SBAGLIERO’, MA STIAMO RINNEGANDO TUTTO CIO’ IN CUI ABBIAMO CREDUTO IN QUESTO DOPOGUERRA. QUAL’ E’ LA VERA AMERICA ?di Antonio de Martini

Qualcuno tra i lettori meno giovani avrà notato analogie tra il trattamento subito dalla Libia e quello subito dall’Italia ai suoi tempi.
In entrambe le situazioni, c’era una dittatura lastricata di buone intenzioni, perse per strada, appoggiata da una frazione di popolazione ( in genere la sociologia dice che sono 5% a favore, 5% contro e il resto della popolazione si estranea).
In entrambi i casi c’era un capo con uniformi da operetta

contornato da una serie di magnaccia, pochissimi oppositori a viso aperto e buone prospettive di sviluppo del paese.
L’ aggravante provinciale italiana e’ che fummo noi a dichiarare guerra – sia all’Inghilterra che agli USA – mentre Gheddafi ha avuto l’intelligenza di starne fuori, anche se non gli e’ bastato per salvarsi.
Entrambi morirono abbandonati dai seguaci e dai figli.
In entrambi i casi, si e’ bombardata una popolazione innocente ( sessantamila i morti civili italiani per bombardamenti. Lo ha detto, documentandolo, la Rai TV nei servizi culturali del prof Parascandolo nella trasmissione ” Bombardamenti” a cura di Giano Accame) e si e’ preferito uccidere il dittatore piuttosto che sottoporlo a un imbarazzante giudizio.
Anche in questi due casi, si dato poi vita a un governo fantoccio per introdurre il popolo alla liberta’ e alla Democrazia.
Abbiamo avuto libertà ma non democrazia, non quella vera, se esiste.
Viste le numerose analogie – e qui mi fermo, ma e’ un gioco che potrebbe continuare- mi sono trovato a pensare se ciò’ che ci e’ stato inculcato in testa a forza di bombe abbia avuto un valore intrinseco e duraturo e sopratutto se gli educatori siano poi rimasti saldi nei convincimenti che
diffusero ieri in Italia e oggi in Libia, Afganistan, Irak , oppure se hanno detto: “fai come ti dico, non fare come faccio”.
Le affermazioni valoriali sono le stesse e le critiche al regime dittatoriale dei due paesi, identiche.
La strategia e la tattica politica sono una riedizione, anche se nella replica l’ampiezza delle alleanze non ha raggiunto i cinquantadue paesi della prima versione.
La parte reale e costruttiva, quella per la quale si e’ disposti a combattere e a morire, quella dei film di Frank Capra, e’ invece scomparsa o se coesiste con le inquietanti ombre che vediamo, non si fa notare. Forse e’ ora di ricordare le promesse di sessanta anni fa.
Il suffragio universale e’ ormai condizionato dai media e da una ristretta élite di miliardari che hanno sostituito e snaturato il sogno americano. Le nostre primarie sono uno sfotto’.
La giustizia USA ha in pratica abolito l’ habeas corpus e in queste ore passa una legge che consente l’arresto e la detenzione a tempo indeterminato di un cittadino anche in assenza di una precisa imputazione.
Alcuni americani convertiti all’islam e simpatizzanti di Ben Laden, sono stati addirittura uccisi da Drone ( gli aerei armati senza pilota) con omicidi mirati.
Il principio di non interferenza negli affari interni di un paese, riconosciuto da tutte le assise internazionali, dal Congresso di Vienna ( 1815) in poi, non viene più considerato valido.
Le truppe americane, in tutto il mondo sono state dichiarate improcessabili.
L’impegno a garantire la stabilita’ del mondo – anche con l’accordo di Bretton Woods che prometteva l’oro a 35 dollari l’oncia – e’ stato bellamente disatteso.
Oggi l’ancoraggio all’oro e’ scomparso e gli Usa hanno trasformato la loro moneta in UN PRODOTTO CHE SIAMO OBBLIGATI A COMPRARE.
Producono i biglietti di banca a 4 centesimi l’uno e li vendono a un dollaro.
Chi non li compra rischia di trovarsi in seria difficolta’.
Gli Stati Uniti d’America non considerano più gli uomini tutti nati uguali nei diritti : gli arabi sono meno uguali degli altri. in dieci anni ne sono stati uccisi direttamente oltre centoventimila per eliminare due dittatori due.
Erano i paladini del libero commercio ed ora hanno creato il WTO ( World trade organisation) che di fatto e’ un oligopolio dei paesi più ricchi) e chi tocca il petrolio ( o l’oro, o il rame) muore.
Ci hanno portato la Repubblica e poi abbiamo visto monarchie dinastiche Made in USA come i fratelli Kennedy, fermati col tirannicidio, le dinastia Bush, la dinastia Clinton. Negli anni cinquanta, il solo governatore segregazionista dell’ Alabama, George Wallace, fu crocifisso per aver osato candidare la moglie a governatore.
Hanno annunziato la libertà’ di religione e ora vanno a braccetto , non solo – e basterebbe – coi fratelli mussulmani e con gli ebrei ultra ortodossi, ma siamo arrivati ai Talebani visti come puritani degni di navigare sul Mayflower.
Hanno predicato la libertà di ricerca scientifica, ed ora proibiscono di spiegare Darwin nelle scuole e lo tolgono dalle biblioteche pubbliche.
Hanno celebrato la libertà sessuale e ci sono Stati dell’Unione dove per un pompino, anche tra coniugi, si danno dieci anni di galera.
Hanno annunziato la libertà per gli omosessuali. Vedrete che tra poco diventerà’ obbligatoria.

I trackback sono chiusi, ma puoi postare un commento.

Commenti

  • Edoardo  Il gennaio 4, 2012 alle 11:25 pm

    Sbaglierò, ma lei non si sbaglia neanche un po’.

    • antoniochedice  Il gennaio 5, 2012 alle 9:00 am

      Oggi sei di buon umore… Nemmeno uno schizzetto di vetriolo.

  • Carlo Cadorna  Il gennaio 5, 2012 alle 6:23 am

    Forse, per gli USA, la libertà non è una religione di vita ma soltanto un mezzo per diventare più forti e dominare il mondo.
    Certo, chi pensava che fossero destinati a condividere il dominio con altri paesi,
    si sbagliava e di grosso….

    • antoniochedice  Il gennaio 5, 2012 alle 9:02 am

      Caro Carlo,
      Le leggi della politica internazionale sono sempre le stesse. Peccato che le classi dirigenti non memorizzino

  • gicecca  Il gennaio 5, 2012 alle 7:46 am

    E’ duro abbandonare il mito rooseveltiano della mia gioventù, ma Obama ci sta riuscendo molto bene. Forse risorge Mario Appelius. E se guardo a chi pensa di succedergli – a Obama- non sto certo meglio. GiC

    • antoniochedice  Il gennaio 5, 2012 alle 9:15 am

      Caro Gic,
      Non credo ci sia spazio per i nuovi Appelius a meno che qualcuno non abbia interesse ad alimentarne la crescita.
      Visti i primi velleitari candidati repubblicani alla presidenza USA, concordo con te che presto vedremo Obama come il male minore.

  • fabrizio  Il gennaio 5, 2012 alle 11:47 am

    Gheddafi non solo lastrico’ di buone intenzioni la sua terra ma transformo’ il paese piu povero del mondo nel paese piu ricco e con piu welfare dell’africa superando in benessere paesi come la Russia il Brasile ed oserei dire la Svizzera. E’ grazie a pezzettini di sterco come chi ha scritto quest’intervento che usurpatori violenti possono continuare a decidere il bello ed il cattivo tempo del pianeta. Vergognati. Viva la Jamahirria verde.

    • antoniochedice  Il gennaio 5, 2012 alle 11:57 am

      Poveretto. Scambi le ricchezze minerarie per meriti del Colonnello. Mi dici che ha fatto meglio di Mobutu. Complimenti. Ricordati che i bilanci si fanno alla fine e’ il bilancio e’ un cumulo di macerie. Ha sacrificato tutto al suo orgoglio.

  • Mario Maldini  Il gennaio 5, 2012 alle 1:58 pm

    Ma se Gheddafi era così lungimirante e giusto perchè ha fatto esplodere un’
    aereo in volo sulla Scozia, e perchè perseguitava i pii maomettani senussi del
    suo Paese? Con novanta-cento milioni di tonnellate all’anno di petrolio di ottima qualità estratte in Libia negli ultimi quattro decenni, chiunque avrebbe re-
    distribuito qualcosa al popolo, perfino- immagino – il Maresciallo Graziani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: