Archivi delle etichette: Die welt

MINISTRO TEDESCO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ACCUSATA DI AVER COPIATO LA LAUREA. L’ ANNO SCORSO ERA GIÀ’ STATO ” PIZZICATO” IL MINISTRO DELLA DIFESA ZU GUTTENBERG. MA PERCHE’ NON SI COMPRANO LA TESI COME FANNO I NOSTRI POLITICI? di Antonio de Martini

Annette Schavan , dottoressa in filosofia e ministro della Pubblica Istruzione e ricerca scientifica ,
è strata messa sotto inchiesta dalla università di Dusseldorf che la sospetta di aver copiato la sua tesi di Laurea.
L’accusatore è lo Spiegel, il grande settimanale tedesco a diffusione nazionale della Gunhar und Jahre la grande editrice di Amburgo. Continua a leggere

Annunci

LA FEBBRE DELL’ORO DIVENTA EPIDEMICA ( seconda e ultima parte) IN CUI LA CORTE DEI CONTI TIRA LE ORECCHIE ALLA BUNDESBANK. di Antonio de Martini

Dunque, dicevamo che a Londra ( unica certezza circa l’ubicazione dell’oro dei messicani) esistono due entità che possono vendere e comprare oro: le ” Bullion Bank” ( che possono vendere e comprare anche allo scoperto) e la Banca d’Inghilterra , che se facesse altrettanto, provocherebbe una catastrofe di dimensioni planetarie, per il crollo del Tempio della finanza mondiale.
Immagino che un governatore della Banca Centrale che avesse l’ardire di negoziare 93 miliardi di dollari in cambio di un certificato cartaceo di ” avente diritto a…” lo avrebbero già impiccato in effigie. Continua a leggere

SALTA IN ARIA IL CAPO DELL’INTELLIGENCE SAUDITA? CRONISTORIA DI UNA “INTOSSICAZIONE” ALL’ ARABA. DEI DUE ATTENTATI DI DAMASCO E DI RIAD UNO POTREBBE ESSERE FALSO. MA QUALE? di Antonio de Martini

Il 18 luglio è giunta notizia dell’attentato devastante avvenuto nella sede del ministero della sicurezza di Damasco dove persero la vita quattro eminenti personaggi del regime, tra cui il ministro della Difesa ( Cristiano) e il capo dei servizi segreti ( in un secondo tempo).

Il mondo intero trovò normale che non trapelasse nessuna fotografia. In fondo si trattava di una dittatura. La zona della presunta esplosione fu circondata con grande tempestività dalle forze di sicurezza. Nessun media notò che due dei morti erano stati dati per morti dai ribelli che avevano detto di aver assassinato tre ministri pochi giorni prima, ma che erano stati smentiti clamorosamente dall’apparizione di uno dei morti ( il generale Hassan Turkmani) che si mostrò in ottima forma.

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: