sua impiegata ventinovenne che l’ha denunziato.
Continua a leggere

IMMIGRATI: COME FARLI RESTARE IN AFRICA E RISPARMIARE DENARO PUBBLICO di Antonio de Martini

Nel link sottostante troverete un pre-progetto che ho predisposto qualche anno fa’. Per il progetto l’Unione Europea si dichiarò pronta a stanziare due miliardi di lire.

Un detenuto costa alla D.A.P. (Amministrazione Penitenziaria) 123 Euro al giorno. Quando feci il progetto costava 125.

Il secondo elemento costitutivo del progetto è che esiste nel Sud della Tunisia una depressione ( territorio sotto il livello del mare) – in Arabo Chott – grande quanto metà del Lazio: Chott el Djarid.

Continua a leggere

TENSIONI DEL LEVANTE: UN’ALTRA ILLUSTRE VITTIMA È L’UMORISMO.

Il Sense of humour ebraico è proverbiale, ma da qualche tempo sembra fiorire solo nella diaspora.
Il Teheran Times ha di recente annunziato che una organizzazione iraniana che fa capo a grafici di fumetti satirici, il Sarcheshmeh Cultural Complex , in risposta agli sfottò Continua a leggere

RONCONI E LA RAI. MA CHE TASSO DICI ?

La domenica devo smettere di andare a mangiare da mia suocera, perché mi si rovina la digestione.
Ha il vezzo di sentire il TG 2 e così, incolpevole, ascolto.
Ho appena sentito, nel corso del ” coccodrillo” ( termine di gergo giornalistico con cui si indica il necrologio) su Luca Ronconi che l’Orlando furioso è opera ” del Tasso”.

LA RASSEGNA DELLA STAMPA INTERNAZIONALE DEL SABATO 21 FEBBRAIO , di Gianni Caccarelli

Un rapporto del McKinsey Global Institute di questo mese (feb 2015) evidenzia che tutte le maggiori economie hanno oggi un rapporto di prestiti (rispetto al PIL) più elevati rispetto al 2007. Continua a leggere

STANCHI DELL’EUROPA I VARI PAESI SI STANNO ATTREZZANDO IN SOTTOGRUPPI. TRANNE I MEDITERRANEI. di Antonio de Martini

antoniochedice:

LA GRECIA , COME ALLE TERMOPILI, E’ RIUSCITA A RITARDARE L’INVASIONE DEL MEDITERRANEO, MA ADESSO SERVE UNA INIZIATIVA POLITICA MEDITERRANEA.

Originally posted on IL CORRIERE DELLA COLLERA:

http://corrieredellacollera.com

L’Unione Europea, nacque come esigenza di protezione economica, politica e militare all’indomani della guerra mondiale e con Stalin vivo.
La morte di Stalin prima e la fine della guerra fredda poi, hanno messo la sordina agli aspetti politico culturali che ne avevano provocato l’entusiastica accettazione delle popolazioni, per diventare sempre più luogo di incontro e scontro mercantile di interessi pur legittimi ma a volte illegittimamente promozionati.

L’Unione Europea del dopo guerra fredda richiama sempre più un enorme vetro di sicurezza colpito da un meteorite che mostra una serie di crepe.
Siamo ormai in molti a chiederci quale sarà la crepa che cederà per prima e se non sia il caso di pensare a rinforzare la lastra prima del crack.

Dietro il mito di Europa dei 27( ormai 28) si sono formati gruppi di stati accomunati da un interesse a loro avviso trascurato dal centro.
Quando in una unione…

View original 582 altre parole

GROTTESCO. IL GOVERNO PROPONE PER ROMA LE OLIMPIADI DEL 2024 ! DOPO IL DANNO LA BEFFA.

antoniochedice:

FORSE E’IL MOMENTO DI RIPENSARE ALLA CANDIDATURA DI ROMA COME SEDE OLIMPICA VISTA LA CAPACITA DI MANTENERE SOTTO CONTROLLO I TIFOSI E VISTO CHE HANNO SCELTO MONTEZEMOLO ( il candidato a Sindaco di Roma di Vittorio Sbardella) COME PRESIDENTE DEL COMITATO. E ALLA CONFERENZA STAMPA SI E’ PRESENTATO ASSIEME A CARRARO….

Originally posted on IL CORRIERE DELLA COLLERA:

Le probabilità che tra dieci anni io sia morto – avrei 85 anni – sono altissime, quindi spero di essere creduto se dico che non sono sospettabile di difendere interessi non confessabili.

L’aver rifiutato di candidare Roma alle Olimpiadi del 2016 è l’unico fiore che Mario Monti può portare all’occhiello e il presidente del Consiglio può facilmente verificare quanti componenti del comitato promotore siano già stati oggetto di provvedimenti di giustizia . Non glielo dico per non guastargli la sorpresa, ma temo proprio che gli abbiano teso una trappola.

View original 258 altre parole

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 624 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: