Archivi del giorno: novembre 24, 2013

LA SVIZZERA INDICE UN REFERENDUM SUI LIMITI AGLI STIPENDI DEI MANAGERS ED È IN ARRIVO QUELLO DEL REDDITO MINIMO GARANTITO A TUTTI I CITTADINI di Antonio de Martini

Dedicata a tutti coloro che giudicano impossibile qualsiasi proposta. Ci sentiamo domani.

IL CORRIERE DELLA COLLERA

http://corrieredellacollera.com
il prossimo 24 novembre ci sara un altro dei periodici referendum in Svizzera. Si vota per ottenere per i managers il limite massimo di 12 volte lo stipendio dell’impiegato di livello minore.
Dopo il referendum che respingeva la proposta di abolire il servizio militare obbligatorio, ormai mi aspettavo di tutto.
Di tutto tranne la raccolta di centomila firme per lanciare un referendum da sogno:

View original post 432 altre parole

13 GIORNI FAMOSI DELL’ OTTOBRE 1962: ” LA CRISI DI CUBA” TRA RUSSIA E STATI UNITI

Ecco i documenti autentici della crisi di Cuba del 1962. Pubblicati a ottobre 2012. Sotto forma di diario dei tredici giorni, le scelte di Kennedy e del suo staff.

IL CORRIERE DELLA COLLERA

http://microsites.jfklibrary.org/cmc/oct16/.

Clikkando ( in realtà riscrivendo ) questo link, i più anziani potranno rivivere la grande crisi dei missili cubani del 1962 in ogni fase, esaminando i documenti autentici dell’epoca.
I più giovani resteranno meravigliati della primitività dei caratteri della macchina da scrivere del Presidente degli Stati Uniti, ma scopriranno quanto è facile e banale rischiare una guerra.
I più scettici di come sia passato alla storia un episodio, magari non di portata enorme, grazie all’uso sapiente dei media.
I ” tecnologici” di come si possano creare con poco dei documenti storicamente completi con mezzi non eccezionali.

View original post 253 altre parole

LA CACCIA A BEN LADEN SAREBBE COSTATA PARECCHI MORTI U.S.A. UN TESTIMONE RIFERISCE DI PARECCHIE ” BODY BAG” AMERICANE E I TEMPI SONO INVEROSIMILI.

Storie della scorsa primavera. Ora è di moda Kennedy.

IL CORRIERE DELLA COLLERA

Abu Ahmed al kuwaiti era un terrorista sperimentato, ma – stando alla versione americana – all’arrivo dei Navy Seals, alla caduta di uno dei due elicotteri blackhawk che si è abbattuto sul pollaio, allo scoppio delle serrature delle porte del muro di cinta fatte saltare, allo scoppio delle cariche esplosive applicate alla serratura della porta della casa, non ha reagito.
Non ha reagito nemmeno il fratello di Al Kuweiti , Abrar, e nemmeno il figlio di ben Laden ( Khalid) . Anche Osama ben Laden, il terribile guerrigliero globale, ha continuato a dormire il sonno del giusto.

View original post 616 altre parole

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: