Archivi del giorno: novembre 7, 2011

Amici in ascolto. Spionaggio e tecnologia. di Antonio de Martini

La rivista americana THE ATLANTIC da la parola al suo collaboratore Jared Keller in un articolo datato 4 novembre, il cui succo è questo:Su raccomandazione della Commissione di inchiesta sull’11 settembre, la CIA ha messo in opera in una località della Virginia un centro di ascolto e interpretazione dei social media ( Twitter, Facebook, ecc) mettendo in funzione ” social media tracking center;”>che riceve , analizza e traduce tutto il traffico che può intercetare, al punto che – dice l’autore – esaminano cinque milioni di twitter al giorno.

Se gli iscritti a Facebook ( che i napoletani chiamano fessbook) pare siano 750 milioni di soci e Twitter 250 milioni, immaginando che ciascuno mandi due messaggi al giorno, abbiamo il 2,5% di probabilità di essere intercettati. In pratica le stesse probabilità che ha un cittadino italiano di ricevere una ispezione fiscale.
..Tutto quel che abbiamo saputo è che il direttore del centro si chiama DOUG NAQUIN, ha rilasciato pompose interviste e il prof Bollen dell’università dell’Indiana ha fatto una ricerca – finanziata – per chiedersi se TWITTER possa essere usato come indicatore per predire le oscillazioni dell’indice DOW JONES della Borsa. L’ex presidente Clinton sarà ormai ridotto,quando incontra una donna , a parlare a segni.
,
Bollen ha incassato i soldi, ma – forse per salvarsi la cattedra e il rispetto dei colleghi – ha ammesso che è molto , molto, difficile ottenere dei campioni rappresentativi. In pratica si e’ fatto pagare un articolo al prezzo di una ricerca.

“L’organizzazione che si occupa di queste scemate,dice The Atlantic, pare sia la CIA, l’organizzazione di cui Nixon diede una definizione lapidaria ” 40.000 people reading newspapers”.

>In realtà, l’organizzazione che per legge deve e decifrare le comunicazioni è la NSA e le possibilità che qualcuno legga le cretinate che si scambiano gli adolescenti in tutte le lingue del mondo sono remote, quanto quella di essere colpiti da un asteriode mentre ci si fa il bidét. Rilassatevi , scrivete pure quel che volete e dite quel che pensate della politica del governo americano attuale. Avete gratis qualcuno che trascrive e consegna alla Casa Bianca il vostro parere.

>Come vedete , anche in America esistono carrozzoni elettorali come da noi che – sotto l’usbergo delle esigenze di sicurezza – fanno montagne di assunzioni per verificare fuffa. Comincio a pensare che Obama sarà rieletto.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: