IL CORRIERE DELLA COLLERA N 5: Come abbiamo fatto a ridurci così ?

Dopo la fase più dura della ricostruzione (1945 – 1954)

( Il periodo, per intenderci di Einaudi, Sforza, De Gasperi, Pacciardi, Pella, Scelba, Merzagora,  Carli,Menichella, La Malfa…) iniziò l’arrembaggio degli ambiziosi. Da Fanfani a Pannella.

Fanfani,l’ennesimo brevilineo che punteggia le patrie sventure, per risalire la corrente ( quando presentò il suo primo governo durato 15 gg, nessuno si iscrisse a parlare a favore né contro), cambiò lo statuto del partito, eliminando la clausola di NON candidabilità alle elezioni dei segretari provinciali che erano impiegati stipendiati. Questi, comprensibilmente, gli si affezionarono e , progressivamente, si impossessarono dei seggi. Il nano si impossessò del partito e gli gnomi dell’Italia.

Un esempio per tutti: Il senatore di ROMA CENTRO era un medico famoso e stimato da tutti: Il senatore Bonadies. L’impiegato di partito che venne eletto in sua vece, il senatore SIGNORELLO.

Che c’entra Pannella ? direte voi. C’entra eccome. Cominciò a cercare di farsi conoscere offrendo ai figli di NN uno status “paritario” con gli altri cittadini. Cosa giustissima.

Destino volle che l’ignoranza amministrativa e la protervia politica spinsero a una soluzione demenziale: invece di dare a chi non l’aveva una paternità di fantasia, come si fa col nome dei trovatelli, diventammo, per decreto tutti figli di p..

La Patria  -“la terra dei padri” – ricevette così la prima picconata di massa, culminata con l’assassinio della storia e della geografia.

Il problema però, cari amici, non sta nel capire come è cominciata, sta nel decidere di farli smettere e come.

Accordo storico tra giganti del pensiero: Il 9 luglio la Telecom annunzia  6.500 esuberi e problemi per 450 della SSC. Totale circa 7000 persone.

Il 4 Agosto in presenza dei ministri del Lavoro Maurizio Sacconi e del vice dello sviluppo economico Paolo Romani ( nato TeleLivorno) il governo media.

Risultato viene firmato un accordo  che porta gli esuberi a 8.300 e le perdite dell’azienda passano al governo che interviene con  3.900 contratti di mobilità ( finanziati dal governo)1.100 contratti di solidarietà ( idem) 1054 rinnovi degli stessi ( idem) e 450 nuovi contratti di solidarietà ( anche questi finanziati dal pubblico) Oltre a questi, 1800 persone esternalizzate in SSc ( leggi da far fuori al prossimo giro).

Peccato che al negoziato non abbia partecipato Il ministro ad interim Berlusconi.Ha cento difetti, ma non è uno stupido. Forse, ipotizzo, ha temuto di essere un domani accusato di conflitto di interesse. Lo fanno sempre….

A proposito di classi dirigenti selezionate alla rovescia, eccone l’ultimo esempio:  leggo sul Corriere della sera di oggi che il ministero dell’interno ha stabilito di spartire – si fa per dire – l’8per mille con una serie di piccole religioni del genere dei “ santi del settimo giorno”, negando i fondi alla religione mussulmana che conta in Italia circa un milione di seguaci.

Uno stato laico – come quello creato da De Gasperi – non avrebbe mai stanziato dei soldi a sostegno di una religione così da non trovarsi oggi a  doverne sostenere un gruppo e cercare una scusa per escluderne una in particolare. Continuino così e un attentato non glielo toglierà nessuno.

Dulcis in fundo: i documenti del Pentagono offertici in lettura da wikileaks, fanno giustizia anche delle asinerie che l’ufficio stampa del ministero della Difesa prepara per il ministro La Russa ogni volta che parla del nostro intervento in Afganistan: “siamo li per impedire che i cattivi vengano a fare attentati a casa nostra”. Sciocchezze: “è dimostrato che questo tipo di interventi eccita lo spirito di vendetta dei fanatici e che i fondi spesi non possono essere utilizzati per proteggere i nostri punti vulnerabili in Patria”. Lo ha detto ( e scritto) Robert Gates , attuale ministro della Difesa USA, quando era vice capo della Cia  con Casey direttore, a proposito dell’intervento in Irak.

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • antoniochedice  On luglio 11, 2017 at 3:28 am

    L’ha ribloggato su IL CORRIERE DELLA COLLERAe ha commentato:

    Nei film Western cambiavano solo i cavalli, non le trame. Nella politica italiana cambiano solo i somari, non gli avvenimenti che si ripetono sempre più stancamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: