Archivi del giorno: ottobre 10, 2013

CHI HA PAURA DEGLI IMMIGRATI. di Antonio de Martini

http://corrieredellacollera.com
Questo è un REBLOG di un mio post pubblicato il 6 Aprile 2011. Il titolo ” salvate il soldato Alighieri” riguardava la salvezza della lingua italiana, ma riguarda l’esistenza degli italiani che molti vogliono salvare. La scienza demografica ci dice che siamo già morti.
A meno che non ci facciamo una trasfusione di sangue nuovo. Nel 2050 gli italiani saranno finiti nel vero senso della parola.
Fatevene una ragione oppure fate figli.

“””Una serie di attacchi isterici hanno costellato lo stillicidio degli arrivi di audaci navigatori improvvisati che solcano il Mediterraneo con navigli più fragili di quelli di Ulisse tremila anni fa. Sono giustificati gli attacchi di isteria o gli sbarchi? Rispondo prima con un aneddoto e poi coi numeri.

Qualche anno fa a cena con un anziano colonnello britannico nel senese, gli chiesi come mai un patriota avesse optato di venire a vivere in Italia i suoi ultimi anni, invece di rimanere in Inghilterra.

La risposta è stata illuminante e la riporto come la ricordo: “prima della prima guerra mondiale, l’omosessualità veniva sanzionata con la prigione, ricordiamo tutti Oscar Wilde. Dopo la guerra mondiale è mano a mano stata tollerata. Dopo la seconda guerra mondiale è diventata alla moda. Sono venuto via prima che diventasse obbligatoria”.

Adesso sono pronto a rispondere in maniera articolata, ma considero questa storiella un effetto non secondario del fenomeno che ci minaccia di estinzione culturale.

Rispondo subito che entrambe le azioni rispondono alla logica della vita. Noi stiamo morendo e loro stanno per sostituirci nel mondo Mediterraneo e la natura per affrettare la nostra disparizione, inserisce elementi aggiuntivi su cui moraleggiamo tra fautori e censori, senza arrivare al cuore della questione.

Una cultura per durare oltre il quarto di secolo ( una generazione) deve avere – è provato dalla scienza demografica – un tasso di crescita che assicuri il ricambio, ossia almeno il rimpiazzo dei morti. Il tasso di fertilità femminile per assicurare il ricambio è di 2,11 figli a famiglia.

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: