INQUIETA VIGILIA ELETTORALE TEDESCA E INCERTEZZE DEL G20. ARRIVA L’AUTUNNO EUROPEO ? MA LA BANCA CENTRALE VEDE ROSA. di Antonio de Martini

http://corrieredellacollera.com
Si sta profilando una dura revisione dei conti dell’Eurozona finora lasciati in sospeso per non disturbare la Merkel nella sua campagna elettorale.
Il fatto che per il preavviso non abbiano potuto attendere i pochi giorni che mancano al 22 settembre, è già indicativo.
Ieri dopo la riunione del direttivo della BCE, Mario Draghi ha rilasciato tre delle sue frasette nel solito tono privo di enfasi cui va invece dato il giusto rilievo:

a) la BCE manterrà i tassi chiave invariati per quanto tempo sarà necessario ed è anche pronta ad abbassarli.
b) l’outlook di BCE sulla Eurozona è positivo
c) poiché lo statuto BCE esclude il finanziamento degli stati, non è possibile “abbuonare” parte del debito greco come fecero i creditori privati (che abbuonarono il 74% dei loro crediti per salvare il salvabile. Ndr).

Commento:
1) il fatto che la BCE si sia dichiarata pronta ad abbassare un tasso dello zero virgola, dà immediatamente il polso della situazione generale senza bisogno di particolari approfondimenti.

2) La Grecia non è in grado di mantenere il flusso dei rimborsi e delle spese – servono con urgenza dieci miliardi di euro – e i greci sono pronti a rivoltarsi contro nuove restrizioni ( oggi a Salonicco, sono previste manifestazioni, a margine della fiera, da tutte le corporazioni e forze politiche esistenti: dalla polizia agli anarchici, dai pompieri a tutti i sindacati e sono convocati tutti in centro città.)

Sono affluiti 3.500 poliziotti e lo stesso capo della polizia da Atene per mantenere l’ordine pubblico.
Lo stesso premier Samaras ha dichiarato ( anche se non è la prima volta e poi ha inghiottito) che si rifiuterà di adottare ulteriori provvedimenti di austerity su una popolazione ormai agli stremi.

Draghi ha segnalato la necessità e l’impossibilità giuridica di ridurre il debito alla Grecia abbuonandone una parte. Il resto ( la possibilità politica) sta alla Germania del dopo elezioni: o azzera il debito residuo dei privati oppure accetta la riduzione del credito dei Bond BCE, oppure salta la Grecia a meno che a saltare non sia Samaras per far posto a un governo dal pugno di ferro.

3) La BCE ha adottato i criteri di valutazione delle agenzie di rating ed ha annunziato un ” outlook positivo” che non impegna a nulla e vuole aiutare la Merkel, considerando che a inizio anno scade il prestito irlandese e a metà anno quello portoghese: entrambi hanno già chiesto un rifinanziamento in vista della esigenza di affrontare l’aleatorietà del mercato internazionale dei Bonds e non sanno come saranno accolti.
Chissà se i tedeschi contrari a nuovi finanziamenti se ne sono resi conto.

Annunci
Trackbacks are closed, but you can post a comment.

Commenti

  • fausto  On settembre 6, 2013 at 5:30 pm

    Ma qualcuno realizza il fatto che stiamo vivendo una crisi delle risorse in stile anni ’70? O si ritiene che l’economia sia fatta solo di etere e buoni sentimenti? Qualcuno ha fatto caso alla dipendenza smodata dai carburanti per autotrazione che caratterizza tutti i paesi europei oggi in crisi?

  • abrahammoriah  On settembre 6, 2013 at 7:27 pm

    6 settembre 2013

    Una cosa gli italiani dovrebbero ficcarsi bene in testa (e questa cosa è proprio quello che i mezzi di informazione di massa fanno di tutto per nasconderlo): l’ Italia non potrà mai più risalire la china economica – e culturale – se il suo quadro di riferimento culturale e politico rimane quello della guerra fredda ( in primis: Alleanza Atlantica come unico modo di concepire la propria difesa e Unione Europea garante di pace e progresso). Invece di perdersi in dibattiti sul bipolarismo da disneyland, le scelte di campo dovrebbero riguardare una nuova visione geopolitica per un’Italia che non è più una portaerei contro il blocco sovietico ma che proprio per questo potrebbe esprimere a pieno le sue potenzialità.

    Massimo Morigi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: