TUNISIA: ARRIVA IL SECONDO OMICIDIO POLITICO A SANGUE FREDDO. LEGITTIMERÀ L’INTERVENTO? di Antonio de Martini

http://corrieredellacollera.com
Dopo la semina di tanto odio sotto l’etichetta di “democrazia” gli Stati Uniti e gli alleati a loro più affini, iniziano a raccogliere gli effetti devastanti della “campagna umanitaria di democratizzazione” in Nord Africa.” Così iniziava il post del 7 febbraio scorso ( ore 12,45) sulla situazione tunisina.

Era evidente che partiti politici vissuti in clandestinità avessero più dimestichezza con le armi che con le schede elettorali.
Ieri, il secondo assassinio di un esponente politico contrario ai Fratelli Mussulmani e favorevole a una cultura della tolleranza: Mohammed el Brahimi.

Il trend in tutto il nord Africa è ormai chiaro: una serie di interventi stabilizzatori, variamente graduati, sta portando a sostituire i militari che già c’erano- ormai troppo autonomi- con altri militari più giovani e mansueti e meno autonomi.
Ma forzatamente piu famelici.
I movimenti politici hanno fornito la piazza e qualche mano svelta, ma sono destinati a tornare – prima o poi, con le buone o meno – a cuccia.

L’attentato è stato compiuto mentre le autorità libiche avevano chiuso la frontiera il 22 luglio e quelle tunisine avevamo prorogato di due giorni lo stop al valico di Ras el Jadir nel quadro di una disputa doganale mirante a schedare tutti i tunisini che varcano abitualmente la frontiera.

I libici temono il contagio “laico” dei tunisini a cultura francese e approfittano della importazione obbligata dei tunisini di 450.000 barili di petrolio mensile fino a dicembre che diverranno 650.000 nel 2014 in base a un accordo stipulato dal ministro tunisino Mahdì Joumaa, per fare la voce grossa.

Per l’assassinio, la solita tecnica: all’uscita da casa a al Ghazalla nella zona dell’ Ariana quasi a Tunisi.
Due sole vie di fuga.

In risposta a questo assassinio, una manifestazione spontanea che ha finito per dare fuoco alla sede di Sidi Bouzid del partito confessionale di governo ( Ennahda) e portato una gran folla a manifestare davanti al Ministero dell’interno.

Ogni omicidio rafforza la richiesta di sicurezza. Ogni incendio viene domato in mezza giornata mentre per creare un leader politico servono quaranta anni.
L’insicurezza provoca l’invocazione alle Forze Armate. Le FFAA educate in occidente sono alleati naturali.

Il capo di SM dell’esercito Rachid Ammar che aveva messo fuori gioco Ben Ali, omettendo di impegnare le FFAA in sostegno della polizia, mantiene un atteggiamento prudentemente occidentale, ma guarda , con un occhio,con interesse alla carriera di Abdel Fattah Sisi in Egitto e con l’altro alla sospensione delle forniture militari all’Egitto ( i quattro F 16) per aver ” i militari sostituito il governo eletto.”
Cerca una via di mezzo tra Bonaparte e Boulanger.

Lui in questa trappola dell’intervento diretto non é caduto, ma due anni dopo i fatti, è sempre in anticamera.
Ha dato le dimissioni annunziando che il governo aveva perso ogni legittimità il 6 febbraio, con l’omicidio di Chokri Belaid. Adesso gli omicidi di leaders politici sono due.
Entrambi capi popolo, ma con scarso seguito per evitare contraccolpi troppo forti come in Egitto.
Al generale l’uniforme gli va stretta.

Annunci
I trackback sono chiusi, ma puoi postare un commento.

Commenti

  • ray.issa  Il luglio 26, 2013 alle 7:34 am

    Perche nessuno qui si rende conto che potresti essere un ottimo consigliere di politica estera per i nostri ministri sopratutto dell’area mediterranea.i quali per aver vissuto due anni in egitto credono di sapere tutto

  • 66633322  Il luglio 26, 2013 alle 1:28 pm

    LA TUNISIA E’ UN PAESE POCO CONOSCIUTO MA AL CENTRO DI TRAME DI INCREDIBILE COMPLESSITA’- DA LEGGERSI “KARIM MIO FRATELLO TERRORISTA DI SAMIA LABIDI CHE FACENDO LA TARA A COMPRENSIBILI COINVOLGIMENTI EMOTIVI APRE UNO SPACCATO SU QUESTE REALTA’ CHE A NOI OCCIDENTALI SFUGGONO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: