COME E COSA PENSANO I TERRORISTI QUANDO SCELGONO UN OBIETTIVO IN EUROPA?  di Antonio de Martini

In questi giorni ho avuto molto daffare col mio “blog privato”. Molti amici infatti  sollevano problemi o quesiti cui rispondo individualmente, specie se i temi trattati rischiano di infiammare gli animi dei numerosi NN (narcisi nazistelli) che cercano di parlare degli ebrei anche quando parlo di collezionare farfalle.

Un quesito realmente pericoloso invece è il tema  periodicamente riaffiorante  che riguarda la possibilità che qualche terrorista si infiltri tra i migranti clandestini. Molti che in buonafede pongono questa domanda fanno in realtà il gioco di chi auspica distrarre l’attenzione dei terroristi dal proprio territorio e mandarli da noi.

Premesso che ” tutto è possibile fuorché l’uomo gravido” come dice il proverbio, riporto uno scambio di mail avuto con un “amico di mail” piemontese in cui spiego quali siano a mio parere i motivi che mi hanno spinto a ritenere che l’Italia non sia il target principale ( e nemmeno quello  secondario)  del terrorismo arabo islamista, a parte il fatto che la maggior parte di coloro che vengono da noi sfuggono alla guerra e rappresentano le speranze di una famiglia che attende l’esito del viaggio per tornare a sperare. Ecco il testo della mia risposta.

” Esistono sfigati che vivono di stenti e che alla fine si lasciano reclutare dai terroristi per fame. Ma quando abbiamo analizzato la situazione ( c’è corrispondenza pregressa ndr), la domanda era se un terrorista potesse usare i barconi al fine di venire  in Italia a commettere attentati.

Resto convinto che per un terrorista sarebbe una idiozia rischiare la vita in un contesto estraneo all’attentato propriamente detto e , in più , un attentato in Italia ritengo non sia in calendario per una serie di motivi che illustro in breve.

Un arabo pensante ( i terroristi pensano) non dovrebbe scegliere come obiettivo l’Italia perché noi italiani:

A) siamo i più simili a loro nel mondo. Le ricerche mediche dicono che il nostro DNA nel centro sud è prevalentemente greco e in Sardegna addirittura fenicio. Voi celti vi meritereste una lezioncina, ma ormai avete imbarcato troppi calabresi che potrebbero restare vittime di un attentato.

La differenza è tanto palpabile che – è successo a mio padre- quando il fascismo proibì di dare la cittadinanza anche agli ascari, uno sciumbasci ( sottufficiale) molto valoroso ( credeva che si diventasse italiani per merito di guerra….) visto che non era possibile, chiese se poteva almeno…diventare siciliano.

B) Chi ha suscitato odio sono gli inglesi e i francesi ex potenze coloniali e abitanti molto razzisti. Gli americani provocano invece prevalentemente incomprensione e disprezzo. Erano odiati da Ben Laden (Arabia Saudita mai colonizzata fino al 91) per ragioni religiose: gli USA avevano occupato il paese che ospitava i luoghi santi dell’islam e Abd El Wahab , il teologo fondatore del wahabismo non amava gli stranieri in casa ( l’Islam prescrive invece l’ospitalità).

C) l’Italia nel conflitto palestinese è stata il primo e solo paese a sponsorizzare il piano di pace europeo facendolo approvare al vertice di Venezia ( Aldo Moro) . Siamo considerati amici in questa vertenza che scalda gli animi oltremisura. Piero ed io conosciamo l’ufficiale che condusse la trattativa e sappiamo che questa ci ha dato trenta anni di pace mentre il resto di Europa era teatro di scontri e attentati. L’attentato fatto alla Sinagoga che costò la vita al piccolo Taschè ( e di cui ho parlato ben prima di Mattarella) fu commissionato  a un cialtrone nella speranza di  veder rompere questo accordo che invece resse.

D) Un attentato in Italia rischierebbe di far cambiare l’atteggiamento della pubblica opinione verso il mondo arabo e islamico che ancora oggi -solo a nord è cambiato negli ultimi anni, ma verso gli stranieri in genere- è generalmente neutro-favorevole. Sarebbe un errore politico molto grave per gli arabi.

E) La manovalanza terroristica ha bisogno di motivazione anche personale: o è economica o di rancori. I rancori sono tutti anti inglesi, anti francesi e un pochino anti belgi (per gli africani).

F) La pubblica opinione araba e anche islamica ( mediamente molto più informata della nostra in politica estera) per tutte queste ragioni ci è favorevole e i terroristi ne tengono conto: fanno attentati che suscitino il plauso del loro mondo. Un attentato in Italia non verrebbe capito e verrebbe anche percepito come un segno di debolezza e una implicita ammissione di non poter operare contro i veri cattivi che sappiamo.

G) il Vaticano viene assimilato all’Italia ( per una volta …) i cristiani vengono ancor oggi  chiamati ” rumi” ossia romani . Gli ultimi papi – a partire da Paolo VI – hanno sempre preso in considerazione la causa palestinese, un vescovo cattolico di rito greco di Gerusalemme (Ilarion Cappucci) si beccò tre anni di detenzione israeliana in isolamento per aver trasportato armi nel bagagliaio della sua auto da un punto all’altro di Gerusalemme.

Questo fatto, qui in Italia non lo ricorda nessuno, ma nel mondo arabo circolano i santini con la sua effigie. Le proposte vaticane di internazionalizzare Gerusalemme come ” Città Santa” ( in ipotesi la massima autorità sarebbe religiosa…) sono un ostacolo oggettivo all’annessione nello stato di Israele. E anche questo conta.

Il 7 per cento dei palestinesi sono cristiani e una legge israeliana del 24 febbraio 2014 con cui veniva concesso ai cristiani di fare il servizio militare, non sta avendo il successo divisivo che si aspettavano. In queste condizioni un attentato al Vaticano arrecherebbe gravi danni alla causa arabo-palestinese che rappresenta la parte più delicata dello scontro in atto.

Ecco , in breve, le ragioni per cui considero remota l’ipotesi di un attentato islamista in Italia che invece potrebbe essere fatto da elementi estranei all’Islam e vedo nell’insistenza su questi temi irrazionali e nell’assenza di analisi informate sul tema nei media, un elemento preparatorio tipico. 

Inizialmente ti ho risposto con tono sfottente perché credevo che mi volessi prendere bonariamente in giro. Al solito attribuisco a voi polentoni un “sense of humour” levantino di cui sento la mancanza da  quando ho a che fare con voi non mediterranei.” Fin qui la corrispondenza.

Ho lasciato il tono informale al testo e spero che non dispiaccia. A questo vorrei aggiungere tre considerazioni sfuggitemi nel corrispondere di getto:

1) un attentato serve a colpire la fantasia  della popolazione e fare proseliti . Gli attentatori quindi ascoltano con attenzione le chiacchiere dei caffè e dei bazar, stimolano idee, lanciano suggestioni atte ad enfatizzare il successo del colpo.  Gli umori dei soul rappresentano la forza dell’opinione pubblica del mondo arabo e sono un barometro infallibile..

Per intercettare questi umori bisogna conoscere la lingua,  avere tratti somatici compatibili,  vivere frequentando unicamente l’ambiente reale del paese e non il mondo diplomatico o, peggio, quello dei briefing delle missioni militari alleate.  Vorrei tanto sperare che la nostra Intelligence stia usando questi elementi per prevedere. Sbagliano persino i bollettini meteo….

L’Italia è il solo paese che  – grazie a Mattei e Pontecorvo ( il regista) – abbia fattivamente appoggiato la lotta anti colonialista in Algeria ( anche col bellissimo film ” La battaglia di Algeri” rimasto negli annali del mondo arabo) e sempre grazie a Mattei,  anche i primi fermenti di indipendenza economica e nazionale dell’Iran.

Dovremmo fare come sta facendo qualche nostro leale alleato che mette in giro ipotesi di attentati in Italia per stornare l’attenzione dal suo paese  e deciderci a  inviare un bel numero di Agenti nel mondo arabo-islamico a fare ipotesi di attentati altrove.

Infine , nel 1982 il contingente italiano al comando di Franco Angioni e con Corrado Cantatore come ufficiale alla Intelligence, presidiarono i campi palestinesi e il quartiere degli sciiti più poveri

. Partendo regalarono loro l’ospedale da campo in dotazione al contingente. In questa impresa, gli americani persero 234 uomini, i francesi 54. noi uno. Accoppato al policlinico di Bari dove era giunto ferito alla schiena  e un intervento in estremis a Lione non poté rimediare al danno inferto dal ferro amico.

Annunci
Trackbacks are closed, but you can post a comment.

Commenti

  • Anafesto  On maggio 21, 2015 at 5:48 pm

    Credo che lei abbia totalmente ragione, anche se non conosco come lei la mentalità mediorientale e araba in particolare.
    Potranno pure esserci alcuni elementi fondamentalisti, che di solito si ama far ricadere nella categoria degli islamici, che potrebbero fungere da schegge impazzite, personalmente sarei molto più preoccupato per le schegge più o meno impazzite pilotate da altri fondamentalismi.
    Ora sto seguendo con attenzione la vicenda del marocchino accusato nel concorso nell’attentato del museo del Bardo, non ostante fosse in Italia da circa un mese e che nei giorni cruciali fosse più occupato a imparare l’italiano che a ordire trame terroristiche; che sia posibile che anche in Tunisia vi siano giudici capaci degli svarioni del caso Tortora?
    Sarebbe veramente grave che dopo il caso Shalabayeva al nostro Ministero degli Interni riuscisse in un deprecabilissimo bis.
    Ritengo utile un minimo di informazione corretta; il caso del terrorista arrivato in Italia con i barconi sembra sia congegnale a deviare l’attenzione pubblica da fatti ben più gravi: dopo aver regalato la Banca d’Italia a privati per un importo che qualsiasi italiano sarebbe stato lieto di ragrannellare, ora si viene a sapere che sono riusciti a svendere Ansaldo Breda, con un portafoglio ordini di quasi 2 miliardi di € per l’iperbolica cifra di 36 milioni, ai giapponesi dell’Hitachi; abbiamo dei politici e boiardi di stato veramente allucinanti e allucinati che purtroppo non pagano mai per le loro malefatte!

    • antoniochedice  On maggio 21, 2015 at 6:56 pm

      Separiamo il grano dal loglio: il giovane marocchino pare sia stato arrestato su input del servizio segreto marocchino. La faccenda non è limpida e le probabilità che il servizio segreto del Marocco sappia qualcosa dell’attentato al museo del Bardo, non è da escludere, ma è remota. Molto remota.
      È più probabile che i marocchini abbiano inventato una accusa per mettere le mani sul bollente giovanotto.
      Per la Breda, non sono informato, ma credo che non si dia mai verificata una vendita di grande valenza senza che ci fossero sotto i soliti magheggi. Anche qui la possibilità di una manovra pulita non è da escludere ma è da considerarsi remota. Molto remota.

  • pietro della valle  On maggio 21, 2015 at 7:20 pm

    se mi permette, “rumi” indica piuttosto i cristiani ortodossi, o meglio, i bizantini. i cristiani arabi vengono designati come “nasrani”, termine che in marocco può acquistare un connotato dispregiativo, mentre i cattolici e in genere i cristiani europei vengono chiamati col termine più vago “masihi”.
    e se mi permette ancora,tutto ciò che lei dice è giusto, tuttavia le logiche e i fini politici del cosiddetto terrorismo islamico, credo andrebbero cercate piuttosto presso le cancellerie occidental-imperiali dei burattinai che tirano i fili di tante marionette inconsapevoli che credono di servire un idea mentre inveceassecondano degli interessi.
    cordiali saluti

    • antoniochedice  On maggio 21, 2015 at 8:51 pm

      Lei ha ragione. Vengono chiamati nazareni o del messia. In un precedente post sui cristiani d’Oriente ho scritto che in maggioranza nel Levante sono ortodossi.

  • adamenzo  On maggio 22, 2015 at 7:49 am

    concordo che gli “islamici” non hanno motivo palusibile per un attentanto in italia.
    ma non escluderei, in linea di principio, una “falsa bandiera”. e per questa, le motivazioni da parte dei “soliti noti” potrebbero essere ricercate in qualche eventuale episodio di scarsa obbedienza……, nel caso si verificasse.

    • antoniochedice  On maggio 22, 2015 at 8:14 am

      Fantasie. Il punto concreto è che si vuole indicare un obiettivo per distogliere l’attenzione dal proprio paese.

  • antoniochedice  On dicembre 8, 2015 at 10:58 am

    L’ha ribloggato su IL CORRIERE DELLA COLLERAe ha commentato:

    È un argomento su cui ritorneremo presto.

  • antoniochedice  On dicembre 8, 2015 at 2:22 pm

    Rileggendo, mi accorgo di non aver citato un fattore importante, ossia l’influenza inglese – antitaliana – che ha sempre mantenuto una sua malefica capacità di convincimento. Per tutto il secolo passato i britannici hanno sempre ridicolizzato il valore delle armi italiane, gli italiani e il loro coraggio.
    Adesso questa distorsione propagandistica ci può giovare: gli arabi , anche gli aspiranti suicidi, sognano di compiere una impresa epica da tramandare ai posteri.
    Attaccare gli italiani, non porta tanta gloria come colpire l’impero inglese e il suo Commonwealth .
    Come dire? La loro propaganda gli si è ritorta contro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: