Archivi del giorno: marzo 17, 2015

SI SCRIVE UCRAINA, MA SI LEGGE GERMANIA. LA RFT E LA SUA OSTPOLITIK BISMARCKIANA SONO UNA ALTERNATIVA ALLA U.E. E ALL’EUROZONA. OBAMA NON VUOLE. di Antonio de Martini

La Germania ha costretto l’Ucraina – facendo leva sul credito- ad accettare gli accordi di armistizio di Minsk. Ma la crisi è più vasta e gli USA vogliono una intesa con la Russia anche loro per contenere la Cina. . E i Russi vogliono in cambio un accordo con l’Iran . L’Iran vuole un accordo tra USA. e Siria. E…..e….e…

IL CORRIERE DELLA COLLERA

Per capire come mai la rana ucraina- un paese senza arte, parte e identità sul cui suolo passano dei gasodotti-  venga gonfiata fino all’inverosimile dai principali media del mondo e perché gli Stati Uniti premano tanto  sulla U.E. perché sanzioni la Russia inimicandosela,  bisogna fare un breve corso di storia e di geopolitica di cui anticipo le conclusioni in corsivo  per chi non avrà la pazienza di leggere l’intero testo  e   che ci porterà a constatare come la geopolitica tedesca, da Bismarck in poi, non abbia mai cambiato direzione se non durante la parentesi della costruzione europea post 1945.  Esistono forti correnti economiche e di pensiero che pensano di cambiare registro e gli USA si preoccupano di eventuali scelte geopolitiche indipendenti tedesche.

View original post 1.286 altre parole

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: