PIU’ I PAESI SONO “DEMOCRATICI E MEDITERRANEI” E PIU’ CHIEDONO PRESTITI ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA. SERVONO PER ALIMENTARE LE CLIENTELE ELETTORALI E UN ESERCITO DI STATALI CORROTTI E INEFFICIENTI.

In queste vignette vediamo le rispettive bilance commerciali e i volumi dei  prestiti da parte delle banche nazionali alla Banca Centrale Europea.

La maggior parte dei fondi pare venga investita in BOND del tesoro, ossia per finanziare il sistema pubblico più inefficiente e corrotto del pianeta ( dopo la Grecia ,  Corea,  Nigeria, Kazakistan e pochi altri). Intanto l’apparato produttivo italiano langue perché strozzato finanziariamente. Il problema dunque non è il debito pubblico, come spesso si dice, bensì il fatto che per finanziare il debito pubblico  si “succhia” il 50% del prodotto interno lordo e mancano  i fondi da destinare all’apparato produttivo. In più abbiamo un primo ministro che proviene dalle file dei “cravattari” e dalla parte dei cittadini c’è solo un Grillo parlante, parlante, parlante….

In Germania il 40% della ricchezza è investito nell’industria e il 40 % in Immobili. In Italia l’80% in immobili che adesso nessuno compra più….

Il rimedio? Plaffonare gli acquisti dei bond da parte delle banche , tassandoli oltremisura, dopo un certo volume rapportato ai prestiti alle imprese.

se si continuerà ( noi)  a pagare e ( la BCE) a prestare denari per mantenere i vari cacicchi di turno , non se ne esce. I denari devono essere impiegati produttivamente, altrimenti il gettito IVA continuerà a languire e non saranno le dichiarazioni scomposte di Monti sugli evasori ( ” saremo durissimi”) a risolvere la situazione. L’IVA non c’è perché non c’è lavoro e produzione.

Lor signori non l’avevano capito, tanto all’Università lo stipendio correva comunque.

Sembra proprio la favola della cicala e la formica. Vogliamo vivere da formiche o passare a un’altra favola ( magari il corvo e la volpe)?

I trackback sono chiusi, ma puoi postare un commento.

Commenti

  • urc  Il giugno 7, 2012 alle 7:25 pm

    Non solo statali corrotti e inefficenti!

    • antoniochedice  Il giugno 7, 2012 alle 7:42 pm

      No, ma gli altri li conosciamo gia’ .
      Bisogna capire che un sistema inefficiente che beve meta’ del reddito nazionale fa morire la societa’ civile de e’ peggio della mafia.

  • dario orsini  Il giugno 7, 2012 alle 7:31 pm

    Non sono esperto di economia ma secondo me tutto cominciò 20 anni fa con lo sgancio degli stipendi dalla scala mobile – si disse – per ridurre l’ inflazione dei prezzi. Mossa avvallata dal fu Trentin, non certo un sindacalista di destra. A quel tempo chi aveva anche pochi soldi in banca usufruiva di un tasso d’interesse del 5-8 % ? che permetteva a fine anno qualche piccola spesa extra per la casa, la famiglia o una vacanza. Insomma contribuiva a far muovere l’economia nazio-nale. Poi vennero i vari panieri istituzionali contenenti a rotazione merci ad infla- zione figurativamente bloccata. Nella realtà abbiamo visto in questo ventennio quale sia stata la nefanda incidenza del vero tasso di inflazione (costo delle assicurazioni, benzina, ecc.) e l’azzeramento di quello bancario con blocco
    degli acquisti e dell’economia. Se a tutto ciò assommiamo l’ aumento enorme e costante della pressione fiscale e la sciagura Euro non riesco a vedere una via d’uscita accettabile per la maggioranza della popolazione senza un ridimensio-namento del ns. stile di vita. Casta e banche escluse ovviamente, gli unici colpevoli di questa folle deriva. Loro hanno già concordato i vari scenari che poi ci propineranno come inevitabili. Purtroppo i cittadini attuali sono inermi.

    • antoniochedice  Il giugno 7, 2012 alle 8:38 pm

      Penso che noi cittadini ci dividiamo su quel che e’ successo, invece di unirci sul “che fare”.
      Cacciarli sarebbe il minimo.
      Se le liste non cambiano le persone che ci sono adesso, sabotiamo le elezioni. Che ne dite?
      Le mail ti raggiungono ovunque con BlackBerry® from Vodafone!

      • stefano  Il giugno 7, 2012 alle 9:59 pm

        Ma come si sabotano le elezioni? Se non vado a votare per gli eletti è meglio in quanto risultano rafforzati: i voti non si misurano in migliaia o milioni, ma in percentuali. Se votano solo 10 persone e un candidato ha 8 voti, comanda con l’80% del parlamento (cosiddetta maggioranza bulgara) ma nessuno l’ha voluto.
        Allo ra non rimane che tapparsi il naso e votare per Grillo che è l’unico attore fuori dal coro, almeno finora non avendo voti e ruoli, ma se dovesse conquistare qualcosa siete sicuri che non entra anche lui nel magna magna? Magari con molte giustificazioni moralizzatrici.
        Francamente non so che fare se non far crescere piccoli germogli quali questo blog e, se ce la facciamo, le “nonne da marciapiede”. Ma forse sarebbe necessario fare altro.

      • antoniochedice  Il giugno 8, 2012 alle 4:30 am

        Hai ragione a preoccuparti, dato che siamo ancora nella fase ” intellettuale” mentre avremmo dovuto passare a quella di movimento gia’ da un pezzo.
        Prossimamente pubblichero’. Due post: come sabotare le elezioni e chi ha aiutato Bossi e Grillo e perche’.
        Lo scopo e’ far passare il 42% di non votanti alle amministrative ( dove i votanti tradizionalmente sono piu’ numerosi) in un 51% almeno alle politiche.
        Il ministero dell’interno fa il suo mestiere, non ce l’ho con lui, ma per “rafforzare la democrazia” stanno distruggendo l’Italia.
        Le mail ti raggiungono ovunque con BlackBerry® from Vodafone!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: