FINI & BERLUSCONI di Francesco Venanzi

c'eravamo tanto amati

Francesco Venanzi è  uno studioso di economia e – quindi – di politica. Siamo lieti che inizi a collaborare al

“Corriere della collera” invece che a chiosare gli scritti pricipali.

E’ indubitabile che Berlusconi, con i suoi comportamenti  privati, abbia stupidamente creato un senso di insofferenza nella opinione pubblica e nei suoi partner politici e offerto il fianco a facili critiche.  Ma non credo che questa sia la vera causa del ribaltone ordito da  Fini.

Svolte politiche di questa portata hanno fondamento  negli  interessi di ben determinati gruppi. Mi esercito qui a cercarne qualcuno.  

Mi domando: quali interessi  vengono di fatto gratificati con la caduta del governo Berlusconi?   Provo ad elencare i principali.

Quelli  degli amministratori locali  di Comuni, Provincie, Regioni, Asl  meridionali  che il federalismo fiscale, ormai vicino alla approvazione dei decreti attuativi,  avrebbe costretto ad  amministrare più seriamente le risorse, senza clientelismi, sprechi, corruttele.

Quelli dei malavitosi – mafia, ‘drangheta, eccetera –  che avrebbero trovato meno sensibili alle loro richieste gli amministratori locali; e che  avrebbero continuato a essere   braccati  e arrestati dall’efficace azione delle forze dell’ordine voluta  dal  ministro Maroni.

Quelli dei baroni universitari colpiti  dalla riforma Gelmini,  che era vicina alla approvazione finale in Parlamento.

Quelli dei magistrati che vedono nella riforma della giustizia annunciata la perdita del potere  politico e dei privilegi di casta.

Quelli dei tanti enti di spesa colpiti dai severi  e inesorabili tagli imposti dal ministro Tremonti per salvaguardare i conti pubblici e la credibilità del paese nella Ue.

Quelli di tutta una classe politica fatta di modesti politicanti attaccati ai privilegi delle rispettive poltrone, colpiti dalla riforma costituzionale annunciata che prevede la  drastica riduzione del numero dei parlamentari e  la  maggiore responsabilizzazione e trasparenza del personale politico.

Chi si è fatto protagonista della caduta del governo non può non essere consapevole del favore che  rende a quei  gruppi di interesse e che sui loro voti punta per accrescere le sue fortune politiche.     

Quando e come quelle riforme e azioni di governo saranno  riprese e portate a conclusione?  Proponendo Casini – che ha sempre dichiarato la sua contrarietà al federalismo –  come nuovo componente del governo si capisce bene a cosa miri Fini.

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • Giuseppe Accorinti  Il maggio 12, 2011 alle 2:39 PM

    Caro VENANZI,
    non mi ero mai accorto che Tu scrivessi sul corrieredellacollera dell’ottimo de Martini che conosco e apprezzo da tanti anni e che anche recentemente ho incontrato. Bravo, complimenti e cordialità
    acc

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: