Archivi del giorno: giugno 20, 2013

SIRIA: GLI EROI SONO STANCHI (DI RACCONTARE BALLE) E LA GUERRA SI IMPANTANA. SI VA VERSO LO STALLO E IL NEGOZIATO. di Antonio de Martini

QUESTO POST È STATO SCRITTO LO SCORSO 7GENNAIO. OGGI SU QUESTE BASI SI STA TENTANDO UN NEGOZIATO DOPO DUE INTERVENTI PAPALI E ALTRI ( a sentir loro) DIECIMILA MORTI.
È PROPRIO VERO CHE LA MADRE DEI FESSI È SEMPRE INCINTA. FATE CIRCOLARE QUESTO POST PER EVITARE CHE SI CONTINUI A SPECULARE SULLA DISINFORMAZIONE. P.S. NEL FRATTEMPO, DOPO OLTRE TRE MESI DI ASSENZA, IL CAPO DELL’INTELIGENCE SAUDITA È RICOMPARSO IN FRANCIA PER UN NEGOZIATO. IN QUESTO POST LO DAVO PER MORTO. EVIDENTEMENTE È SOPRAVVISSUTO. MI SCUSO CON I LETTORI PER NON AVER SAPUTO STIMARE LA CAPACITÀ DI SOPRAVVIVENZA DEL SOGGETTO ALL’ATTENTATO.

IL CORRIERE DELLA COLLERA

La coalizione composta da Stati Uniti, Francia, Inghilterra, Arabia Saudita, Egitto, Libia, Turchia e Katar in quasi due anni di macelleria e propaganda non sono riusciti ad aver ragione della Siria di Bashar el Assad , l’oculista reclutato a forza alla politica dalla morte prematura del fratello.

Gli USA sono stati ingannati da illusioni autoprodotte, dalla sopravvalutazione della volontà di potenza della Turchia, la sottovalutazione della capacità di resistenza dei siriani.
Stanno imparando a conoscere un vicino oriente che non conoscevano: i libanesi hanno un governo filo Hezbollah e sono riusciti a demolire una rete CIA di diciassette persone, tutte arrestate, accecando il Dipartimento di Stato in un momento decisivo. I siriani hanno ” esportato” i non combattenti , come profughi, oltreconfine, ottenuto – a inizio guerra – una sovvenzione importante dall’Iran ( si parla di trenta miliardi di dollari) e sopratutto bloccato la propaganda via internet che si rivelò…

View original post 1.718 altre parole

Annunci

I Cristiani arabi: quanti sono. Gli ortodossi sono maggioranza

I CRISTIANI IN TERRA ARABA PREESISTONO ALL’Islam e sono la prova che anche gli arabi preesistono al Corano.

IL CORRIERE DELLA COLLERA

Quando si parla di “mondo cristiano” nei paesi arabi,  noi italiani tendiamo a pensare ai cattolici. E’ un  altro residuo di provincialismo, questa volta in campo religioso.

Nel Mondo Arabo, la confessioni cristiane principali sono tredici: nascono dalle varie eresie ( etimo:”scelte”)avvenute nei vari concili  che costellarono i primi secoli del cristiasnesimo:   Nicea, Efeso, Calcedonia .

View original post 523 altre parole

Due o tre cose da scambiare con gli arabi di Antonio de Martini

NOI ARABI

IL CORRIERE DELLA COLLERA

 La guerra di Libia e le sommosse in Egitto ed altri paesi arabi, hanno provocato un aumento di curiosità nei confronti dei nostri vicini arabi. Negli scambi di persone e di usanze che le due sponde del mediterraneo hanno fatto negli anni, molte  – magari le più ragionevoli – non si sono consolidate o sono andate perdute per varie  cause , in particolare religiose.

View original post 1.135 altre parole

I Fratelli mussulmani. Un pò di storia. Tutti i governanti egiziani li hanno usati per poi metterli fuori legge.

UNA DELLE RAGIONI PER CUI I FRATELLI MUSSULMANI NON SFONDANO IN SIRIA È CHE NON È UNA EX COLONIA BRITANNICA…..

IL CORRIERE DELLA COLLERA

Molti sanno ormai che l’organizzazione dei Fratelli Mussulmani è nata nel 1928 su iniziativa di Hassan El Banna, un giovane di Alessandria d’Egitto allevato nella Dar el Alam ( casa della scienza) del Cairo, dove si istruivano gli insegnati “modernisti”.

Il parallelo più calzante potrebbe essere compararli  al clero dei paesi cattolici o alla massoneria dei paesi anglosassoni: ufficialmente niente politica  e sostegno alle istituzioni. Nei fatti, una ambiguità opportunista. 

View original post 864 altre parole

Tunisia: bloccare il rischio di contagio. Troppo tardi?

IL CORRIERE DELLA COLLERA

Gli ottimisti pensano che dopo la rivolta tunisina ci sia un rischio di contagio a tutto il Maghreb ( Algeria e Marocco). I pessimisti ritengono che anche la Libia e l’Egitto siano sotto tiro.

 In realtà i paesi arabi sono tutti coinvolti e a questi si aggiungono  Afganistan,Pakistan, Iran,Turchia che, pur non essendo arabi, hanno in comune religione e  cultura  sia pure con sfumature.

La sensazione che si trae da una analisi anche superficiale della situazione è che  siamo alla vigilia di una grande rivoluzione di cui è ancora  difficile intravvedere forme e calendario. Sappiamo solo che l’innesco è stato dato da Ben Alì e consorte, mentre  l’esplosivo è stato portato a pressione,  dall’avidità congiunta delle lobby  dell’agroindustria americana e delle classi dirigenti corrotte , scelte e  protette dall’occidente.

Questi momenti ribellistici non sarebbero diversi dalle periodiche rivolte contro l’impero britannico nell ‘800 se non ci fossero due fatti nuovi: uno politico a nome Ben Laden (…

View original post 581 altre parole

AMMODERNAMENTO DELL’ISLAM : DUE SISTEMI A CONFRONTO. di Antonio de Martini

PERCHÉ GLI AMERICANI SONO ODIATI O DISPREZZATI DA TUTTO IL MEDITERRANEO.

IL CORRIERE DELLA COLLERA

Il generale Kemal Pascià, detto Ataturk – padre dei turchi – è ricordato perché rappresenta
Il prototipo del dittatore ” illuminato” che , in maniera molto pragmatica, ammodernò l’islam con le buone e con le cattive, dando alla Turchia il posto che oggi occupa nel mondo.
Il tentativo di Atatürk fece concorrenza a quello britannico che, con la generazione degli ” effendi”

View original post 664 altre parole

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: