L’Africa in prima linea dall’atlantico all’oceano indiano e nascono quattro quesiti politico-filosofici: meritavano di essere eliminati?ne valeva la pena ? I dittatori cacciati da chi saranno sostituiti? Che differenze tra Afganistan e Mediterraneo?

L’agenda politica africana ( in realtà dell’area MENA:middle east and North Africa) è carica:  il 7 marzo la Tunisia vedrà il nuovo governo che per adesso annunzia l’incriminazione di Ben Ali per alto tradimento; il 13 marzo ci sono le elezioni presidenziali in Benin , che erano state riviate.  i l 19  marzo c’è il referendum in Egitto sugli emendamenti apportati alla costituzione.  Entro fine marzo ci sarà il confronto finale in Costa d’Avorio tra i due presidenti eletti; In Aprile gli egiziani vanno al voto per  le nuove elezioni legislative e il 24 luglio  toccherà ai tunisini eleggere l’assemblea costituente.

 Il governo egiziano  ” finalmente democratico”dovrebbe insediarsi a ottobre e nel frattempo la folla sarà intrattenuta col processo all’ex ministro dell’interno El Adli;  per i tunisini  non è ancora chiaro se il nuovo primo ministro verrà sostituito dopo le elezioni.

Da questo profluvio di promesse elettorali e date è chiara una sola cosa. Poche date saranno rispettate.

Da parte sua, Gheddafi  non aspetta:  Ali Treki, ex ministro degli esteri libico è nominato ambasciatore presso le Nazioni Unite al posto dell’ambasciatore che ha defezionato. 

Al jazira comunica che le truppe del dittatore libico hanno sfondato  la linea ribelle a  Al  Zawia e puntano a “liberare” le comunicazioni con la Tunisia ed evitare di avere nemici a ovest e ad est contemporaneamente.

Ha proseguito con  il bombardamento, nei pressi di Benghazi,  del  grande deposito di armi che poteva alimentare i  ribelli , creando loro un ulteriore problema di logistica e  con gli  scontri di Ras Lanouf , a est,  decideranno se proseguirà l’avanzata dei lealisti o se ci sarà lo stallo che richiederà un mediatore autorevole, come è nella tradizione araba.

 L’Italia ha stupidamente annunziato che non ci saranno negoziati col reprobo. A negoziare ci penseranno altri in caso di stallo e noi saremo ” a Dio spiacenti e a li inimici sui” .  Complimenti a Frattini che fa così – ancora una volta – la figura dello scemo del villaggio. Nemmeno Diliberto sarebbe riuscito a fare tante pessime figure  in così poco tempo.

Un ignoto attentatore in Germania ha ucciso due americani della US AIR FORCE. La TV francese annunzia che la frontiera Libia-Tunisia è nuovamente presidiata da truppe lealiste di Gheddafi armate. 

Per decidere la “NO FLY ZONE” che potrebbe infliggere una battuta di arresto  alle truppe lealiste libiche, ci vuole un voto unanime del consiglio di sicurezza ONU e non è chiara affatto quale sarà la posizione di Russia e Cina.

  Ricordo a tutti che nel consiglio di sicurezza basta il veto di un solo membro per bloccare una risoluzione.  Inoltre  la Libia, con la nomina del nuovo rappresentante  all’ONU  (  Ali Treki, che come ex ministro degli esteri ha certo buone relazioni con molti diplomatici presso il palazzo di vetro) si è assicurata il diritto di replica in sede di assemblea.

In caso di dibattito assembleare,  i libici possono disporre di almeno l’appoggio di Cuba e Venezuela nell’area dell’America Latina, della Bielorussia in Europa, nonché di qualcuno dei paesi arabi che ritiene di essere il prossimo bersaglio  ( Algeria, Yemen, Bahrain, Oman – il cui sceicco  oggi ha raggiunto l’elenco dei contestati ).

Ci sono poi  altri tradizionali avversari degli USA che vedo con difficoltà votare sanzioni : l’Iran . la corea del nord, la Serbia, il Sudan: Non hanno il nobel per la pace come Obama, ma è comunque un nucleo non trascurabile di paesi che potrebbe  costituire un nodo attorno al quale si coagulerà una opposizione, oltre a provocare la nascita di  un gruppio di “non allineati ” animati da Turchia, Arabia Saudita  e/o Pakistan. 

Ma rispondiamo ai  quesiti posti dal titolo.

MERITAVANO DI ESSERE CACCIATI? La risposta è senz’altro si. Magari andavano cacciati prima.  Non sono diventati dittatori durante le vacanze di Natale. La Francia sapeva tutto da anni circa BEN ALI ( un bel libro sul tema è “notre ami Ben Ali” che potete trovare alla libreria francese di Largo Toniolo a Roma e forse anche su Amazon) compresi nomi e cognomi di tutti gli arrestati, torturati ecc.

Inoltre sia Ben Ali che Mubarak provenivano dalle Forze Armate e dai servizi segreti: erano stati scelti per questo dagli americani che frequentano principalemente quel tipo di persone. ( vedi su questo blog l’articolo del Washington post sull’attività della Cia in Egitto). Per trenta anni nessuno gli ha chiesto di farsi da parte.

NE VALEVA LA PENA? La risposta è no. Verranno sostituiti da altri dittatori  più gentili verso gli alleati, ma non verso i sudditi.

Hanno sostituito le api sazie con api fameliche di potere, denari e vendette. Il povero imperatore Tiberio si rivolterà nella tomba  di fronte a questi parvenus.

DA CHI SARANNO SOSTITUITI ?  Vedi risposta precedente.

CHE DIFFERENZE TRA AFGANISTAN E MEDITERRANEO ? Qui la nausea si fa greve. Leggo che Gheddafi bombarda  “la sua popolazione” in nome della sicurezza e dell’ordine e che viene segnalato dall’interpol e al tribunale penale internazionale per crimini contro l’Umanità, anche in assenza di documentazione idonea ( niente foto, niente films, niente TV).

Ma non è esattamente  la stessa cosa che Bush ha fatto in Irak e Obama sta facendo in Afganistan? I morti  ammazzati dalle bombe USA non contano? Gli arabi , i pakistani, gli afgani non son o esseri umani come noi?  E come mai noi Italiani in Libia mandiamo ridicoli “aiuti umanitari” ( occasioni di ruberie infinite: dagli acquisti, alla distribuzione, all’assunzione degli “esperti”), mentre in Afganistan  mandiamo truppe armate a sparare? Lontani dagli occhi, lontan dal cuore?

Perché continuiamo a dire a tutti che “gli USA sono nella merda in Afganistan” , come se non ci fossimo anche noi  e per soprammercato in funzione subalterna?

Prima o poi qualcuno dovrà rispondere a queste domande, sennò  seguiremo il consiglio di Marzullo.

Buona domenica.

 

 

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • antoniochedice  Il giugno 27, 2013 alle 4:10 am

    L’ha ribloggato su IL CORRIERE DELLA COLLERAe ha commentato:

    ULTIMO REBLOG PER RICORDARE DOMANDE E RISPOSTE ANCORA ATTUALI.

  • SC  Il giugno 27, 2013 alle 9:34 am

    analisi lucidissima, ed ancora piu’ chiara con la prosecuzione degli accadimenti attuali. Il mediterraneo sta diventanto sempre di piu’ un area strategica. Noi con le nostre politiche, nonostante la posizione geografica perfetta, facciamo sempre di piu’ la figura dei dilettanti che non sanno usare la propria posizione. Nonostante i molti e gravi errori di Mussolini, l’attuale classe politica lo fa’ rimpiangere e lo fa’ sembrare un gigante della geopolitica.

    • antoniochedice  Il giugno 27, 2013 alle 9:40 am

      Sottolinei sembrare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: