CIPRO: VENERE E EUROPA SONO NATE QUI. LA GERMANIA NON LE VUOLE. di Antonio de Martini

Al vertice UE del 13 dicembre scorso e a quello successivo del 21 gennaio, non è stato trovato alcun accordo circa la risposta da dare a Cipro che da nove mesi aspetta di sapere se la sua richiesta di un prestito per uscire dalla crisi verrà accolta dagli egoisti di Bruxelles.

Il prodotto nazionale lordo di Cipro pesa per lo 0,2% ( zerovirgoladuepercento) di quello europeo e quindi non se ne fa una questione di denaro, ma di principio o se preferite, di razzismo anti mediterraneo, mascherato da anticomunismo.
Il presidente della Repubblica, Demetris Christophias, è il capo del partito comunista dell’isola e verrà sostituito domani per scadenza del mandato.
Finora di era opposto alla politica di austerità che la Troika impone a chi bussa a quattrini e la richiesta di sostegno ha incontrato un muro di silenzio distratto.
Da martedì , il ” fin de non recevoir” del Presidente non avrà ragion d’essere e il problema si ripresenta in tutta la sua crudezza e pericolosità.

Il Governo tedesco ha fatto capire e poi l’ha detto apertamente che affronterà il problema dopo le elezioni tedesche di settembre. Se la Grecia a aspettato trenta mesi, Cipro ne può attendere diciotto.
In risposta a chi ne faceva una questione di tempo, la risposta è stata di far fallire la Repubblica di Cipro, tanto è piccolina.

La Cancelliera Angela Merkel non vuole offrire ai socialisti tedeschi la possibilità di sfruttare questo altro cavallo di battaglia nella campagna elettorale ormai in partenza.

Il governatore della BCE, Mario Draghi, ha denunziato i danni dell’attendismo tedesco.
Il Fondo monetario internazionale ha proposto di dichiarare forfait ai produttori privati. ( come ha fatto, negoziando, la Grecia) .
L’Eurogruppo invece propone di scaricare buona parte del debito sui clienti privati delle banche cipriote, in buona parte russi.
Misure, queste, estreme e mai prese in considerazione nei casi precedenti affrontati in tutta la UE.
Tutto, insomma, pur di non offrire un argomento in più in campagna elettorale ai socialdemocratici della SPD.

Jeorg Asmussen, il vice tedesco di Draghi in BCE, trema all’idea che scoppi la grana in piena campagna elettorale tedesca e ritardando rischia proprio di provocare quel che teme.

Preoccupati tutti gli altri partners , invece , per le conseguenze sull’Euro e di fronte alla prospettiva di una rottura tra L’Euro e la piccola Repubblica: ritengono che ceda un pilastrone o un pilastrino, l’effetto sui mercati sarà ugualmente devastante e credo abbiano ragione. Come minimo, sarebbe seguita dalla Grecia.

I ciprioti, cercano di ridurre l’entità del prestito con ogni mezzo e sperano di ottenere aiuti dalla Russia che ha forti investimenti in loco. Hanno ridotto la richiesta da 17 a 15 miliardi per aiutare a dipanare la matassa.
La Germania, accecata dalla sua frenesia elettorale, non si rende conto che ottenere un prestito dalla Russia, significa rinunziare – prima o poi – al legame con la NATO ( Cipro è la retrovia strategica di Israele e dell’occidente) e far mettere una ipoteca sui giacimenti di gas di Tamar e Leviathan di cui Cipro è importante titolare di diritti.
Il governo non ha ammesso la Russia alla gara per l’assegnazione del primo lotto di concessione di ricerca di gas e la Russia ha risposto non rispondendo alla richiesta di un prestito di cinque miliardi e la proroga di un altro da 2,5 in scadenza nel 2016.
Il do ut Des, non potrebbe essere più chiaro.

I trackback sono chiusi, ma puoi postare un commento.

Commenti

  • gicecca  Il febbraio 17, 2013 alle 3:59 pm

    In Europa la bellezza é morta da tempo e quindi chi se ne frega di Venere. GiC

    • antoniochedice  Il febbraio 17, 2013 alle 6:24 pm

      Venere era bella, certamente, ma era la Dea dell’Amore. È adesso di che te ne freghi…..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: