Archivi delle etichette: elezioni presidenziali

ITALIA. L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA AFFIDATA A CRICCHE. IL GRANDE BARATTO: CI PRIVANO DELLA SOVRANITÀ POLITICA IN CAMBIO DELLA INDULGENZA INDIVIDUALE COME NEI PAESI DELL’EST DEGLI ANNI 80. ECCO COME NASCE L’ASSENTEISMO ELETTORALE, IMPRENDITORIALE E MORALE CHE CI UCCIDE. di Massimo Morigi

Dietro le trasgressioni sessuali crescenti offerte agli italiani, c’è una strategia di spossessamento del potere politico all’insieme dei cittadini che – abituati da secolari divieti a cercare spazi di libertà individuale nel sesso e nella microcriminalità economica – hanno abboccato come i polacchi anni ottanta, ma ora è iniziata la reazione sotto forma di disaffezione elettorale, politica e presto fiscale. Negli strati meno acculturati, si presenta come teppismo sportivo o evasione musicale di massa. Superate l’eloquio paludato del professor Morigi e leggete la vostra biografia. AdM Continua a leggere

ALGERIA. ARRIVANO LE ELEZIONI PRESIDENZIALI. LE FF AA SE NE IMMISCHIANO E IL CLIMA SI SCALDA. di Antonio de Martini

Mentre lo staff del Presidente Abdelaziz Bouteflika si sbraccia a cercare di dimostrare che può presentarsi nuovamente candidato  alle imminenti elezioni ad onta di due ictus nel corso dell’anno, per la prima volta le Forze Armate algerine parlano, non con una sola voce, ma con due: Il capo di S M Ahmed Gaid Salah ed il capo dell’intelligence Mohammed Mediane, nome in codice Toufik. Continua a leggere

NAPOLITANO, BERSANI E LA DEMOCRAZIA. TRE DOMANDE AL PRESIDENTE IN VISTA DELLA SCELTA DEL PRIMO MINISTRO. di Antonio de Martini

Approfitto del momento di tregua domenicale per fare i miei auguri al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per le prossime consultazioni che si annunziano complesse per una serie di implicazioni non tutte evidenti.
Bisogna dargli atto che anche quando si è cimentato in operazioni di Alta Ortodossia Costituzionale quale la nomina di un suo cavallo di razza ( rivelatosi un po’ somaro) a senatore o quando lo ha insediato alla testa di un governo del Presidente, lo ha fatto sempre senza che il carisma della correttezza formale lo abbandonasse.

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: