MEDITERRANEO A TUTTO GAS ( e petrolio). COME STA CAMBIANDO LA GEOPOLITICA DEL LEVANTE. videointervista a Antonio de Martini

I grandi giacimenti di gas scoperti davanti alle coste di Israele, Gaza, Siria e Libano sono solo una piccola parte di un immensa riserva che copre una vasta area del mediterraneo orientale, interessando anche Egitto, Libia,Malta e Grecia. In questa videointervista, concessa a lafinanzasulweb, spiego in che modo la corsa per accaparrarsi queste ricchezze stia destabilizzando l’area e quali siano le prospettive future.
Per vedere l’intervista, clikkate sul link sottostante.

Annunci
Trackbacks are closed, but you can post a comment.

Commenti

  • patrizia mariani  On ottobre 8, 2013 at 6:17 am

    Alcune considerazioni che mi portano ad un’inica domanda
    Gli accordi bilaterali funzionano se anche i benefici sono bilaterali ,l’imposizione dei propri punto di vista è possibile quando viene riconosciuta l’autorevolezza dello Stato ,cosa necessaria anche per poter assumere quella che deginisci “neutralità armata “. La domanda è ” L’Italia ha la forza di convinzione e dissuasione necessarie per porre in essere le tre condizioni , geologia a parte che certo non è sufficiente ?”

    • antoniochedice  On ottobre 8, 2013 at 6:57 am

      Oltre alla nostra forza ed autorevolezza, pochine, potremmo contare sul pregresso: la forza ed autorevolezza del papato – che prima o poi dovrà passare dalle parole ai fatti – ed il precedente storico-politico della Jugoslavia ( Slovenia e Croazia e Bosnia ne facevano parte e sanno di che si tratta) che assieme all’India creò il movimento dei
      ” paesi non allineati”.
      E poi anche la pace ha il suo fascino.

  • patrizia mariani  On ottobre 8, 2013 at 6:19 am

    errata corrige : definisci non deginisci……

  • patrizia mariani  On ottobre 8, 2013 at 6:23 am

    la prossima volta rileggo più volte c’è un altro errore …..è da un pò che sono sveglia !!!!!!!

  • abrahammoriah  On ottobre 10, 2013 at 10:12 am

    10 ottobre 2013

    Prima ancora che per evitare in un improbabile terzo conflitto mondiale, l’idea di creare nel centro-sud dell’ Europa un blocco di paesi neutrali e non allineati è la vera sola idea forte in grado di contrapporsi all’attuale costruzione dell’UE totalmente basata sull’ antidemocratico predominio della attuale burocrazia transnazionale. Si tratta quindi di un disegno che si riallaccia alla migliore tradizione geopolitica, nel quale lo spazio vitale e geostrategico delle nazioni ( e la sua dialettica in spazio continentale/marittimo ) viene indicato come un elemento fondamentale anche per lo sviluppo di un’autentica democrazia (cfr.Mackinder, H. J. (1919). Democratic Ideals and Reality: A Study in the
    Politics of Reconstruction. London: Constable ). Una democrazia che se vuole avere qualche chance di sopravvivere nel XXI secolo deve fare i conti con il concetto di lebensraum (che per quanto abbia subito negli studi politologici e filosofico-politici del secondo dopoguerra una sorta di damnatio memoriae per essere (mal)praticato dalla criminale politica nazista è tuttora alla base della politica degli Stati uniti e delle altre potenze minori) e col tentativo statunitense di rimanere con le buone (o più spesso e volentieri) con le cattive l’ unica superpotenza su piazza. Va da sé che i due giacimenti petroliferi mediterranei, potrebbero costituire la dote di partenza per un progetto geopolitico europeo che partendo dalla neutralità di importanti paesi del continente, rifiuti un mondo unipolare e con esso la definitiva cancellazione di quello spazio vitale per un mondo multipolare, che è la precondizione sistemica generale indispensabile perché a livello di ogni singola unità nazionale possa essere praticata una autentica democrazia.

    Massimo Morigi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: