Archivi del giorno: agosto 23, 2013

OBAMA VUOLE LA RIVINCITA E SCEGLIE DI COLPIRE LA SIRIA PER DISTOGLIERE L’ATTENZIONE DALL’EGITTO E DAI NEGOZIATI ISRAELE-PALESTINA ( in bilico) E DALLA CONFERENZA RUSSO-AMERICANA SULLA SIRIA ( che non si farà) di Antonio de Martini

Ricapitolando in breve: la Libia è ormai fuori controllo; l’Egitto rappresenta un disastro di immagine equivalente alla invasione sovietica della Cecoslovacchia; la Siria è la Stalingrado di un Obama che si è incaponito a voler ascoltare i consigli di Francia e Turchia, sempre pronti a fare la guerra con la pelle degli altri.

Il governo siriano ha vinto la battaglia per sbloccare la via da Damasco verso la pianura libanese della Bekaa e tagliato i rifornimenti ai mercenari che fingono di essere ribelli.
Dalle stesse ammissioni americane distribuite via Reuters, anche i sobborghi di Homs e un sito fortificato ribelle presso Latakia ( in zona Alawita) è stato espugnato e ripulito.
Dal Libano ha ricevuto decisivi rinforzi dall’Hezbollah.

Erdoghan, il campione di democrazia al kebab, ha dovuto affrontare rivolte studentesche che lo hanno squalificato ed il ringalluzzimento dei militari turchi che si sentono tornati di moda da quanto è accaduto al Cairo. Da zero problemi alle frontiere è passato a zero amici alle frontiere.
L’Egitto ha scacciato Morsi, il presidente che aveva rotto le relazioni con la Siria e la Lega Araba ha chiarito che la Siria non è mai stata scacciata dal consesso, ma solo sospesa e la sua sedia è sempre li che la attende.

Gli scontri a fuoco tra i ribelli dell’Esercito Siriano Libero ( FSA) e i Jihadisti stranieri di Al Nusra, continuano.
I fondi del Katar se non sono già cessati del tutto, stanno estinguendosi.
La Commissione di inchiesta dell’ONU sull’uso di gas nervini chiesta dal governo Assad è giunta l’altro ieri a Damasco per investigare.

Continua a leggere

OFFRO UN TRIS: UN ANEDDOTO MESOPOTAMICO ( ORIENTALE, NON ORIENTALISTA) PUBBLICATO A SETTEMBRE SCORSO, MA CHE SPIEGA IL RAPPORTO OBAMA AL SISI , L’EVOLUZIONE DELL’ARTE DELLA GUERRA E IL MONDO CHE CI ATTENDE.

“UN ANEDDOTO MESOPOTAMICO E UN LIBRO CINESE CI SPIEGANO COSA STA SUCCEDENDO E A COSA SERVONO LE SOMMOSSE ISLAMICHE DI QUESTI GIORNI” di Antonio de Martini ( del 18 settembre 2012). Contiene una inesattezza: il libro la guerra senza limiti è stato tradotto dal generale Fabio Mini e pubblicato in Italia.

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: