ROMA. Una proposta per farla risorgere. di Antonio de Martini

Tra pochi giorni a Roma ci sarà un nuovo sindaco, nuovi consiglieri comunali, nuovi organi amministrativi delle circoscrizioni.
Di vecchio ci saranno il sistema di raccolta delle immondizie ( c’è gente che ancora crede alla raccolta differenziata), i buchi nelle strade e i debiti. Tanti debiti.
Poiché chi si lancia in politica senza esserne richiesto è quasi sempre un narciso, è probabile che creda fermamente di averlo meritato e di essere in grado di risolvere i problemi.

Sarà solo dopo un quadriennio di cantonate che si presenterà agli elettori dicendo che ha finalmente capito quali siano i problemi da affrontare e chiederà la riconferma invitando i cittadini a votare lui e non l’intrigante che vorrebbe sostituirlo col pretesto di essere una forza nuova.
Chiunque vinca, ha una sola possibilità di riuscire a fare qualcosa : sbarazzarsi per prima cosa del debito contratto dai predecessori che succhia 550 milioni di euro di interessi passivi all’anno.
Come?
Semplice: chiedere al governo di riconoscere lo stato di insolvenza e di nominarlo commissario.
Questa soluzione diminuirebbe ipso facto il deficit del comune e consentirebbe la diminuzione di
mezzo miliardo di euro annuo di spesa per interessi.
Accanto a questo risparmio che consentirebbe al Comune di disporre della liquidità necessaria a muovere i primi passi sulla via dell’ammodernamento avremmo una serie di benefici secondari come ad esempio, la eliminazione del Consiglio comunale composto in massima parte dai rissosi ladruncoli che conosciamo, mentre qualche eventuale onesto capitatoci per caso sono certo plaudirebbe al proprio sacrificio in nome del bene comune.

Non è il caso di vergognarsi del ” botto”, l’ha fatto anche lo stato di California!

Un altro vantaggio consisterebbe nella caccia al colpevole del buco finanziario immenso – magari in tribunale – e se ne vedrebbero delle belle.

Gli imprenditori impegnati alla corresponsione del “pizzo” si sentirebbero legittimati ad interrompere le “dazioni” e magari anche i vigili urbani potrebbero avere il loro momento di gloria rinunziando agli straordinari che percepiscono quotidianamente dalle 14 in poi.

Magari, non temendo di perdere i voti, il Commissario potrebbe scoprire l’esistenza dei turni, della esistenza degli inceneritori di immondizie non differenziate, del capitolato ideale per le riparazioni stradali e della riduzione in pristino delle strade dopo escavazioni successive per depositare cavi elettrici, telefonici, condotte di acqua o di gas.

Forse, ma qui oso troppo, il Commissario potrebbe persino scoprire che la pubblica sicurezza non è tra le potestà di un sindaco e abolire la tassa di soggiorno per i turisti che ci portano ricchezza e importa ai croceristi che vengono da Civitavecchia per nove ore e via.

Annunci
I trackback sono chiusi, ma puoi postare un commento.

Commenti

  • Antonio  Il giugno 9, 2013 alle 11:42 am

    Caro Tonino e’quello che avevamo suggerito al Sindaco uscente ma lui lo ha fatto solo per metà’ …sai c’erano eletti da rispettare

    • antoniochedice  Il giugno 9, 2013 alle 11:54 am

      Appunto, la via dell’inferno, come sappiamo, e’ lastricata bene. Beati loro.

  • valgargii  Il giugno 9, 2013 alle 12:42 pm

    Bell:articolo.

  • mauro marabini  Il giugno 9, 2013 alle 1:40 pm

    mi semba una ottima idea, ma solo i grillini, a mio avviso, quelli di prima delle elezioni, potrebbero seguire queste idee di buon senso. La sinistra non accetterà mai, perché non é “democratica”, la destra pure perché vive di queste disfunzioni come del resto anche la sinistra.

    • Giacomo C.P.  Il giugno 10, 2013 alle 2:31 pm

      Ha ragione, la sinistra direbbe ‘non è democratica’ e la destra si accoderebbe alla critica perchè è succube della sinistra.

      • antoniochedice  Il giugno 10, 2013 alle 2:55 pm

        O viceversa…

  • antoniochedice  Il novembre 2, 2014 alle 9:57 am

    L’ha ribloggato su IL CORRIERE DELLA COLLERAe ha commentato:

    IL VILE, PIÙ TEMPO PASSA E PIÙ SI PENTE. ( proverbio arabo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: