PIRATERIA NELL’OCEANO INDIANO ANNO ZERO. di Antonio de Martini

In Inghilterra, paese ancora profondamente marinaro, si è costituita qualche mese fa la SAMI, Security Association for Maritime Industry e si è messa al lavoro chiedendo al governo l’autorizzazione a imbarcare delle scorte armate private.

Gli argomenti addotti erano di peso e la richiesta fu accolta: la flotta mercantile britannica ha un valore superiore ai dieci miliardi di sterline e negli ultimi quattro anni sono stati sborsati a fini di riscatto oltre trecento milioni di Sterline; uno spazio di 180 milioni di miglia quadrate reso insicuro alla navigazione internazionale e la necessita di diminuire i costi delle assicurazioni.
Da febbraio, data dell’approvazione governativa , si è messo in moto il meccanismo di sollecitazione alla emissione delle linee guida di comportamento delle scorte armate, con raccomandazione al governo di ” non emasculare” la precedente decisione con comportamenti troppo garantisti per i battelli armati che eventualmente si imbattessero su quelle rotte.
La SAMI ha organizzato un convegno a livello nazionale nel giro di un mese e , benché io non ne conosca i contenuti, so che l’operazione si è conclusa nel senso desiderato dalla comunità della Security, degli armatori e degli assicuratori.
La situazione è chiara, le navi protette e la legalità definita.
In Italia, si è fornita alla chetichella una scorta armata – a spese della comunità nazionale – non si sono date direttive chiare e il dibattito , se si farà, si farà a marò condannati .
E La Russa e Di Paola proseguiranno le loro brillanti carriere, raccomandando a tutti
noi di ” fare sistema” per uscire dalla crisi.

I trackback sono chiusi, ma puoi postare un commento.

Commenti

  • Roberto  Il maggio 28, 2012 alle 4:00 pm

    Pare che mettano i nostri marinai vicino all’aeroporto. Per quelli del Varignano è una segata andarseli a riprendere. Basta avere le palle di dare l’ordine.

    • antoniochedice  Il maggio 28, 2012 alle 4:23 pm

      Magari senza scriverlo su internet e sapendo dove andare poi …

  • Roberto  Il maggio 29, 2012 alle 9:42 am

    Anche questo è vero….sul dove andare ci sono tante navi “alleate” al largo….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: