Archivi delle etichette: New Zealand

LA CRISI UCRAINA E LO SCONTRO EST-OVEST

NON E’ TRA NOI E LA RUSSIA: E’ TRA RUSSIA E STATI UNITI & INGHILTERRA E CHI DIRIGE NON SONO GLI USA

Questo é il primo documento che lo dimostra: E’ la biografia dell’uomo che ha diretto il servizio segreto inglese ( SIS secret intelligence service) durante la seconda guerra mondiale e del quale ha fatto parte dal 1915 fino alla morte. Suoi sono stati i primi tentativi di spiare i bolscevichi sfruttando il narcisismo di una cugina americana di Churchill mandata a giacere con mezzo Cremlino. Vi si trovano tutti dettagli della campagna antibolsevica degli anni 20 e 30 da cui molto ha tratto l’alleanza angloamericana anti russa contemporanea.

E’ noto come il principale strumento a disposizione dell’intelligence sia la disinformazione e questo libro, l’autore é sempre Antony Cave Brown divenuto l’efficace uomo di fiducia del MI6, ha rivelato molte delle operazioni di disinformazione fatte dagli inglesi durante la guerra compresa la massima: la gestione della rete di militari tedeschi conservatori che non volevano una guerra sui due fronti, capitanati dal generale Ludwig Beck – capo di Stato Maggiore- che iniziò a tradire per provocare una sconfitta su cui innestare il colpo di stato che doveva defenestrare Hitler. Le informazioni trapelarono tramite il Vaticano e a un negoziato partecipo il Papa in prima persona ( come Francesco in questi giorni). La cospirazione contro Putin sembra la stanca ripetizione di quegli eventi, anche nei dettagli.

I dettagli della crisi odierna Ucraina potrete trovarli digitando l’archivio de corrieredellacollera.com del mese di febbraio 2014 dove troverete almeno sette articoli che illustrano ogni antefatto inclusi i nomi dei partiti di estrema destra che, manovrando la piazza, condizionano le scelte dei governanti e i loro precedenti. Riprodurli, sia pure in parte, richiederebbe quasi la stesura di un libro. ( vedere i link allegati in fondo).

In questo post cercherò di spiegare come un’azione di intelligence ad alto respiro sia stata impostata ispirandosi all’ambizione “anni trenta” di una Inghilterra logorata da conflitti sociali interni, dalla crisi irlandese e dal sacrificio fatto di una gran parte della upper class sui campi di battaglia francesi della prima guerra mondiale, e delle ricchezze accumulate in due secoli, ma che nondimeno si impegnò a mantenere il suo impero preparandosi al nuovo conflitto con la Germania che sapeva inevitabile e che non fece nulla per evitare. Sapeva che nel nuovo conflitto avrebbe avuto necessità assoluta del serbatoio umano e finanziario costituito dagli Stati Uniti e questa fu la bussola su cui l’impero inglese diresse le proprie azioni e che tutt’ora la guida.

Per riuscirvi, accettò, facendo buon viso, di dividere con gli americani il monopolio mondiale del petrolio mesopotamico e il dominio dei mari,( da cui fu col tempo estromessa) infarcì di propri agenti di influenza( oltre 5000) gli Stati Uniti d’America riuscendo ad acquistare il NEW YORK HERALD TRIBUNE e convertire l’isolazionismo tradizionale in interventismo fervente.

A guerra iniziata, impose – con la sua superiore capacità di razionalizzazione dei rispettivi punti di vista nelle riunioni congiunte degli Stati Maggiori – le scelte strategiche fondamentali, quali la priorità assoluta della lotta sottomarina atlantica, la precedenza nella lotta alla Germania invece che al Giappone che maggiormente premeva agli americani, lo sbarco in Nord Africa prima di quello in Europa, e l’attraversamento armato dell’Italia per “asfaltarla” invece che un più razionale sbarco in Grecia per portar soccorso ai russi e unificare il fronte.

Su qualche punto dovette cedere lasciando che gli USA portassero cospicui aiuti a Stalin attraverso l’Iran ( a fine guerra oltre 8 milioni di tonnellate di armi e materiali) invece di lasciare che i sovietici si svenassero contro i tedeschi; la concessione dell’indipendenza all’India ed altri paesi collaboranti. Scelte di cui oggi c’é chi si é certamente pentito negli USA.

Dopo l’ubriacatura mediorientale USA, il residuo asset degli Agenti di influenza in America é tornato all’attacco per spingere all’interventismo un’America con tendenze isolazioniste, manovrando con maestria anche l’ultima proposta di Churchill del servizio di intercettazioni congiunte dei popoli di lingua inglese , il five eyes, domiciliandolo in Gran Bretagna con il pretesto di sottrarlo alla curiosità democratica dei magistrati USA. All’epoca il controllo sui propri cittadini essendo proibito e sanzionato severamente.

La prima mossa del piano congiunto transatlantico é stata la BREXIT per avere la mani libere rispetto alla farragine decisionale dell’Unione Europea e tornare a gestire i Dominions. Qui ha avuto la sorpresa dell’Australia che ha chiaramente scelto un legame privilegiato diretto con gli Stati Uniti, ricevendone in cambio la promessa – da adempiere in un quarto di secolo- di accedere ai segreti della propulsione nucleare sottomarina.

Il vecchio riflesso anticoloniale e antimonarchico degli USA che persino di fronte alla possibilità di riparare la famiglia reale in Canada per sottrarla a Hitler, l’invitò ad andare alle Bahamas significando che il continente americano era off limits a ogni tipo di reale, è sempre vivo

I PROTAGONISTI

cominciamo con la five eyes un ente (FVEY) senza sede e senza personale, creato nel 1943 con un accordo ufficializzato nel 1946, ma non rivelato negli scopi o nell’articolazione, meglio noto sotto il nome di UKUSA ( United Kingdom-United States Communications Intelligence Agreement), i cui contenuti sono stati rivelati il 25 giugno 2010 da un comunicato congiunto angloamericano.

Nel frattempo, furono aggregati Il Canada ( 1948) ( Australia e Nuova Zelanda (1956) e più tardi , ma senza automatismi nella trasmissione dati, altri tre paesi di pura razza sassone ( Norvegia, Danimarca e Germania Ovest) secondo i dettami del filosofo di Hitler , Rosenberg.

Solo dopo il 2016 fu aggregata ma a distanza e senza automatismi di trasmissione, la Francia verso la fine della presidenza Hollande, in premio per lo scioglimento della brigata mista franco tedesca che doveva essere il primo nucleo dell’esercito europeo, basata a Mülheim in renania. I francesi partirono dalla caserma comune senza nemmeno avvertire e Hollande si rifiutò di dare spiegazioni del mutato atteggiamento alla Merkel anche negli incontri privati. Probabilmente sapeva che erano intercettati.

A questa facciata militare ha fatto seguito Echelon , la faccia economica creata a ” protezione delle imprese americane” ( ad esclusione degli altri contraenti) che – secondo il direttore della CIA James Woolsey si trovavano esposte alla concorrenza sleale, “nei paesi in cui le mazzette sono deducibili dalle tasse”.

Gli scandali accertati a casa nostra sono sostanzialmente lo scandalo Lookeed ( azienda americana corruttrice) che compra chi doveva decidere l’acquisto degli aerei da trasporto militari C130 e la Gulf italiana ( americana anch’essa) che diede un milione di dollari al sindaco di Milano Aniasi per poter costruire una raffineria accanto alla città e mise la spesa in bilancio come ” goodwill”, deducendo l’esborso.

Adesso si pensa di associare, non con statuto pieno si intende dato che non sono bianchi, India e Giappone per monitorare la Cina – pagata a suo tempo da Kissinger perché permettesse di installare impianti di intercettazione alla frontiera russa- e vvedremo se abboccano.

Non sempre i governi partecipanti al five eyes sono partecipi consapevoli di queste iniziative.

Gough Withlam, primo ministro australiano che abolì la “White Australia policy” ( immigrazione consentita solo agli europei bianchi), che ritirò il contingente militare australiano dal Vietnam e riconobbe la Cina comunista prima degli USA, scoprì per caso l’esistenza del five eyes, nel 1973, poco prima di essere dimissionato dal governo . E rimasto col sospetto che la CIA fosse coinvolta nel ribaltone.

Grazie al software PRISM gli Stati Uniti si sono anche assicurati l’accesso ai server dei principali fornitori di servizi informatici con sede negli Stati Uniti: Microsoft, Apple, Yahoo, Google, Facebook, AOL, Paltalk, Skipe, You tube e , naturalmente Swift, di recente notorietà.

I cinque hanno anche iniziato a prendere iniziative politiche comuni, come ad esempio il boicottaggio dei giochi olimpici di Pechino e la protesta per lo status di Hong Kong, ma mentre le informazioni sono patrimonio comune, i vantaggi politici sono appannaggio dei soli Stati Uniti e la cosa ha già sollevato proteste ufficiali della Nuova Zelanda a nome di tutti. Proteste tacitate dal recente accordo UKUSAUS con l’Australia.

A questo hardware di intercettazione, si é accoppiato il sistema di decifrazione gestito dalla NSA americana e dal GCHQ britannico ( finanziato dagli USA) a cui si attribuiscono le capacità previsionali dell’Occidente, con l’inconveniente che a volte la decifrazione avviene in ritardo rispetto allo svolgersi della realtà.

Nella recente crisi ucraina la ricognizione aerea poteva conteggiare i carri armati , ma non poteva prevedere l’attacco per mercoledì…Una violazione del segreto che Sir Stewart Menzies non avrebbe mai accettato.

IL SIS( SECRET INTELLIGENCE SERVICE MI6)

Ecco la pagina 125 della biografia di Sir Stewart Menzies, quando inizia la sua scalata al vertice del servizio segreto militare organizzando ” Giganti Camping against Russia”. L’autore dimentica di chiamare URSS e la chiama col nome dell’avversario di sempre: Russia.

vi potete leggere che già nel 1919 il secret intelligence service aveva analizzato la situazione e capito che la guerra contro la Germania – lungi dall’essere conclusa- aveva una pausa al massimo ventennale. Riprese nel 1939. le varie operazioni di provocazione pensate all’epoca contro la Russia, sono state ripetute, con poche, opportune, varianti contro la Russia nuovamente divenuta una grande potenza. Illibro é stato stampato oltre trenta annida quandoil risorgere della potenza russa era impensabile: dormiva il letargo di Brezhnev.

Saltiamo a pié pari la storia avventurosa del SIS lunga tre secoli e ci focalizziamo sul post guerra fredda da cui – non va dimenticato- uscimmo grazie all’atto di resa fatto da Gorbaciov a Margaret Tatcher e non al cugino americano.

Le maglie del segreto si allentarono e scoprimmo che l’archivista del KGB, Vassilij Mitrokhin ogni sera portava a casa i documenti più importanti e per trenta anni li consegnava agli occidentali.

Mithrokin era stato reclutato dagli inglesi e pagato dagli americani, con una suddivisione di competenze che si é sempre dimostrata vincente, l’inverso o la separatezza egoista, invece, rovinosi.

Il servizio inglese , non appena liberato dalle pastoie della collaborazione intraeuropea, ha ripreso a operare nel Mediterraneo, ritornato arteria vitale del mondo, puntando a rapporti privilegiati coi due paria della UE: Italia e Turchia; sta rafforzando la capacità di intercettazione delle antenne di Cipro, ha ripreso a dialogare con l’Iran e col partito dei Mullah ( che gli americani avevano sottovalutato definendolo “a british hobby”) e ripresero le fila delle trame antirusse del XIX secolo del grande gioco.

Per un momento la situazione sembrò non mutare, per via della violentissima reazione russa in Cecenia, ma le attività nel mondo slavo si rivelarono più fruttuose, specie quando si realizzò la sinergia con i tedeschi del BND, eredi della organizzazione Gehlen che non aveva mai abbandonato i suoi contatti nell’est Europa e in Russia, trasferendoli intatti agli americani assieme a quel che restava dei cospiratori anti Hitler (Hans Speidel ) che si occuparono di ricostruire le forze armate tedesche.

Altre 240 pagine che spiegano la genesi della più delicata operazione di spionaggio iniziata sul finire della guerra mondiale. All’allora capitano James Critchfield fu affidato l’incarico di capire cosa c’era di interessante nelle dichiarazioni di un militare tedesco che proponeva agli americani di ereditare tutto l’archivio di intelligence del gruppo armate est che aveva operato sul fronte russo. La condizione era che gli alleati si prendessero anche il personale addetto e la faccenda poteva essere fraintesa.Ne nacque , dopo settimane di interrogatori, una organizzazione che stipulò un regolare contratto col governo USA e rimase operativa vino a che il governo della Germania Ovest non lo assimilò creando il nuovo servizio segreto tedesco ( BND). Tra i vantaggi per gli alleati, la selezione degli ufficiali che cospirarono contro Hitler fino a tentare di ucciderlo.Tra i contatti, Stefan Bandera e gli ucraini che si allearono coi tedeschi per combattere l’URSS. Bandera, a Monaco di Baviera, fu ucciso da un agente del KGB rimasto sconosciuto: aveva usato un getto di gas nascosto in un finto pacchetto di Lucky strike.

La collaborazione tra BND, CIA, DIA e SIS ha portato, in otto anni di contrasti e scontri, all’esasperazione dei russi e in particolare di Putin che ha svolto gran parte del suo servizio estero nella Repubblica popolare tedesca e aveva particolare conoscenza della situazione ucraina, terra d’origine della sua famiglia e scarsa esperienza operativa in territori ostili. Una combinazione fatale.Per dettagli politici sul dossier, vedere corrieredellacollera.com tra il 2 febbraio 2014 e il 3 marzo 2014 quasi cinque articoli sul tema.

https://corrieredellacollera.com/2014/02/25/ucraina-prima-pedina-della-teoria-del-domino-o-prova-di-una-nuova-yalta-a-geometria-variabile-di-antonio-de-martini/

https://corrieredellacollera.com/2014/02/28/ucraina-tra-usa-e-russia-con-germania-mezzana-dalla-ribellione-alla-secessione-a-di-antonio-de-martini/

https://corrieredellacollera.com/2014/02/15/la-sfida-usa-russia-per-lucraina-intanto-pagano-i-paesi-brics-con-svalutazioni-selvagge-brasile-india-cina-sud-africa-di-antonio-de-martini/

https://corrieredellacollera.com/2014/03/14/la-russia-riponde-allamerica-con-una-proposta-globale-di-sfruttamento-economico-sostenibile-dellasia-sebastopoli-e-ormai-come-sagunto-ma-questa-volta-io-tifo-per-annibale-di-antonio-de-marti/

https://corrieredellacollera.com/2014/03/13/crisi-ucraina-il-signor-wolfowitz-nel-paese-degli-ignoranti-ha-fatto-scuola-di-antonio-de-martini-e-massimo-morigi/

https://corrieredellacollera.com/2014/03/08/ancora-su-ucraina-italia-stati-uniti-ma-scomodiamo-carl-schmitt-e-la-grande-bellezza-scegliete-di-antonio-de-martini-e-massimo-morigi/

https://corrieredellacollera.com/2014/03/02/crisi-ucraina-in-crescendo-per-supplire-alla-impossibilita-militare-di-intervento-n-a-t-o-e-soddisfare-la-fazione-bellicista-di-antonio-de-martini/

PUTIN E ZELENSKI

Destini paralleli: entrambi giunti al vertice dei rispettivi paesi in maniera fortunosa. Uno un piccolo funzionario di uno stato fallito che viene ripescato da amici pietroburghesi alla ricerca di un tipo zelante e proiettato alla guida del rinato KGB , ribattezzato FSB. L’altro, con minore anzianità di potere, recuperato da un oligarca, correligionario, Ihor Kolomoisky e tratto dalla mediocrità degli spettacoli trash (la fiction ” servitore del popolo”)alla candidatura alla presidenza, presentato come ” il candidato della pace”. Ha cercato di destreggiarsi consapevole di essere il vaso di coccio tra vasi di ferro. Illuminante la sua telefonata con Trump che gli ingiunge di condizionare i giudici (servile: ” sono con lei al 100%, anzi al 1000%”)e la sua viscida promessa lo fa ritrovare al centro della scena internazionale con minaccia di impeachment del presidente. Ma in questa crisi, scatta per entrambi la sindrome de ” IL GENERALE DELLA ROVERE”: si immedesimano nei rispettivi ruoli fino ad essere disposti al sacrificio per mantenere l’immagine conquistata fortunosamente. Mi auguro sopravvivano entrambi, ma ne dubito.

Se gli angloamericani vincono questa partita, del che dubito, sfondano l’area centrobalcanica e possono condizionare lo scacchiere incutendo timore fino alla Cina. Se vincono i Russi, la tentazione di replicare con la Romania e la Moldovia, dove i governi sono filo russi, sarà veemente. Gli inglesi, prudenti, non devono forzatamente partecipare a scontri sul continente. I tedeschi, invece, hanno stanziato cento miliardi: sono ottimisti e sperano che basteranno.

Gli italiani avrebbero potuto far leva sul magistero pontificio per dichiararsi neutrali o almeno ” non belligeranti”( tanto più che l’epicentro é in nord Europa), invece fanno affidamento sullo stellone d’Italia. Ancora una volta.

Pubblicità

TRA JOHNSON E MACRON, BIDEN SCEGLIE L’ANGLOSFERA E LA CHIAMA UKAUS

Proprio nel post di ieri rievocavo la creazione dell’area ABDA ( American, British, Dutch, Australian) durante la seconda guerra mondiale: una coalizione antigiapponese che nei pochi mesi di vita collezionò solo sconfitte . Ora la chiama Uk- A- US., ma negli scontri marittimi funzionò solo a Lepanto.

Nasce una triplice alleanza marittima anticinese. La Francia scartata a priori, se vuole l’alleanza europea , deve pagare un prezzo.

l’Australia accede alla propulsione nucleare.

Allora anche l’Italia può adottare il progetto della nave a propulsione nucleare che gli USA ci bloccarono a metà anni sessanta, oppure ammettere che esiste l’anglosfera dei signori anglosassoni della guerra e la carne da cannone italiana.

Mentre la Francia brigava con Prodi e i compagnucci della parrocchietta per creare una forza armata europea di pronto intervento, gli Stati Uniti hanno varato improvvisamente e senza informare nessuno degli alleati, una triplice alleanza delle ” democrazie marittime” con una dotazione di sottomarini nucleari ( adesso si capisce perché gli inglesi hanno pochi giorni fa spostato la flotta quasi per intero verso l’area indio-pacifico).

La Francia ha avuto una reazione isterica , un’altra l’avranno i nostri dirigenti nazionali costretti a scegliere tra Europa e USA-UK ma per l’Italia si aprono opportunità insperate a condizione che riusciamo fare uso di dignità e cervello.

Intanto una lezione: Per prima cosa gli USA hanno definito la loro priorità ( che non é la Russia, ma la Cina che ha riempito il vuoto lasciato dal Giappone nel 1945 con l’offerta di ” ricchezza condivisa”) e in conseguenza di questa hanno definito una strategia in tre punti: a) rafforzare il potere marittimo nel sud ovest pacifico e nella Insulindia in maniera da creare un cordone marittimo attorno alla Cina e rassicurare Taiwan , Corea , Giappone, Indonesia. b) proseguire nel rafforzamento dei legami con l’Australia per produrre un progressivo distacco dall’Inghilterra che segue di malavoglia la nuova coppia: Nuova Zelanda e Canada, che ha già sparato le sue cartucce contro la Huawei, non partecipano.

c) Dare un segnale chiaro agli europei – e tra questi i turchi, gli israeliani e i sauditi – che gli USA considerano finita l’epoca delle concessioni speciali. E’ il privilegio presidenziale se non si spera in un secondo mandato.

Il vantaggio concesso , a caro prezzo, all’Australia é l’accesso alla tecnologia nucleare: sommergibili nucleari made in USA al posto dei 12 sommergibili a propulsione convenzionale del contratto francese che ammontava a 50 miliardi di dollari di cui otto di elettronica esclusiva francese. Numero e prezzi sono ignoti, ma ingenti al punto da aver provocato vivaci reazioni dell’opposizione.

Il Premier australiano SCOTT MORRISON ha aderito alla proposta anche se accusato dalla capa dell’ opposizione di aver sprecato un miliardo ottenendo zero sottomarini dato che il lavoro fatto dal 2016 ad oggi coi francesi viene azzerato.

Questa scelta americana mette Emanuel Macron in seria difficoltà poiché é alla vigilia delle elezioni presidenziali e aveva cercato successi esteri per controbilanciare l’impopolarità di casa. Fallito il contenzioso coi turchi, non riuscita la mediazione col Libano , ora si trova ad avere al suo attivo unicamente l’assassinio di un capobanda del Mali e la speranza che gli italiani gli approvino l’idea della Comunità Europea di Difesa….. Il generale Boulanger si suicidò per meno.

L’Italia si trova in una posizione ambigua ma privilegiata, a metà strada tra Europa e USA e lo si vede dal corteggiamento di cui é oggetto negli ultimi tempi, da alcuni impropriamente attribuito al carisma del pur ottimo Mario Draghi. Gli USA hanno bisogno di noi per mantenere il controllo del Mediterraneo, del Maghreb, e frenare la deriva filo slava della Germania.

La Francia senza l’apporto italiano vedrebbe naufragare anche il sogno della forza europea di intervento rapido che la aiuterebbe a mantenere il controllo dell’Africa sub sahariana. La Germania perderebbe il suo migliore e più vicino mercato e un membro fondatore della Comunità Economica Europea. Ci han riempito di soldi e di elogi, ma possiamo ottenere di più.

I Cantieri navali francesi defraudati della commessa australiana per la quale si era speso personalmente Macron, saranno costretti a onorare il contratto con FINCANTIERI che aveva già pagato profumatamente per il controllo, ma anche questo non basta più e dobbiamo vedere cosa possono offrire gli americani.

Con questa mossa audace, mercantile e geopolitica a un tempo, gli USA hanno preso atto non solo che la leadership impone scelte e patti chiari, ma anche che in una coalizione non ci devono essere figli e figliastri a pena di malumori che minano le alleanze.

Nel 1966, progettammo per la Marina Militare un sottomarino a propulsione nucleare che avrebbe preso il nome di “Guglielmo Marconi”. Gli Stati Uniti posero il veto.

In sostituzione della ” Vulcano,”ripiegammo su un progetto di nave appoggio da 18.000 tonnellate a propulsione nucleare progettata da Fincantieri, che all’epoca si chiamava Italcantieri. La nave si sarebbe chiamata “ Enrico Fermi”.

Anche qui ci fu il veto americano. E’ giunto il momento di presentare, amichevolmente, le nostre richieste e di chiarire che il veto allo sviluppo di tecnologie nucleari italiane non é contemplato, visto che per gli australiani si é fatta eccezione al Trattato di non proliferazione nucleare ( TNP).

Commercialmente, gli USA si sono presi mezzo secolo di vantaggio e può bastare. Altrimenti il Mediterraneo e i turchi se li controllino con gli australiani che se ne sono già fatti un’idea a Gallipoli.
Se anche questa volta starete zitti e ossequiosi senza trattare francamente per sviluppare tecnologie nucleari non di guerra, é la volta che anche le casalinghe di Vigevano vorranno mettervi al muro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: