Archivi del giorno: maggio 15, 2012

L’Agenda Europea che ci attende

Gli appuntamenti che ci attendono sono di tre tipi :
Elettorali, di monitoraggio da parte dell’Eurogruppo e del Fondo monetario ( a seconda di chi ha fatto il prestito), e di impegni di realizzazione. Li metterò in ordine cronologico per aiutarci a capire quali siano le date in cui saranno possibili le sorprese del tipo dichiarazioni delle agenzie di Rating o discese di borsa.

Continua a leggere

Annunci

LA PRIMA CONCERTAZIONE HOLLANDE-MERKEL ALL’INSEGNA DELLA JELLA:UN FULMINE COLPISCE L’AEREO DEL FRANCESE. di Antonio de Martini

Che l’atteggiamento della Cancelliera tedesca sia da qualche tempo a questa parte improntato a protervia e mancanza di rispetto verso gli altri, é provato dal fatto che all’inizio della campagna elettorale francese ebbe due prese di posizione inusitate: rifiutò di ricevere il candidato
socialista – Hollande, appunto – e annunzio ufficialmente che sarebbe intervenuta personalmente nella campagna elettorale francese per sostenere il candidato dell’UMP Nicolas Sarkozy.

Continua a leggere

IL VERO PRODOTTO CHE LE BANCHE VENDONO OGGI, E’ LA SFIDUCIA. SERVE A DISTRARRE LA GENTE. I GRECI COMBATTONO PER NOI COME FECERO ALLE TERMOPILI. di Antonio de Martini

Un aspetto che sembra sfuggire ai più é la fonte di tutto il bailamme che sta affliggendo il globo.
Si sa che c’è una componente monetaria della crisi , ( iniziata negli USA dai governi che si sono succeduti dal 1945 i poi) una componente finanziaria( idem ma dalla presidenza Reagan) , una componente creditizia ( nata in Europa a cura di Francia e Germania) e una componente fiduciaria ( nata nelle banche specie quelle italiane intimidite dagli accordi di Basilea 1;2;3;. Continua a leggere

SE LE BANCHE NON POSSONO FALLIRE E UNA SANZIONE COMUNQUE CI VUOLE, PERCHÈ NON DARE IL POTERE DI CACCIARE IL TOP MANAGEMENT? di Antonio de Martini

Un’altra banca che ci ha riprovato. La JP Morgan ha fatto una altra mossa azzardata fidando nel fatto che se non fosse andata bene, comunque era ” troppo grande per fallire”.
Oggi, al solito, ci dicono che ” il responsabile ” è stato licenziato e FORSE ci sono tre altri dipendenti che ” rischiano” , non sappiamo se un licenziamento o un rimprovero verbale, i media non lo dicono.

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: