CONTINUA LA MARCIA DI AVVICINAMETO TRA I CATTOLICI E GLI ORTODOSSI CON GESTI SENZA PRECEDENTI. di Antonio de Martini

Dopo secoli di polemiche e scomuniche reciproche, i rapporti tra i cattolici ed il mondo ortodosso stanno vivendo una fioritura di primavera.
Dopo gli incontri e l’unità di intenti e di azione manifestati dai Cristiani di Siria, prima, e del Libano poi, ( col Patriarca Bechara Butros Rai che si recò a Damasco per l’intronazione del Patriarca ortodosso di Antiochia e di tutto l’Oriente e poi incontrò a Mosca il Patriarca Kirill II e il presidente della Duma Sergej Naryshkin), dopo il gesto di cortesia liturgica senza precedenti della presenza del Patriarca Bartolomeo di Costantinopoli che ha partecipato alla cerimonia inaugurale del papato di Francesco e dopo l’adozione da parte del Papa della formula di insediamento ortodossa all’intronamento in San Giovanni in Laterano, ecco l’annunzio che il Patriarca Copto ( ortodosso) Tawadros di Alessandria verrà a Roma attorno al 10 maggio in visita al Papa e vi resterà alcuni giorni.

Quaranta anni fa, il suo predecessore Shenuda III incontrò Paolo VI dando il via alla stagione degli incontri.
adesso siamo alle intese liturgiche ed alla creazione di presupposti concreti di unione.
Nel corso della settimana a Roma ci sarà certamente una funzione mariana ed è possibile che vi siano ulteriori passi avanti reciproci.

La Madonna è venerata anche dagli islamici al punto che in Libano la festa mariana di maggio è stata fatta festa nazionale all’unanimità.

Il mese scorso, con un altro gesto denso di significati anche politici, il Patriarca Tawadros – eletto a novembre – ha partecipato alla inaugurazione del Patriarca cattolico
( copto) Ibrahim Sidrak di Alessandria.
Impensabile fino a un paio di anni fa.

Il riavvicinamento tra le due chiese – anche se necessitato dalle contingenti persecuzioni in Siria e in Egitto – assume una valenza storica di grande portata date le lotte feroci e le persecuzioni violentissime ( non ci si odia veramente che tra fratelli) che indussero i cristiani di oriente ad appoggiare gli invasori mussulmani contro Bisanzio pur di sfuggire alle torture organizzate dagli zeloti cattolici a caccia di eresie.

I cristiani in Egitto sono circa il 7% della popolazione,la stragrande maggioranza copti ( in Etiopia sono ancora la maggioranza). Negli ultimi mesi hanno avuto numerosi scontri mortali con gli islamisti al Cairo e nell’interno, fino alla pubblica denunzia di negligenza lanciata contro la polizia dell’ambiguo presidente Morsi dal Patriarca in persona.

A parte le convergenze dottrinarie, l’unità dei Cristiani d’Oriente ( nove milioni in tutto) si sta estendendo al mondo intero e consolidando, grazie alla crisi siriana che fornisce il banco di prova della solidarietà tra cristiani.

I trackback sono chiusi, ma puoi postare un commento.

Commenti

  • gicecca  Il aprile 25, 2013 alle 7:45 am

    Naturalmente il processo di riconoscimenti reciproci tra cattolici e ortodossi e magari di “unione” é da auspicare. Ma in molti momenti drammatici o pericolosi della storia questo processo ha tentato di avviarsi, soprattutto quando una delle due parti ha ritenuto di essere in grave pericolo. Basta pensare alla “riunificazione” voluta da Michele VIII e sancita dal Concilio di Lione nel 1274 e la riunificazione tra Giovanni VIII di Bisanzio e i cattolici di Eugenio IV a Firenze nel 1439, in entrambi i casi le Chiese Orientali erano in forte difficoltà e l’unione ebbe una forte spinta. Sfortunatamente, passata o quasi la bufera, le “basi” si sono sempre opposte, anche violentemente, alle riunioni volute dai “vertici”. Mi auguro che nel prossimo futuro il passato venga smentito, ma ci credo poco. GiC

    • antoniochedice  Il aprile 25, 2013 alle 9:05 am

      Anche il processo di unita’ europea ha avuto un forte impulso grazie alla presenza di Stalin, si e’ fermato alla sua morte e si e’ cominciato a sfaciare con la caduta dell’Unione Sovietica. A proposito, la Chiesa Ortodossa russa partecipa al riavvicinamento pur non sentendosi in pericolo. Anzi.
      Le mail ti raggiungono ovunque con BlackBerry® from Vodafone!

  • robertobuffagni  Il aprile 25, 2013 alle 4:23 PM

    Il riavvicinamento tra le Chiese cattolica ed ortodossa è un processo della massima importanza religiosa e politica, che spero possa proseguire.
    Mi piace ricordare qui, a margine, il metropolita Nikodim di Leningrado che nel 1978, appena cinquantenne, morì di un attacco cardiaco nel corso di un irritualissimo colloquio privato con l’appena intronizzato Giovanni Paolo, morto anch’egli improvvisamente di lì a pochi giorni.
    Molto interessante – anche per alcuni dettagli poco noti, quali l’imprevisto in seguito al quale il metropolita finì per salire, senza il suo seguito, sull’auto che trasportava in Vaticano la delegazione bulgara – l’intervista che nel 2006 rilasciò a “30 giorni” Miguel Arranz, il gesuita che fungeva da interprete per il papa: http://www.30giorni.it/articoli_id_10590_l1.htm
    Aggiungo che Vladimir Volkoff, scrittore francese d’origine russa bianca e cugino del patriarca di Mosca attuale, trasse spunto dall’episodio per un suo romanzo di spionaggio teologico, “L’hote du Pape” (éd. du Rocher, 2004).
    Due curiosità: del metropolita Nikodim si disse ch’era in rapporti un po’ tanto stretti con il KGB (qualcuno sostenne che il KGB lo avesse addirittura infiltrato nella Chiesa ortodossa), tant’è vero che il presidente del KGB A. Scelepin lo designò a presiedere il Dipartimento per le relazioni con le chiese straniere; e Vladimir Volkoff, ufficiale addetto al renseignement nella guerra d’Algeria, rimase sempre in ottimi rapporti con A, de Marenches.

  • antoniochedice  Il luglio 11, 2015 alle 12:18 am

    L’ha ribloggato su IL CORRIERE DELLA COLLERAe ha commentato:

    C’è un monsignore che non l’ha letto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...