Cerchiamo amici per collaborare. Alla Repubblica di domani.

 

con noi o con lui?

L

‘italia ha bisogno di idee, proposte disinteressate, cultura politica non banale.  I vari governi che si sono succeduti – destra, sinistra, tecnici, balneari, programmatici ecc hanno tutti  dimostrato che la classe dirigente italiana si divide un tre categorie: quelli che rubano soldi, quelli che rubano idee e quelli che rubano entrambi.

Si sa, ognuno ruba quel che gli manca.

Siamo realisti.  Con questo sito/blog, chiamatelo come volete, vogliamo commerciare in cultura politica, idee e informazioni che riteniamo essenziali per chiunque voglia capire la politica e individuare quale sia l’interesse nazionale.

 I temi che ci interessano sono: la riforma dello stato; il miglioramento  – in concretodel bilancio e del debito pubblico; la difesa dell’interesse nazionale – in politica estera, in quella commerciale  internazionale e nella ricerca della coesione sociale-  la formazione di nuove leve che mancano ormai di qualsiasi punto di riferimento che non provenga da un bordello; la riforma del sistema educativo.

I temi che non ci interessano sono:  la sorte del governo, quella dell’opposizione, il futuro dei capi politici attuali ( il futuro non è più quello di un tempo..), la legge elettorale, la creazione di un “think tank”  a disposizione dell’Italia per trarla dal pantano in cui si trova da oltre un quarto di secolo.

Se te la senti di dare la tua cultura  politica a chi ne ha bisogno, se riterrai  soddisfacente sacrificare il tuo tempo per istruire  anche un solo giovane, se hai passione per la bellezza del creare progetti vitali,  ti stiamo cercando per proporti di collaborare alla costruzione della Repubblica di domani. Manda un messaggio e ci metteremo in contatto.

Vogliamo fare  quel che la UE ha raccomandato con gli accordi di Lisbona: promuovere la civiltà della conoscenza.

Perché non anche  nella progettualità politica?

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • Roberto  Il ottobre 7, 2010 alle 4:23 pm

    Questi problemini li aveva anche Platone 2400 anni fa. Sarà meglio rileggerci Politeia? (la repubblica per i pisani)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: