Archivi del giorno: novembre 26, 2011

DEMOCRAZIA D’ EGITTO

Al Cairo, 4 milioni di persone vivono al cimitero. Vivono tra le tombe nelle quali mangiano, dormono , fanno l’amore.
Non hanno casa, non hanno lavoro e se ci sono solo centomila manifestanti in piazza Tahrir, e’ dovuto alle ristrettezze del budget del POMED project che sta finanziando la seconda rivoluzione.
L’obiettivo e’ ottenere qualcosa che non sia una caricatura dello stato di diritto.
Dall’ 11 febbraio scorso il tribunale militare ha giudicato e condannato diecimila civili per fatto connessi agli eventi della primavera araba, mentre i due militari sotto accusa – il presidente Mubarak e il ministro dell’interno al Adly – vengono processati dal tribunale civile ed i loro processi sono appena stati rinviati rispettivamente al 15 ed al 14 agosto del prossimo anno.
Un giovane eroe della prima rivolta e’ stato arrestato e condannato per offese al Feld Maresciallo Mohammed Tantawi. Deve anche pagare oltre tremila dollari di multa. una cifra di cui dispone in Egitto solo una ristretta élite.
Tre studenti americani ( Derrick Sweeney 19 anni della Georgetown University; Luke Gates 21 anni, della Indiana University e Gregory Porter 19 anni della Drexel University, di Filadelfia); sono stati arrestati ed espulsi dopo che la polizia li ha colti sul fatto mentre lanciavano da un terrazzo bottiglie molotov sulla polizia impegnata contro i manifestanti. Ordinarie ingiustizie.
L’ argomento più urticante e’ pero’ rappresentato dai criteri con cui si vuole far funzionare l’assemblea costituente: il modello e’ quello della democrazia turca, o meglio della sua élite militare così’ come ha vissuto fino a ieri: i militari – secondo il progetto – devono essere considerati come casta che si autogoverna, decide il suo bilancio e questo deve essere la prima voce del bilancio della stato….
Gli USA non hanno torto , in linea di principio, a incoraggiare la nuova rivolta , ma hanno torto a voler spingere la candidatura di Mohammed EL BARADEI , l’ ex DG dell’agenzia atomica ( AIEA), che viene vissuto come un tecnico privo di legittimità’ ormai estraneo alla Nazione egiziana.
Una città’ che ha portato in piazza oltre un milione di persone ai funerali di Nasser, non si fa impressionare dai centomila sfaccendati che in realtà stanno facendo da sgabello alla ascesa al potere definitivo di Tantawi e stanno facendo tornare in gioco i membri del vecchio partito democratico di Mubarak, dato che i militari hanno bisogno di sostegno popolare che ora i fratelli mussulmani gli centellinano per acquisire a loro volta spazi politici.
Il ministro delle Finanze Hazem Beblawi, sta cominciando a dare i numeri: a inizio della “primavera araba” l’Egitto aveva 36 miliardi di dollari di riserve valutarie. Adesso ne ha 29. Segno che la primavera araba e’ costata cara.
Nel 2020 l’Egitto raggiungerà’ i cento milioni di abitanti. Cosa mangeranno se già adesso campano al cimitero e vivono con la pagnotta quotidiana data dal comitato manifestanti del giorno?
Tra un mese gli ultimi appartenenti al corpo di spedizione USA, lasceranno l’Irak. Vedremo anche quanto dureranno i risultati della lezione di democrazia.

RIVOLUZIONE CON SBADIGLIO E “SOLA”. RECIPROCA. di Antonio de Martini

Arriviamo finalmente a vedere i primi risultati concreti del POMED PROJECT, ossia dello sforzo dei governi USA per trapiantare la democrazia nei paesi arabi e segnatamente il Nord Africa.
Alle elezioni generali generosamente concesse da sua Maestà, il re del Marocco, hanno risposto con entusiasmo il 22,4% degli oltre 18 milioni di sudditi aventi diritto al voto.
Vista la magra riuscita, e’ intervenuto lo spirito santo – facendo una eccezione , data la religione prevalente nel paese – e , in zona Cesarini, il numero degli elettori e’ miracolosamente aumentato, facendo affluire alle urne il 44% degli elettori.
A scanso di equivoci, il partito islamista si e’ autoproclamato vincitore, senza attendere il responso ufficiale, un po’ come fece Fassino in Italia nel 2005.
Miracolo nel miracolo, tutti gli osservatori convengono che non si sono verificate file come nel caso della Tunisia e l’evento si e’ svolto in atmosfera di generale apatia.
A proposito della Tunisia dove le elezioni sono state vinte da Ennahda, il partito islamista, già’ da subito poco malleabile, l’allarmato ministro degli esteri francese Alain Juppe’, che fu recentemente condannato da un tribunale francese per finanziamento fraudolento del partito di Sarkosi, ha rilasciato una dichiarazione destinata a suscitare numerose controversie.
Ricorderete che al recente G8 tenutosi a Deauville i partecipanti avevano stanziato 2,5 miliardi di dollari da destinarsi ai protagonisti della ” primavera araba” : Tunisia, Egitto, Libia.
Juppe’ ha aggiunto – anche qui a urne abbondantemente chiuse – che i finanziamenti saranno subordinati a tre condizioni: l’ alternanza democratica al governo ( quindi , nel migliore dei casi se ne parla tra una legislatura), il rispetto dei diritti umani e l’ eguaglianza uomo donna.
Sarebbe il caso di far notare a questo signore che all’atto dello stanziamento non erano state poste condizioni e per farlo ci vorrebbe almeno un altro G8.
Non vorremmo che, nell’attesa, questi fondi fruttassero interessi utili a finanziare un’altra campagna elettorale.
I signori del G8 non sono i soli a lesinare i fondi. Anche in Libano, arriva l’ufficiale giudiziario sotto l’aspetto solenne del giudice DAVID BARAGAWANATH , che ha ingiunto alla Repubblica libanese di pagare la sua quota per il mantenimento del TRIBUNALE SPECIALE DELLE NAZIONI UNITE PER IL LIBANO, incaricato della ricerca degli assassini dell’ex premier.
Pare che il governo libanese sia moroso per il 50% delle spese dello scorso anno e per il 70% di quelle del 2011.
Si sa che quando si comincia a parlare di soldi e’ segno che la luna di miele e’ finita.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: