LA DISOCCUPAZIONE IN EUROPA E NELL’EUROZONA MOSTRA DIFFERENZE DOVUTE ALL’EURO A NOSTRO SVANTAGGIO. MANCA LA VOLONTÀ DI INTERVENIRE. IN ITALIA IL MAGGIOR AUMENTO DELLA DISOCCUPAZIONE. di Antonio de Martini

Eurostat è l’equivalente europeo dell’ISTAT italiano, con la variante che il suo dirigente è un funzionario che non si sognerebbe mai di masturbare i numeri a richiesta del governo per poi entrarci.

A ottobre il dato della disoccupazione in Eurozona rimane all’11,5% , stabile comparato al mese precedente, ma sceso di uno 0,5 rispetto all’anno 2013.
Il dato della Europa a 28 è invece più basso: 10%, in decremento dello 0.7%.

In numeri assoluti, i disoccupati nella Unione Europea a 28 sono , sempre secondo Eurostat, 24.413.000( ventiquattro milioni e fischia), di questi, 18.395.000 ( diciotto milioni ) vivono nella Eurozona.

Nel mese di ottobre comparato a settembre 2014, il numero dei disoccupati si è incrementato di 42.000 (quaranta duemila) nell’Europa a 28 e di 60.000 nella Eurozona.
Comparato a ottobre 2013, il numero dei disoccupati è sceso di 1.549.000 nella EU28 e di 547.000 nella Eurozona ( a 18).

Il più forte decremento del numero dei disoccupati tra settembre 2013 e settembre 2014 si è verificato in Ungheria ( dal 10.0 al 7.3%) seguita dal Portogallo ( dal 15.6 al 13.4) Spagna ( dal 26 al 24) Bulgaria ( dal 13 all’11.1%) Grecia ( dal 27.8 al 25.9)

Il più forte incremento della disoccupazione tra Agosto 13 e Agosto 14, si è avuto in Italia ( dal 12.3 % al 13.2%) con la gestione a mezzadria tra Letta e Renzi e in Finlandia ( dall’8.3 all’8.9) il cui premier venne a darci consigli.

I quattro paesi con la maggior disoccupazione giovanile sono nell’ordine Spagna, (53.8%), Grecia ( 49,3) , Italia (43,3) e Croazia (41.5%).
Vista la numerosità non capisco perché non si rivoltino mentre comincio a capire perché non gli facciano più fare il servizio militare.

Annunci
Trackbacks are closed, but you can post a comment.

Commenti

  • SC  On novembre 29, 2014 at 9:04 am

    E poi si parla male di Orban…

    • antoniochedice  On novembre 29, 2014 at 9:29 am

      E che dire del compianto Hitler che non solo realizzo la piena occupazione, ma dovette importare un bel po’ di lavoratori ” volontari” dall’estero. Il fatto che abbia azzeccato la politica occupazionale ( mezzo milione di persone hanno ottenuto la cittadinanza è portato denari nel paese) non lo affranca da critiche in altri ambiti.

  • bipolare30551  On dicembre 2, 2014 at 8:09 am

    io cercherei anche di vedere come e a che prezzi sono scesi i disoccupati. Una cosa è scegliere di non morire di fame e una cosa è poter dire hanno trovato lavoro. Credo sia tutt’altro che casuale il fatto che siano proprio i paesi più in difficoltà quelli con il più alto decremento della disoccupaziome

    • antoniochedice  On dicembre 2, 2014 at 9:03 am

      Incremento e decremento sono percentuali ed è ovvio che se ho un disoccupato e occupo una nuova persona io abbia un incremento del 100%. È per questo che ho messo anche i numeri assoluti.

      • bipolare30551  On dicembre 6, 2014 at 6:20 pm

        grazie. adesso ho capito

      • antoniochedice  On dicembre 6, 2014 at 7:53 pm

        Beata te. Cosa?

      • bipolare30551  On dicembre 10, 2014 at 9:43 am

        senti, o la tua risposta precedente non ha attinenza con la mia domanda, o cerco di trovarci un senso. Siccome mi sembrava di averlo trovato, ho risposto ringraziando…ora la cosa mi sembra elementare, stai “ciulando” adesso o lo hai fatto in precedenza?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: