Un’altra delusione USA : La Tunisia difende la propria sovranità nazionale e rifiuta le condizioni poste dalla Banca Mondiale per dare assistenza economica. di Antonio de Martini

Tunisi ha respinto le condizioni dettate dalla Banca Mondiale e dalla UE per la concessione di aiuti  economici alla Tunisia. Un portavoce del governo ha dichiarato oggi che quest’ultimo reputa inaccettabile  qualunque ingerenza straniera nella politica interna tunisina, giudicando ” fuori luogo” la richiesta di una stampa libera da parte della comunità internazionale.

Hamadi al-Jabali, inoltre, Primo Ministro e Segretario Generale di Ennahda, ha affermato che la Tunisia è interessata a formare un grande blocco economico arabo.

Il primo passo di questo blocco economico include ovviamente la Libia e gli altri paesi del Maghreb.

La primavera araba ha così fornito l’ennesima nespola acerba  che gli europei  stenteranno a inghiottire, mentre la Clinton troverà ottima.

 D’altronde anche i tunisini non hanno digerito il cambiamento.

Hanno mandato via  Zein El Abidin Ben Alì e perso la parvenza di libertà e benessere che lentamente si spandeva, credendo di andare verso un avvenire radioso e prospero: ne hanno ottenuto  una restrizione della libertà di stampa, il blocco delle attività economiche e la rovina delle attività economiche connesse al turismo.

Mentre Ben Alì era – per dirla con l’imperatore Tiberio – una ape sazia, i nuovi arrivati  non hanno problemi di dieta, ma annunziano digiuni che rischiano di durare piu a lungo del Ramadan.

L’ambasciatore USA otterrà certo una promozione.  Potrebbero mandarlo a Roma…

Annunci
I trackback sono chiusi, ma puoi postare un commento.

Commenti

  • gicecca  Il Mag 17, 2012 alle 2:41 pm

    “La Tunisia reputa inaccettabili le condizioni poste dall’UE per la concessione di aiuti economici al Paese”. Vuoi vedere che Cartagine finisce per dar lezione ad Atene (ed anche a Roma ) ? GiC

  • donato  Il Mag 18, 2012 alle 12:43 am

    In compenso possono deliziarsi con la visita della Guida Suprema Napolitano.Il quale ha dichiarato “Il mio pensiero corre alla Siria” Conoscendo i suoi precedenti pare che i damasceni siano in preda al terrore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: