ROMA CORROTTA: COME USCIRNE: COMMISSARIARE COMUNE E PARTITI. FAR FALLIRE IL COMUNE PER RISPARMIARE E PUNIRE I ” FORNITORI”. CANDIDATI NUOVI E NON PARENTI DEI VECCHI.

Deve essere davvero una brutta vicenda se persino il Prefetto di Roma, Pecoraro, si è svegliato dal letargo per fare una dichiarazione alla Don Ferrante.
Il primo a riconoscersi responsabile dovrebbe essere lui che ha rilasciato a tutti i certificati antimafia con le ridicole procedure che sappiamo. E non si è sognato di denunziarne la burocratica inutilità. E non ha indagato. E non ha capito ne sospettato nulla. Un uomo inutile.

Mi pare ovvio che il nuovo Prefetto di Roma dovrebbe commissariare immediatamente il Comune di Roma , sciogliendo il consiglio comunale.

Anche costoro possono scegliere tra la qualifica di fessi e quella di corrotti. Nessuno può dire ” non sapevo, ” lo si vedeva dalla gestione delle immondizie, dal funzionamento dei trasporti, dal vaudeville della nuova linea metropolitana, dalle scoperte pressioni lobbistiche dei media, dalla gestione dell’accoglienza, dall’abbandono delle periferie, dalla sporcizia del centro.

Il governo potrebbe cogliere il destro per dichiarare la bancarotta del Comune e ristrutturare tutto eliminando così il debito.
In America, dichiarò fallimento lo stato di California, perché non Roma?

I fornitori del Comune e le banche creditrici ne sarebbero penalizzati, ma sono le stesse società che hanno per anni tratto beneficio da questo sistema degli appalti e tesorerie che adesso è all’esame dei magistrati.

Se Renzi volesse favorire il suo partito e distinguere il ruolo di Marino ( categoria fessi, ma estraneo alla corruzione) potrebbe nominarlo commissario, ma è solo spezzando la catena dei 550 milioni di interessi passivi annui che Roma potrà riprendersi. Le banche hanno guadagnato abbastanza.

I maggiori responsabili non sono i ladri, ne chi li ha favoriti nelle società comunali: sono i partiti politici e le correnti i veri mandanti, i ” basisti” e i ricettatori della refurtiva, con mance agli esecutori.

Loro hanno identificato i posti chiave, li hanno distribuiti a persone schiave dei loro bisogni, hanno intimidito chi denunziava i misfatti e hanno incassato.

Renzi è stato tempestivo nel commissariare il suo partito. Interessante il fatto che abbia scelto un non romano. Dobbiamo far pressione su tutti gli altri perché facciano altrettanto. Ci saranno otto persone perbene tra gli iscritti ai partiti di Roma?

I commissari dei partiti devono azzerare il tesseramento e le cariche sociali. trasferendo il tesseramento su internet possono identificare le persone, certificarne l’esistenza e ricevere sottoscrizioni via pay pal altro sistema tracciabile e impegnarsi a non ricandidare nessuno degli eletti, ex eletti e parenti degli eletti attuali. Visto che ci sono, potrebbero liberare i locali di proprietà del Comune adibiti gratuitamente a sezioni di partito o concordare un canone equo.

Senza queste scelte, ci sarà la solita passerella delle vergini dai candidi manti e la prossima volta gli arrestati saranno 370 e poi 3700. Sempre più numerosi degli elettori che continueranno a credere nella partecipazione democratica.

Annunci
Trackbacks are closed, but you can post a comment.

Commenti

  • armstav  On dicembre 6, 2014 at 5:27 am

    Ero un idealista, patriota e pieno di speranza che la base capisse un giorno stanca di essere divisa capziosamente con i vari giochetti delle parti avverse per fare i comodi loro. Ma ora non spero piu’, come vado dicendo, Dante e’ sempre attuale con il suo grido di dolore rivolto all’Italia nel Purgatorio.

    • antoniochedice  On dicembre 6, 2014 at 8:51 am

      Ha usato il verbo essere. Usi il verbo fare.

  • bipolare30551  On dicembre 7, 2014 at 7:57 pm

    l’unico punto che trovo condivisibile con l’artico, è che la città di Roma venga dichiarata fallita. I fornitori di servizi, sappiamo cosa hanno fatto… le banche poi….Su quali basi l’affermazione “fesso ma non colluso o corrotto” che si voglia? Per quanto riguarda poi il Renzino nazionale, Credo di tratti solo di facciata, Non poteva certo assumere un atteggiamento diverso, oppure si, magari “far saltare il banco”, ad esempio?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: