Ventuno premi Nobel pubblicano un appello in favore della Grecia. Silenzio dei media.

Ventuno premi nobel onorati per le loro ricerche ed opere nel campo delle scienze esatte, hanno sottoscritto un appello di solidarietà con la Grecia, invitando l’ Europa a non isolarla ed a tenere conto che gli investimenti per la tecnologia, la ricerca e per l’educazione nazionale sono strumenti fondamentali per la ripresa economica de paese.

Il grado di ignoranza e /o sudditanza dei media italiani nei confronti delle tesi e degli interessi tedeschi, è dimostrato anche dalla assenza di questo tipo di notizie dal pur ricco panorama di testate e stazioni radiotelevisive.
Nel frattempo la signora Lagarde , successora di Dominique Strauss Khan alla direzione del FMI ( Fondo Monetario Internazionale) , rispondendo a una intervista ha dichiarato testualmente di essere più interessata alla sorte dei bimbi dell’Africa sub sahariana che a quella dei bambini greci: ” se i greci sono preoccupati per l’avvenire dei loro figli, comincino col pagare le tasse”.
Gli interventi del FMI nell’Africa sub sahariana negli ultimi trenta anni sono inesistenti.
A infierire sulla Grecia, oltre alla speculazione mondiale, si aggiunge la burocrazia internazionale.
L’appello sottoscritto in forma di articolo appare su ” Science Magazine” firmato dal virologo tedesco Harald Zu Hausen e da altri venti laureati col titolo ” support to Greece”.
Se si fosse trattato di un appello per migliorare la qualità della tosatura degli Huskies in Siberia , lo avrebbero pubblicato tutti.
Intanto anche la Repubblica di Cipro , per bocca del nuovo governatore della Banca Centrale Panicos Demetriades , ha annunziato di star considerando la possibilità di ricorrere a un prestito di quasi due miliardi dalla BCE ( Banca Centrale Europea).

I trackback sono chiusi, ma puoi postare un commento.

Commenti

  • gicecca  Il maggio 27, 2012 alle 7:26 am

    Si potrebbe anche citare una “Dichiarazione di Nantes” di nov 2011 che inizia “I, too, am Greek”, nel blog jesuisgrec.blogspot.com contro le umiliazioni inferte alla Grecia. il risultato di queste ultime é che gli ultimi sondaggi danno Siryza al 28%, primo partito greco contro il 24% di Nuova democrazia e il Pasok a meno del 15%.
    Se é vero, come credo, che la Grecia falsificò i suoi conti per entrare nell’euro, resta anche il fatto che nessuno dei superburocrati europei se ne accorse o almeno fece finta di non accorgersene. Mi domando quali provvedimenti sono stati presi nei confronti di questi incapaci. D’altra parte oltre un decennio fa anche l’Italia di Prodi e Ciampi non era certamente in regola; e in seguito, a considerare i parametri di Maastricht, non é che sempre Francia et al. siano stati in ordine perfetto. Ma chi ha il coltello dalla parte del manico …. GiC

  • gicecca  Il maggio 27, 2012 alle 7:54 am

    Aggiungo solo l’aforisma del leader di Syriza, 39 anni: “They decided without us; let us advance without them”. Non c’é bisogno di tradurre, credo. giC

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: