Cambiare le tasse in relazione ai propri bisogni, non era prerogativa dei re medioevali? di Gic

Caro AdM, in relazione ai tuoi spunti di meditazione per il primo maggio, e alle spese dei Grandi, ti segnalo alcuni risparmi forzosi che ci sono capitati addosso a noi Piccoli.

l IMU potrebbe variare nelle aliquote se il gettito di giugno non corrispondesse alle attese. Se uno ha una abitazione sfitta vale come seconda casa. Ogni idea di riduzione delle spese di cui si favoleggiava a nov dic e sparita dall-agenda del Governo. Non erano i Re assoluti che variavano le gabelle i relazione ai propri bisogni ? Siccome le tasse variano quasi ogni giorno / vedi l IVA a settembre che forse aumentera e forse, ma chi ci crede ?, no/ come si fa a programmare qualunque cosa ? Non e una situazione molto simile a quei socialismi reali che la storia ha giudicato e non bene ?

Fin qui, riprendo delle considerazioni di Ostellino.

Ma aggiungo che tutto questo non mi pare porti da nessuna parte nel miglioramento dei bilanci pubblici e dei nostri rapporti tra Stati in Europa. Insomma non e che la trovata di Napolitano a novembre 2011 si sta rivelando dopo cinque soli mesi una solenne fregatura ?

E soprattutto, che fare con le scemenze che Casini e Alfano si inventano di partiti nuovi che di nuovo hanno solo il belletto ?

Insomma, ammesso di arrivare al 2013 ancora vivi, chi votiamo, visto che Pacciardi non c e piu e anche Di Paola non mi pare stia facendo gran belle figure ?

Un saluto da GiC

Il problema della tassazione della casa  ( specie di chi ha una casa che non riesce ad affittare) sta assumendo proporzioni importanti. Si potrebbero tassare le ionserzioni pubblicitarie e le insegne dei negozi scritte in lingua straniera , ad esempio, ( tranne Bar, Grand Hotel , Day Hospital e poche altre) e la tassa sarebbe acolta con giubilo.

Altra idea, potrebbe essere equiparare le tasse su pubblicità e promozioni. La pubblicità è esente e le promozioni sono tassate al 45%: potrebbero abolire la tassa sulle promozioni al consumo ( se  vogliono la crescita ), mettere la tassa sulla pubblicità ( se insitono nei toni recessivi) oppure mettere una tassa sulla pubblicità del 23% e deiminuirla del 23% sulle promozioni ( equità).

E’ un argomento sul quale torneremo, magari con proposte sensate per sopperire alle carenze di esperienze di vita reale cui i “professori” non sono adusi. Ma forse stiamo perdendo tempo.  Il Presidente della Repubblica “tuona” contro l’antipolitica senza capire che la gente non è arrabiata coi partiti: è furente contro le solite persone che dalla nascita vengono iscritte alla direzione dei partiti e promuovono – sempre loro – le proprie carriere all’ombra della “difesa della democrazia”.

Ripeterò fino alla nausea che il SOGGETTO dell’articolo 49 della Costituzione è ” I CITTADINI” e il complemento sono I PARTITI. Basta fare l’analisi lofgica….

Quanto a Di Paola, meglio non parlarne che, se apro bocca, lo affondo.

Annunci
I trackback sono chiusi, ma puoi postare un commento.

Commenti

  • Fab.Car.  Il aprile 26, 2012 alle 12:10 pm

    Gent.mi lettori, qui non si fa antipolitica, perché i tempi in cui gli esponenti dei partiti ci distraevano con le loro discutibili imprese personali, evitando di evidenziare che il paese stava andando a fondo, sono trascorsi. Ci siamo affacciati su una nuova epoca, in cui non vi è più la politica come protagonista, ma la sopravvivenza. Nello specifico intendo la nostra sopravvivenza, escludendo solo il ceto dirigenziale governativo e pochissimi altri industriali, che possono anche porre rimedi inusuali al periodo difficile che stiamo attraversando. In merito a quale sarà il futuro palcoscenico del nostro carrozzone politico, personalmente intendo attendere il momento contingente. Per ora cerco di restare attento a quelle novità, modifiche, pareri “ironicamente” autorevoli dei nostri tecnici, che improvvisamente giungono. Invece fiducioso attendo quanto prima una discesa in piazza per sottolineare che le deduzioni sul riavvio economico del Paese, come ha dichiarato il dott. Draghi, noi italiani lo avevamo intravisto e proposto già prima che nascesse la nuova epoca di decadentismo. Ringrazio

  • Roberto  Il aprile 26, 2012 alle 4:40 pm

    A forza di aumentare le tasse molti re c’hanno perso la testa…..anzi, non mi viene in mente nessuna rivoluzione fatta per salvare dall’estinzione il finocchietto selvatico di Romagna..

  • Carlo Cadorna  Il aprile 26, 2012 alle 5:37 pm

    Ha ragione Roberto On. La situazione assomiglia al tempo della rivoluzione francese: i nobili sono stati sostituiti dai politici….

    • antoniochedice  Il aprile 26, 2012 alle 5:56 pm

      E la ghigliottina dalla indennita’! Forse sperano che a forza di mangiare gli venga il diabete…

  • stefano  Il aprile 26, 2012 alle 11:24 pm

    Forse sono pessimista, ma ho la sensazione che ci sia un patto “scellerato” tra i professori al governo e i politici delle due camere. Il Governo propone e minaccia le Camere di dimettersi (e quindi arrivare al licenziamento dei 1.000 deputati e senatori molti dei quali andranno a casa) se non approvano. Le camere hanno quindi tutto l’interesse di mantenere in vita Monti per salvare i propri interessi. Con questo giochino, siete proprio convinti che il prossimo anno andremo ad elezioni? Chi ha interesse? Napolitano no, Monti neppure e i 1.000 tanto meno, quindi perchè le camere si dovrebbero sciogliere? La mia impressione è che il Governo dei professori, che già dice che per tagliare le spese è necessario molto tempo, ce lo terremo per un altro paio di anni con tutti quegli inutili sedicenti “rappresentanti del popolo” che non rappresentano più nessuno e di cui potremmo fare a meno da subito.

  • gicecca  Il aprile 27, 2012 alle 7:10 am

    Beh, caro stefano; va bene che la Carta Costituzionale da un po’ di tempo é solo una carta, ma gli art. 85 e 60 sono ancora lì. E il Presidente scade il 14 maggio 2013 e camera e senato se ne vanno il 27 aprile, sempre 2013. Prolungamenti sarebbero leggermente anticostituzionali. Il problema quindi del che fare resta e si pone, al più, tra un anno esatto. GiC

    • antoniochedice  Il aprile 27, 2012 alle 8:14 am

      E non dimenticate il semestre bianco nel quale il Presidente non puo piu sciogliere le camere….

      • Stefano Gasparri  Il aprile 27, 2012 alle 10:17 am

        Quindi le camere non possono essere sciolte dopo il 14 Novembre? Cosa che non credo avverrà. Quindi i nostri 1.000 non se ne vanno il 27 Aprile, ma saranno costretti (poverini dovranno lavorare ancora!) ad eleggere un nuovo Presidente della Repubblica dopo il 14 Maggio e quindi non possono andare via. Se non si mettono d’accordo (e non si metteranno) la potranno tirare per le lunghe. Forse non conosco bene la Costituzione. Prometto di approfondire.

      • antoniochedice  Il aprile 27, 2012 alle 6:58 pm

        A stefano: si tratta del cosiddetto semestre bianco pensato per evitare che il presidente uscente si ritagliasse un parlamento a sua misura di rielezione.
        Il paradosso è che i partiti vogliono lo scioglimento e il presidente vuole mantenerlo.
        PERÒ un parlamento nuovo presumo permetterebbe una migliore performance della sinistra e questo parlamento avrebbe più possibilità di eleggere un presidente di destra. Aspettiamoci sorprese in autunno.

  • Mario Maldini  Il aprile 27, 2012 alle 11:13 am

    A me sembra che l’ ” Antipolitica ” abbia già vinto da tempo: da decenni gli italiani votano in massa un personale politico di obbedienza o derivazione co-
    munista, fascista o clericale. Altrove sono quelli l’Antipolitica. Di che si lamenta
    il Popolo? C’è una sola fra le facce più ributtanti al potere che non sia stato vo-
    tato e rivotato?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: