IN ISRAELE I MILITARI E L’INTELLIGENCE CHIEDONO LA PACE E DICONO DI MERITARE UNA LEADERSHIP MIGLIORE CON UN DOCUMENTARIO CHE VINCE IL PRIMO PREMIO IN ISRAELE di Antonio de Martini

L’Academy Award di Israele ha premiato il documentario ” The Gatekeepers” ( i guardiani). si tratta di un documentario diretto dal regista Dror Moreh che racconta la storia del servizio segreto militare – lo Shin Bet –  il braccio armato del Mossad.

E’ una storia di ebrei che parla di arabi.

Il nome si scrive sin bet, ma la pronunzia è shin, perché gli Israeliani hanno problemi a pronunziare la s.

La parola pace in entrambe le lingue ha identica radice salam, ma pronunzia differente in yddish: shalom.  Troppo poco per uccidersi a vicenda.

Per tracciare la storia di questa organizzazione, il regista ha intervistato i sei capi del servizio ancora viventi tenendoli sotto interrogatorio  filmato per una media di quindici ore ciascuno, in turni di cinque ore ed estrapolando le risposte più significative.

Il quadro che ne esce è un inno ragionato alla imperativa necessità di pace che attanaglia il paese.

Uno degli intervistati ammette  francamente di essere stato egli stesso un terrorista, nessuno critica l’organizzazione e nessuno piagnucola sui misfatti compiuti, ma tutti all’unisono dicono che :

a) una guerra non può essere vinta coi soli mezzi militari

b) che hanno vinto tutte le battaglie ma rischiano di perdere la guerra e ne sono consapevoli

c) che serve una nuova leadership capace di cogliere l’occasione che si presenta e potrebbe non presentarsi più.

“Solo la guerra, solo battaglie, solo disinformazione, non porteranno la pace tra le nazioni ”  ( Yakov Peri capo dello shin bet dal 1988 al 1994); Meir Dagan dimissionario da capo del Mossad per essersi pubblicamente opposto all’attacco contro l’Iran ( ” non si può vincere contro tutto il Medio Oriente”);

Yuval Diskin – da poco ritiratosi da capo dello Shin Bet, ha accusato Netanyahu di non aver colto più di una occasione di pace che gli veniva offerta, aggiungendo che dozzine dei suoi colleghi erano dello stesso avviso. Amy Ayalon, ammiraglio  ” abbiamo vinto tutte le battaglie, ma stiamo perdendo la guerra”;

Danny Yatom ex capo del Mossad anche lui ha invece detto a proposito di Netanyahu  e dei suoi ministri ha dichiarato ” non  hanno  tratto partito da questo periodo di calma e non hanno fatto niente” e ancora ” dobbiamo reagire con  tutta la nostra forza al terrorismo, ma l’azione militare può solo sopprimere il terrore. Non lo si può sconfiggere senza ricorrere ad una opzione diplomatica.”

A questi capi spia, si aggiungono molti capi militari militari ( Ammon Lipkin Shahak, Shaul Mofaz, Yzhak Rabin, Dayan)  ad eccezione di uno che attualmente fa il vice primo ministro.

Bradley Burstain, brillante columnist israeliano, ha scritto a Barak Obama una lettera aperta, invitandolo a vedere il film prima di venire in Israele ” sullo schermo più grande che ha a disposizione”.

C’ è in lizza per un secondo premio un altro documentario sul muro che divide i territori palestinesi si chiama ” five broken cameras”. anche questo è da vedere.

Il viaggio di Obama non poteva essere meglio preparato.

I trackback sono chiusi, ma puoi postare un commento.

Commenti

  • Anafesto  Il febbraio 26, 2013 alle 5:38 pm

    Speriamo che la ragionevolezza e l’intelligenza possa vincere sulla forza bruta e sul bullismo internazionale.

  • oraetsemper  Il febbraio 26, 2013 alle 7:02 pm

    Il muro costruito per separare i palestinesi sarà servito a ridurre gli attentati, ma ha tristemente ricordato il muro di Berlino…. no, non si può pensare di vincere una guerra costruendo muri e opprimendo un intero popolo. E’ necessario trovare la forza di creare uno stato per due popoli, dato che ormai la possibilità di creare uno stato palestinese non esiste più, il territorio è stato completamente frammentato ed è materialmente impossibile.

    • antoniochedice  Il febbraio 26, 2013 alle 7:18 pm

      Anche io sono in linea di principio a favore di un solo stato laico che libererebbe ad un tempo i palestinesi dall’oppressione degli israeliani e gli israeliani dall’oppressione degli ebrei ortodossi..
      Se gli islamisti vogliono tornare al medio evo, gli ortodossi vogliono risalire ancor più indietro.

  • gicecca  Il febbraio 26, 2013 alle 7:04 pm

    Come si dice in lingua kurdu. Bisogna essere in due a ballare il tango. GiC

    • antoniochedice  Il febbraio 26, 2013 alle 7:20 pm

      Non è più tempo di tango. Siamo al rock ‘n roll e siamo ormai vecchi.

  • antoniochedice  Il agosto 17, 2014 alle 1:02 pm

    L’ha ribloggato su IL CORRIERE DELLA COLLERAe ha commentato:

    Febbraio 2013

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: