IL DODICI DICEMBRE DATA IMPORTANTE PER I RAPPORTI USA IRAK

Il 12 dicembre prossimo, Nouri Al Maliki, il premier irakeno che e’ riuscito a incastrare Iyad Allawi in una posizione secondaria, andrà’ negli Stati Uniti a farsi consacrare , come un tempo Erode da Cesare Augusto.
L’ agenda dei lavori ha due voci molto importanti per la sopravvivenza del governo irakeno e la sua credibilità’ futura.
Entrambi i dossier riguardano il rapporto con gli Stati Uniti e la misura dell’ indipendenza effettiva che l’Irak avrà’ nel futuro.
La sopravvivenza, anche fisica , di Al Maliki, dipende dalle risposte che riceverà.
Al primo punto la questione della permanenza o meno di significative forze americane sul territorio irakeno.
Dei 500 campi militari che ospitavano 177mila uomini e mezzi, ne sono rimasti 15 e entro capodanno dovranno essere restituiti al nuovo esercito.
Gli USA hanno cercato invano di far rimanere 20.000 dei 39.000 militari che sono ancora sul posto, con il compito di difendere ” l’ambasciata ed i consolati americani in Irak” ma in realtà tutti gli interessi USA e sopratutto per non dare un esempio negativo ai sauditi che si chiederebbero come mai le truppe USA giunte in Arabia Saudita nel 1991 ( prima guerra con l’Irak) stiano ancora sul posto, mentre quelle giunte in occasione del secondo conflitto irakeno ( 2001) se ne siano andate.
Il paragone non sarebbe lusinghiero per i governanti sauditi, e gli americani non vogliono lo sfratto.
L’ ambasciatore USA a Bagdad, Jeffrey , sta cercando da un anno di spaventare i dirigenti irakeni – sciiti- con lo spauracchio della crescente influenza iraniana ( sciita) .
Probabilmente viene dal Kansas e conosce solo la differenza tra mucche e tori.
Alle necessita’ addestrative del nuovo esercito, gli irakeni si sono detti sensibili, indicando pero’ come luogo ideale per il training , il vicino territorio kuwaitiano .
La vera ragione del contendere e’ che le infinite sofferenze subite dagli irakeni per via del pressappochismo omicida delle truppe americane, sconsiglia chiunque desideri vivere, dal firmare l’accordo in forza del quale le truppe USA non sono sottoponibili alla giurisdizione dei magistrati locali. Una inchiesta dell’amministrazione USA recentemente pubblicata rivela come il 20% dei militari proviene dalle gang giovanili che infestano le metropoli d’America. Altri 90mila ( in tutte le FFAA) sono fisicamente o psichicamente inidonei al servizio militare.
Questo accordo di pre amnistia e’ stato firmato senza fiatare dai governanti italiani ed e’ per questo che i piloti della tragedia della funivia del monte Cermis non sono stati processati in Italia, ma in un campo militare americano in USA.
Il secondo dossier sul tavolo, e’ quello degli archivi dello stato ( specie dei servizi di intelligence) che le truppe USA hanno portato via per intero e si rifiutano di restituirli al governo legittimo succeduto a Saddam Hussein.
Dopo innumerevoli richieste, il governo irakeno ha minacciato di adire la magistratura americana.
Ora Obama il 12 dicembre dovra’ rispondere o cercare presto un nuovo premier fantoccio.
Due esempi di dignità’ nazionale non negoziabile che il mondo arabo ci da. Noi italiani abbiamo gli stessi problemi, ma nessuno Che condos a questa strana parola tronca.
Qui in Italia , i militari americani non sono giudicabili dalla magistratura italiana ( ma il primo ministro, si) e gli USA hanno buona parte dell’oro della Banca d’Italia alla Federal Reserve e non ce lo restituiscono da anni.
Nessuno coglie l’ esempio di dignita’ di Al Maliki. E’ come se parlasse arabo.

Antonio de Martini

I trackback sono chiusi, ma puoi postare un commento.

Commenti

  • gicecca  Il novembre 6, 2011 alle 3:40 pm

    Forse il mite Obama troverà qualcuno che risolverà per lui entrambi i problemi facendo fuori Al Maliki per sbaglio (come Gheddafi). GiC

    • antoniochedice  Il novembre 6, 2011 alle 9:08 pm

      Non c’è bisogno che cerchi nessuno. Gli bastera’ rispondere negativamente alle richieste e al resto penseranno gli irakeni.
      In quei paesi, la perdita della dignità’ si paga con la vita e senza sconti.

      • Anafesto  Il agosto 12, 2014 alle 3:54 pm

        Ottimi posti per mandare in ferie i nostri politicanti vista la loro tendenza a imperversare sine die!
        Comunque ottimo il post, ritorna l’imprescindibile necessità che l’Italia dichiari la sua neutralità, tuttavia quando si comincia a parlare di questa necessità la maggior parte delle persone ti squadra con lo sguardo fieramente bovino del miglior Gasparri.

  • antoniochedice  Il agosto 12, 2014 alle 1:16 pm

    L’ha ribloggato su IL CORRIERE DELLA COLLERAe ha commentato:

    COME È COMINCIATO IL DISAMORE TRA MALIKI E GLI USA. 2011.

  • Anafesto  Il agosto 12, 2014 alle 4:27 pm

    Nel 2007 Seymour Hersh nell’articolo “Il cambio di rotta” svelava la pianificazione congiunta americana, israeliana e saudita finalizzata a creare un violento fronte islamista, da guidare poi contro il Libano, Bashar al-Assad e il governo iraniano, svelava inoltre che questi elementi estremisti (emanazione di forze esterne) avevano legami diretti con Al Qaeda e che molti dei militanti avevano partecipato in prima persona, inquadrati nelle truppe americane, alle guerre in Iraq e Afghanistan.
    Da qui l’entità di circa 15000 dannati autodefinitasi SIIL.
    Pensiamo veramente che la soluzione possa venire dagli USA?
    Una soluzione definitiva potrebbe venire da significative forze iraniane nel suolo irakeno, altra soluzione, a mio avviso, sarebbe difficilmente percorribile.

  • antoniochedice  Il agosto 12, 2014 alle 4:55 pm

    Cita un articolo senza data e poi passa a dare la sua personale ricetta. Al solito priva di fondamento reale. Lo fa per squalificare il blog agli occhi degli esperti, o crede veramente a quel che dice?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: