Archivi del giorno: luglio 18, 2013

ECCO UN REBLOG ARTIGIANALE SULLA ELEZIONE DEL NUOVO PAPA. PUBBLICATO IL 10 MARZO È STRANAMENTE IRRAGIUNGIBILE IN ARCHIVIO DOPO AVERLO FATTO VEDERE A QUATRO PERSONE. HO FATTO COPIA E INCOLLA E RIMEDIATO , MA IL DUBBIO SU CHI “SMANETTA” RIMANE. di Antonio de Martini

http://corrieredellacollera.com
In tutti i conclavi del XX secolo (1903, 1914, 1922, 1939, 1958, 1963, 1978, 1978,) ci sono voluti, secondo il blog di J.M. Guenois, in media otto scrutini. Il Papa eletto potrebbe arrivare tra il pomeriggio e la fine del terzo giorno. Un venerdì.
Il primo conclave del XXI secolo, quello che ha eletto Ratzinger nel 2005 ha richiesto quattro scrutini, ma l’agonia del Papa polacco aveva dato a tutti il tempo per prepararsi all’evento.

Continua a leggere

Annunci

ATTENTI: LA GHIGLIOTTINA È UNA INVENZIONE ITALIANA ! (voce tratta da da wikipedia. Chi si ostina a voler morire abbracciato alla poltrona, dovrebbe tenerne conto)

MA C’È CHI NON L’HA LETTA

IL CORRIERE DELLA COLLERA

Il 1° dicembre 1789 il Deputato Guillotin dichiaró all’assemblea “Moi avec ma machine je vous fais sauter la tête d’un clin d’oeil, et vous ne souffrez pas” cioè “Io colla mia macchina vi faccio saltar la testa in un batter d’occhio senza che abbiate a soffrire”. La espressione “ma machine” ha fatto credere che il Guillotin sia stato l’inventore della macchina. E per colorire la leggenda si disse anche essere egli stato uno dei primi condannati che ne fecero l’esperimento, anzi precisamente il primo.
Ovviamente è una leggenda. Morì nel suo letto

Il Guillotin non inventò la macchina, alla quale ha dato, senza sua colpa né merito, il suo nome, e non fu per nulla ghigliottinato. Anzi, sopravisse lungamente al tempo in cui l’uso della ghigliottina fu, per così dire consacrato in Francia dalla qualità e dalla quantità delle vittime. Mal si spiega per altro come l’errore circa l’inventore e…

View original post 1.326 altre parole

CRISI FINANZIARIA: IL FRONTE DEI PAESI CREDITORI DA SEGNI DI CEDIMENTO. di Antonio de Martini

http://corrieredellacollera.com
qualcosa sta cambiando e i paesi creditori stanno dando segnali di piccoli cedimenti.
il tempo ci dirà se sono segnali dovuti alla paura o se stanno allentando il cappio per far respirare i debitori per poi tornare a spremere senza pietà.
I segnali percepiti sono:

a) Argentina: l’avevamo lasciata , dopo che il FMI aveva mostrato ” il cartellino rosso” ed era iniziata la guerra delle due Cristine ( Lagarde e Kirchner) . Tra l’Argentina e un nuovo default stava solo la pronunzia di un tribunale americano cui la Kirchner aveva fatto ricorso e la sentenza era attesa per settembre. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: