Col Moschin e Tuscania: carne da cannone. Brigata Sassari: indennità di missione

 RADIO FANTE COMUNICA: Il IX reggimento Col Moschin e il battaglione CC paracadutisti Tuscania sarebbero gli unici reparti italiani  autenticamente  combattenti  in Afganistan, mentre la Brigata Sassari  evita con cura di agganciare il nemico

parà del Tuscania in perlustrazione.

. 

Le indennità sono le stesse

Le rare volte in cui  la Sassari esce dal campo, lo fa a blocchi di 500 uomini alla volta con un tal dispiegamento di mezzi da rendere vana ogni sorpresa e, di conseguenza ,  evitare il combattimento.

Ad ogni minimo intoppo, la “Sassari ” si ferma ed aspetta l’intervento del Col Moschin come un tempo si aspettava l’intervento dell’artiglieria.

Questi i commenti raccolti negli ambienti responsabili delle FFAA.  La sproporzione dei rischi evidente, mentre il trattamento economico e  l’addestramento al combattimento  sono – o dovrebbero –  essere uguali.

ma i rischi? nella foto il comandante della Brigata Sassari

La differenza evidente  è certo nell’appartenenza dei due reparti all’arma dei carabinieri, mentre la “Sassari” – che pagò un altissimo prezzo di sangue nella prima guerra mondiale-  fa parte di altra forza armata e cerca di essere a reclutamento regionale.

Evito l’ipotesi che la brigata non voglia battersi, perché la valentia dei sardi in combattimento è proverbiale. Scartata l’eventualità della codardia collettiva, restano tre ipotesi.
La prima   è  che qualcuno ( il ministro?) ha deciso che politicamente  costa meno perdere un carabiniere o un incursore, piuttosto che un altro tipo di soldato. Certo, non si tratta di un ragionamento basato su dati militari, dato che la truppa di elite costa di più in termini di investimento.
La seconda ipotesi  – che vorrei poter scartare – è che politici sardi abbiano fatto pressione per non  far ingaggiare i  conterranei in combattimento, ritenendo sufficienti le perdite della tornata precedente. La terza ipotesi  è che  il comandante della brigata eviti di rischiare la vita dei suoi uomini e  con essi la propria carriera.
La conseguenza è che le nostre migliori unità antiterrorismo si stanno logorando all’estero, mentre si tratta dei reparti che dovrebbero trovarsi in Italia in funzione antiterrorismo e questo a prescindere dalla opportunità di partecipare a una guerra priva di razionalità, intelligenza  e sbocchi.
Le ipotesi  presentate sono tutte   abberranti, ma poiché i fatti sono incontrovertibili, sarebbe bene che qualcuno ci desse una risposta.
Sincera. 
Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • raymond issa  Il novembre 11, 2010 alle 7:56 am

    Che fa l’esercito italiano in Libano ? e quanto costa?

    • antoniochedice  Il novembre 12, 2010 alle 9:37 am

      Tutte le missioni estere delle nostre FFAA costano 750 milioni l’anno. Semprecché i dati forniti per la finanziaria siano esatti

  • Alberto Zignani  Il novembre 12, 2010 alle 9:18 pm

    Non entro nel merito. Mi limito a far notare che il IX Reggimento Col Moschin è un reparto dell’Esercito , esattamente come la Brigata Sassari. Solo il battaglione Tuscania appartiene all’Arma dei Carabinieri.

  • antoniochedice  Il novembre 14, 2010 alle 12:03 am

    E’ vero. Chiedo scusa per la svista. Non intendevo dire che lo sforzo era concentrato sui CC, ma sulle unità di elite.
    AdM

  • teseo tesei  Il ottobre 11, 2013 alle 3:52 pm

    a vedo che nn sei un esperto in quanto il 9°assalto a funzioni di intellingence e antiterrorismo presso la task force 45 raggruppamento unita’ speciali italiane in afhganistan con gis e comsubin il tuscania viene impiegato come p.m.polizia militare e reparto di fanteria combattente come la sassari inoltre unita speciali lavorano su infiltrazione e sorpresa in piccole unita’ cose assai diverse dal combattimento di fanteria moderno vedi controllo del territorio e relazione con popolazione locali peacekeeping. se vuole puo collegarsi al sito esercito carabinieri marina militare a dimenticavo incursori a.m. mi dispiace ma lei e poco informato.

    • antoniochedice  Il ottobre 11, 2013 alle 4:46 pm

      Senza tener conto che lei ha ” fatto fuori” un paio di h in questa sua tardiva incursione ( il post èdi almeno un paio di anni fa) ho l’impressione che non abbia capito bene: nel post dicevo che la” Sassari” evitava di uscire in gruppetti e usciva con tutto il reparto.
      Oltre a leggere con un minimo di attenzione, badi all’ortografia e non usi il nome di un eroe d’Italia come pseudonimo. Gliene suggerisco uno io: Pomponio.

  • TESEO TESEI  Il ottobre 21, 2013 alle 11:05 am

    MI SCUSO PER LE H MA SA 35 ANNI DI SERVIZIO NN SONO POKI .
    COMUNQUE RIBADISCO SASSARI REPARTO DI FANTERIA COME IL TUSCANIA .COL MOSCHIN REPARTO SPECIALE 2 MODI DIVERSI DI
    COMBATTERE .
    COMUNQUNQUE SU TESEO TESEI POSSO DIRLE TANTO .ORA SONO IN PENSIONE.

    • antoniochedice  Il ottobre 21, 2013 alle 11:40 am

      Un h in meno o in più non ha mai fatto troppo male.
      Il senso del mio post era che esiste un solo modo di combattere la guerriglia e se la Sassari si ostinava a uscire in 500 alla volta, non si sarebbe mai impegnata in combattimento, dato che l’avversario non si mostrava e non attaccava….

  • teseo tesei  Il ottobre 21, 2013 alle 4:22 pm

    il problema e che le truppe speciali in italia sono poche o pochissime quindi nn possiamo usurarle come si sta facendo inoltre le vocazioni sono poche in quanto
    come lei puo’ ben capire ci vuole anke un ritorno economico perki sceglie questa vita di sacrifici e le assicuro che le rinuncie sono tante .comunque agire a guerriglia con contro guerriglia nn si finirebbe mai l unica soluzione sarebbe trovare un antidoto ke cambi il modo di vivere di alcuni popoli cosa impossibile.
    quindi nn saprei proprio cosa suggerire .Anke se una ricetta possibile esiste ma
    verrei subito additato come un antidemocratico e razzista .E dal 1979 che l’afghanistan e in queste condizioni e di certo nn sara’ il democratico occidente a cambiare questa gente.alla prossima.

  • Arresto e distruggo  Il aprile 13, 2015 alle 11:35 am

    Sono sardo è mi sento offeso dalle ipotesi di codardia e di eventuali pressio ni di politici. Penso che tutto sia dovuto al voler tenere basso il numero di eventuali vittime e di contatti con il nemico, se di nemico si tratta. Siamo in zone di Guerra come missioni umanitarie e di pace non per aver scontri a fuoco. Non devono essere gli uomini delle cosidette elite dell’esercito che pagano un prezzo solo ed esclusivamente, forse starebberò meglio a casa. Come Motto ho – Ressto e distruggo – basta a capire che Sassari – Folgore o altro siamo tutti soldati della patria Italia e per la medesima se necessita siamo in prima linea , quindi fuori dagli schemi della polemica puerile.

    • antoniochedice  Il aprile 13, 2015 alle 2:18 pm

      Capisco il suo punto di vista, ma la critica resta perché basata su un fatto ( di tre anni fa).
      La critica non era rivolta alla Valentia dei sardi, ma all’impiego che lo Stato Maggiore fa di uomini e mezzi timoroso com’è di perdite umane che potrebbero spingere a ritirare l’impiego delle nostre truppe, mentre l’imperativo politico è di continuare a fare una guerra con morti zero facendo finta che sia una ” operazione di pace”. Le operazioni di pace non si fanno coi cannoni e non provocano morti tra i civili.

  • Pitone  Il Mag 27, 2017 alle 2:07 pm

    Sarebbe curioso conoscere la provenienza delle fesserie che Lei ha riportato. Escludo a priori che Lei fosse presente in Teatro in quel periodo. Nel caso così non fosse, è ovvio che Lei è un bugiardo e in male fade.
    Inoltre, Lei ha postato la foto di un Comandante della Sassari che non era quello “in charge” nel 2010.
    Mi verrebbe da dirLe di vergognarsi, ma so già che è un invito vano.
    Forza Paris!

    • antoniochedice  Il Mag 28, 2017 alle 8:06 am

      non c’ero. l’ho saputo dallo SME e la foto l’ho trovata su internet. resta non smentibile il fatto che la brigata usciva al completo per scoraggiare attacchi, mentre il col moschin faceva il lavoro sporco.

      • Pitone  Il Mag 28, 2017 alle 10:15 am

        “L’ha saputo dallo SME” 🙂 Lei è un perfetto ignorante che pubblica gossip bassa lega riciclato di quarta mana da qualche Suo conoscente che non sa quello che dice. Inoltre, resta assolutamente non dico smentibile, ma da smentire categoricamente quello che Lei definisce come “fatto”. “La Brigata Sassari” non usciva di reparto per scoraggiare attacchi. L’assioma stesso è una stupidità, dal momento che la Brigata Sassari non operava in quanto tale, ma su base di 3 reggimenti distinti e rinforzati da altri assetti specialisti. E normalmente le uscite erano su assetti minimi che non sto neanche a descriverLe, in quanto Lei non capirebbe. Glielo dice una persona che c’era e che c’e’ stata a lungo e in più occasioni. Inoltre, se mai Le pungesse vaghezza, le consiglio di leggere casa dicevano i Reparti Speciali dei MARINES a proposito dei ragazzi del 151 SASSARI che stavano a Bala Morghab. Ammesso che Lei sappia leggere dall’inglese. Anzi, il libro DAGGER 22 è stato pubblicato anche in italiano. Lei è proprio fortunato.
        Forza Paris!

      • antoniochedice  Il Mag 28, 2017 alle 11:22 am

        Caro Pitone, lei sarà anche un serpente ma lento a digerire. Sono un ex ufficiale in spe, ho molti amici nello SME e non solo, e non pubblico “gossip di bassa lega”. Che i Marines facciano pubblici elogi a chi combatte con loro è prassi normale. Che i sardi siano validi combattenti è certo. Che la Brigata – quando l’ho scritto – usciva bardata è sicuro. Lei si presenta esacerbato sette anni dopo il mio post e smentisce. Non vorrei parafrasare Sua Santità, ma chi è lei per smentire?
        Mi complimento però per il suo spirito di corpo, aggiungendo che il col Moschin non ha smentito neppure lui.

      • Pitone  Il Mag 28, 2017 alle 12:04 pm

        Caro “antoniochedice”. Che Lei abbia tenuto a sottolineare il fatto “di avere molti amici allo SME e non solo”, e il modo in cui lo ha fatto, rafforza in me la convinzione che Lei sia un subdolo, a prescindere dal se sia vero o meno che Lei sia un ex Ufficiale in spe. Il fatto che non abbia peraltro avuto la correttezza di postare una foto appropriata alle nefandezze che ha scritto, la dice tutta sulla Sua attendibilità. Che è pari allo zero. Il fatto che Lei abbia cercato di rifarsi, con “Arresto e fuggo”, senza rendersi conto che la frase “—Brigata Sassari: indennità di missione”, oltre che essere infamante, è assolutamente fuori da ogni connotazione di veridicità, conferma il fatto che Lei sia un cazzaro.
        Non sono Sua Santità, sono un Ufficiale Superiore tuttora in servizio. E non per questo ho remore a dire che mi vergogno dei comportamenti e degli atteggiamenti di taluni miei colleghi. Soprattutto di coloro che hanno dimenticato cosa significa “servire” e lavorare nel fango insieme ai propri uomini, stando ai Reparti operativi, anziché in poltrone di Comandi ed Enti vari.
        Evidentemente Lei potrebbe corrispondere ad uno di costoro, finito su una poltrona di un qualche palazzo troppo presto, senza aver preso quei calci in culo che l’esperienza di Reparto propìna. Uno di costoro che, affogati dalla propria frustrazione e insignificanza, altro non trovano da fare se non sparlare degli altri senza titolo, al solo scopo di dare un significato alla propria piattezza..
        E se mi presento sette anni dopo il suo post e smentisco le Sue sparate, è dovuto unicamente al fatto che Lei ha avuto la sfortuna del fatto che io mi sia imbattuto, solo ora, nella minchiata che Lei, sette anni fa, si permise di scrivere. Chi sono per smentire? Uno che può.
        Peraltro il mio Spirito di Corpo non necessita di vezzeggiamenti da parte di un bugiardo quale Lei é. Un’altra cosa: i colleghi del Col Moschin, quelli veri, sono troppo seri e professionali per parlare di servizio con la gente. Soprattutto con i cazzari.come Lei.

        Forza Paris!

  • antoniochedice  Il Mag 29, 2017 alle 4:46 pm

    Ho cancellato un altro scritto pieno di insulti firmato ” Maria”. Confermando che il signore che si firma “Pitone” ha tendenza a strisciare e nascondersi dietro a un nome di donna oltre che nell’anonimato. Bel tipo di sardo.
    Dal risentimento che mostra deve essere uno degli autori del capolavoro tattico che ho descritto, visto che dice di essere. ” un ufficiale superiore tuttora in servizio”. Spero che si arreno, come parecchi, a tenente colonnello, dove si giunge per forza di inerzia
    SE poi vuole giocare all’eroe e parla di esperienza che la vita di reparto propina, le propino quella di mio padre ( io purtroppo sono nato troppo tardi). vada su wikipedia alla voce Francesco de Martini e non mi venga a dire che si è imbattuto in ritardo pure il quella.
    Si sfoghi pure con gli insulti. La qualificano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: