GEOPOLITICA DELLA FEDE SUL BOSFORO. LA RICONCILIAZIONE DELLE CHIESE DI ROMA E COSTANTINOPOLI SONO L’UNICA INIZIATIVA STRATEGICA IN UN MONDO ISTERILITO DALL’ODIO E DALLA PAURA. di Antonio de Martini

I media hanno dato i titoli di prima pagina alla visita di Papa Francesco al presidente Recep Tajip Erdoghan in quel di Ankara, ma in realtà si è trattato di un atto dovuto verso un personaggio – e  uno stato – dalla suscettibilità notoria.
Il vero scopo della trasferta era la visita al Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo.

Un po’ come la regina Elisabetta II d’Inghilterra (capo anche della chiesa anglicana) che per venire a trovare il Presidente Napolitano dovette far visita al Pontefice Romano e sottolineò la costrizione del protocollo con un ritardo di mezz’ora in Vaticano.
Inconvenienti della coabitazione tra poteri.

La visita ad Ankara è durata un giorno e quella a Istanbul due ed ha coinciso con la festa di “Sant’Andrea il primo apostolo” ( protettore della chiesa d’Oriente) in onore del quale si è tenuta una solenne funzione in cattedrale.

Il fatto che anche Bartolomeo attribuisca anch’egli un particolare rilievo alla visita è stato sottolineato dalla presenza all’aeroporto Ataturk di Istanbul, assieme allo stesso Patriarca Ecumenico, del Patriarca decano Giovanni di Pergamo, dell’Arcivescovo d’America Demetrio e del grande Arcidiacono Andrea Sofianopulos..

Dopo la visita alla città vecchia, a Santa Sofia e alla moschea blu, l’arrivo alla Cattedrale patriarcale di San Giorgio alla cui soglia è stato accolto dal metropolita di Nicea e Calcedonia. Insomma Bartolomeo ha messo in mostra tutta l’argenteria di famiglia coinvolgendo i maggiorenti della Chiesa d’Oriente.

La funzione si è conclusa con una Dossologia ( non è il caso di spiegare in questa sede, ma basti sapere che la recitazione in comune ha sanato una differenza teologica esistente dal Sinodo di Toledo di oltre mille anni fa) e sono iniziati i colloqui riservati.

La chiesa ortodossa, pur essendo autocefala, riconosce particolare autorevolezza al Patriarca di Costantinopoli e conta duecento milioni di fedeli oltre che nel Levante anche nelle Americhe.
L’alleanza di fatto tra queste due componenti cristiane, creatasi negli Stati Uniti in occasione della opposizione alla guerra di Siria, ha mostrato di quale forza di dissuasione possa disporre una dirigenza unita e decisa  anche nei confronti di una potenza globale.

Una intesa e un riavvicinamento sistemico tra cattolici e ortodossi ( i russi
hanno problematiche diverse, patiscono l’attivismo cattolico a casa loro e il problema degli Uniati blocca ogni intesa) per una azione coordinata a favore della pace – questa volta in pericolo è la Russia – potrebbe coinvolgere anche il patriarcato di Mosca che pure ha collaborato agli sforzi vaticani di pace del cardinale e Patriarca maronita Bechara Rai.

In un periodo in cui “ogni villan che parteggiando viene” si industria a cercare una scissione o una guerra di indipendenza, un moto verso l’unità di due chiese separate da mille anni, ha un valore, anche politico, inestimabile.

Annunci
Trackbacks are closed, but you can post a comment.

Commenti

  • abrahammoriah  On dicembre 1, 2014 at 10:48 am

    1 dicembre 2014

    IL cristianesimo è stata la prima forma di globalizzazione religiosa che abbia conosciuto il mondo. Nessuna sorpresa che nell’attuale e sgangherata globalizzazione ” in cui ogni villan che parteggiando viene si industria a cercare una scissione o una guerra di indipendenza” , Papa Francesco, ben consapevole anche del ruolo storico giocato da due millenni dal cristianesimo, cerchi con tutte le sue forze di porre rimedio a scismi e a rendite di posizione non solo teologicamente assurdi ma, soprattutto, diametralmente antitetici alla missione storica della religione nata in Palestina e poi diffusasi in tutto l’impero romano. Papa Francesco, un grande geopolitico, uno dei pochi ancora su piazza di questa fase multipolare segnata dagli apprendisti stregoni e servi sciocchi di quelle che un tempo venivano definite moderne democrazie rappresentative. Massimo Morigi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: