ALGERIA: STANZIATI 260 MILIARDI PER LO SVILUPPO. FRANCIA E GERMANIA CI PUNTANO MENTRE NOI DILAPIDIAMO L’EREDITÀ DI MATTEI. di Antonio de Martini

Il Consiglio dei Ministri algerino, nella riunione del 26 agosto ha deciso un piano di rilancio della economia ed aumentato il bilancio 2015 del 15,9% rispetto all’anno in corso, annunziando un piano complessivo da 260 MLD di dollari.

Rimasti ancorati al sistema socialista appreso del piano quinquennale lo stanziamento dei 260 MLD è previsto a tutto il 2019.

L’obiettivo , secondo il primo ministro Abdelmalek Sellal,

è di creare una economia ” produttiva e diversificata”.
Poiché sono – oltre che socialisti- mediterranei, hanno fatto come noi italiani: il primo piano quinquennale ( 2001) è partito con quattro anni di ritardo ( noi, all’epoca, con tre).

Il Presidente Abdelaziz Boutlefika , ormai al suo secondo piano di sviluppo ( il suo primo, iniziato nel 2010 era di 286 MLD) , ha stabilito che il piano vada finalizzato e presentato in Consiglio entro la fine dell’anno e in Parlamento subito dopo.

Notevole il fatto che essendo per legge ( recente) proibito allo stato di indebitarsi, il deficit di bilancio 2015, previsto in 59,4 miliardi, verrà finanziato con le riserve ad oggi stimate in 200 MLD di dollari.

Oltre ad essere il paese africano di maggior estensione ( dopo la partizione del Sudan) l’Algeria è anche il paese più “liquido” e di questi tempi…

Algeri è la sola città straniera in cui la SACE ( assicura i crediti dell’export) abbia aperto un ufficio, esiste una associazione Italia-Algeria presieduta dall’Ambasciatore Antonio Badini che è stato tra l’altro responsabile Africa al ministero e Ambasciatore presso la Lega Araba ed è in piena efficienza.
La classe dirigente algerina oggi al potere, un po’ vecchiotta, è ancora quella ” allevata” da Enrico Mattei e dall’ENI. La guerra di indipendenza algerina è stata consacrata dalla bella pellicola di Gillo Pontecorvo ” La battaglia di Algeri”.

Insomma esistono tutte le premesse per una comune attività di sviluppo reciproco, oscurata soltanto dalla conflittualità provocata dall’avventurismo di piccoli imprenditori nostrani convinti di poter gestire a modo loro i rapporti.

Ad oggi esistono nei tribunali italiani ben 1200 contenziosi tra società pubbliche e private algerine e società italiane provocati spesso da furbacchioni che cercano di dilazionare impegni presi con leggerezza e senza cognizione del contesto culturale in cui sono stati chiamati ad operare.

Una disposizione non scritta algerina prescrive ormai di negoziare in coppia quando l’interlocutore è un italiano per scoraggiare tentativi di corruzione, anche goffi, dovuti alla insofferenza per le lungaggini burocratiche inevitabili in un paese socialista con tradizioni mutuate dalla burocrazia francese.

Gli spagnoli, più morigerati, attenti e rispettosi, stanno incrementando il loro interscambio a ritmi di due cifre all’anno benché le loro tecnologie siano inferiori alle nostre.

Francia e Germania stanno sforzandosi in ogni modo di incrementare i loro affari , ma i tedeschi vengono visti con un misto di rispetto e sospetto , un residuo francese, mentre i francesi sono l’ex potenza coloniale con la quale ci sono stati otto anni di guerra feroce.
L’aggressione di Sarkosy alla Libia ( che gli algerini furono i soli ad aiutare) e l’intesa recente di Hollande con l’Arabia Saudita ( finanziatrice della recente guerra terroristica che ha provocato oltre centomila morti) sono due pesanti handicap per lo sviluppo dei rapporti bilaterali peraltro favoriti dalla francofoni a e dal conseguente interscambio demografico.

Con Enrico Letta ministro dell’industria una visita con un centinaio di imprenditori ebbe successo non seguito da adeguato sfruttamento commerciale.

Credo sia giunto il momento di presentarsi a reclamare l’eredità di Mattei.
Con imprenditori, tecnologie e progetti di sviluppo.
Le persone serie , dopo un momento di valutazione, saranno ben accolte.
Ci sono da raccogliere due punti di PIL.

Annunci
Trackbacks are closed, but you can post a comment.

Commenti

  • raymond issa  On settembre 3, 2014 at 9:22 am

    Perche non ti nominano Ministro degli affari esteri. Saresti perfetto e capacissimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: