LA FINE DEGLI EQUILIBRI DI YALTA E L’INIZIO DEL MONDO MULTIPOLARE (videointervista a Gianni De Michelis)

Il mondo bipolare è morto col crollo del muro nel 1989. L’Italia tarda a rendersene conto. Di qui, le vicende di Battisti in Brasile e dei marò in India ed una serie di altri eventi che dimostrano che l’Italia tarda a mettere a punto la sua risposta Europea o mediterranea.

Gianni De Michelis  a lungo ministro degli esteri italiano e negoziatore del trattato di Maastricht, parla con Arnaldo Vitangeli della guerra in Jugoslavia, quella in Siria e la crisi ucraina, mettendo in prospettiva gli avvenimenti e i loro riflessi mediterranei.

Annunci
Trackbacks are closed, but you can post a comment.

Commenti

  • gicecca  On marzo 8, 2014 at 7:55 am

    Prima ancora di ascoltare l’intervista di De Michelis, vorrei ricordare che lo stesso, quando era Ministro degli esteri dopo che lo era stato a lungo Andreotti, ebbe a definire il suo predecessore “un maestro”. A parte il dover sottolineare l’umiltà di definire tale uno che era venuto prima di luie che non apparteneva neanche alla sua parte politica, in un tempo in cui al contrario i giovani si gloriano, prima di aver fatto o dimostrato alcun che, di “rottamare” o di “aver finalmente rottamato” chi li ha preceduti, mi pare opportuno rimarcare tale comportamento. Ora ascolto De Michelis. GiC

    • antoniochedice  On marzo 8, 2014 at 8:32 am

      Sei una gran persona

  • Anafesto  On marzo 8, 2014 at 10:02 am

    Mah, ricordo che, negli anni ’90, al momento di formalizzare l’UE c’erano i gran proclami che sarebbe sorta la maggior economia mondiale.
    Gli americani non sono scemi, oggi si vedono i risultati!
    Non è solo il “divide et impera” che credo sia evidente, con buona pace dei quisling onnipervasivi, ma anche una vera e propria guerra finanziaria tra i paesi componenti l’UE; la seconda guerra mondiale ripresa con altre armi.
    Personalmente non riesco a capire se le élite europee sono decerebrate o totalmente vendute all’unica potenza egemone (fino a qualche anno fa).
    Il declino degli USA, con l’Europa fedele cagnolino (ridimensionato) che ha distrutto la sua identità per adeguarla a quella dell’impero, porta ad azioni che a mio avviso in geopolitica si rivelano schizoidi.
    Già dal 1991 le cose hanno preso una piega preoccupante: gli USA si sono rivelati per quello che erano, dei bulli internazionali, e l’Europa a seguire.
    Inutili i panegirici su quello che dovrebbe fare l’Italia se anche la stessa Europa è totalmente sottomessa.
    A mio avviso occorre staccare la spina, magari, se possibile, dichiarandosi neutrali, cosa non data e per i rappresentanti che abbiamo e per eventuali gioghi imposti alla fine della seconda guerra mondiale.
    Queste cose non sono di pubblico dominio, ma si decidono nelle segrete stanze dai nipotini di Vidkund Quisling.
    Che possibilità abbiamo di interferire?

    • antoniochedice  On marzo 8, 2014 at 6:53 pm

      Fino a che ragioniamo col metro della seconda guerra mondiale ( ossia come fa lei) , nessuna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: