Mediterraneo: tutti protagonisti, tranne l’Italia

Qualche  amico mi ha telefonato, esprimendo meraviglia  per  ” i ripetuti attacchi ” alla CIA, se non addirittura alla politica estera USA nel Mediteraneo. Rispondo a uno per chiarirmi con tutti.

La fregata ALVAND iraniana, naviga verso il mediterraneo orientale , dove abbiamo una squadra navale anti traffico di armi. La Alvand lancia missili e noi no.

Sono italiano – anche se a volte non sembrerebbe –  e suggerisco una linea di politica estera vantaggiosa per l’Italia.  Se gli Stati Uniti perseguono una politica buona per loro e cattiva per noi, sento il dovere di dirlo.

Il fatto che  io abbia “azzeccato” una serie di previsioni che sono sotto gli occhi di tutti coloro che hanno letto il blog  dimostra che non parlo a vanvera.

Ho scritto su questo blog  di “Mediterraneo in fiamme” il primo giorno della prima manifestazione,  nel generale scetticismo; ho scritto che tutto il Nord Africa se ne frega della democrazia e cerca pane e lavoro perché messo in ginocchio dalle speculazioni alimentari dei grandi complessi agroindustriali americani. Lo ha confermato il ministro Tremonti alle telecamere del G20 ieri sera, sia pure senza dire  che sono americani.

Ho avvertito il 18 gennaio che con l’arrivo del bel tempo avremmo avuto un’ondata migratoria importante, fornendo anche suggerimenti per rallentarla se non fermarla.

Ho avvertito che la rivolta in Libia non ci sarebbe stata o sarebbe fallita.

Ho detto che gli USA sono dietro a queste rivolte per un combinato disposto di affarismo e spirito missionario., con l’intento di scoraggiare la Cina a guardare verso il mediterraneo ed individuare gli USA come interlocutore privilegiato nella grande partita del commercio mondiale.

Non mi aspetto che il dipartimento di Stato confermi le mie analisi e ho pubblicato l’articolo del Washington Post  che smentiva la mia analisi dicendo che la CIA aveva solo rapporti “ufficiali ” di collegamento coi governi amici,  ma nessuna attività clandestina,  adducendo mancanza di tempo ( !) e anche per interessi di carriera dei funzionari.

Non è colpa mia se l’indomani ,  il Presidente Obama ha chiesto perentoriamente al Presidente del Pakistan  Zardari  la messa in libertà di un assassino terrorista di nazionalità americana  colto con le mani nel sacco mentre  agiva candestinamente in Pakistan , uccidendo due agenti dell’ISI  che lo hanno sorpreso mentre stava indicando un obbiettivo da colpire con un missile grazie a un apparato GPS. 

La CIA ha così provocato  una crisi nei rapporti con l’alleato nevralgico , e il fatto portato in tribunale a Lahore, ha  dimostrato  che avevo ragione io e che il Washington Post mentiva. Gli USA praticano la politica del ciascuno per se anche a spese di alleati più importanti dell’Italia.  Noi dovremmo restare buoni buoni a cuccia e accettare il declino sociale, politico ed economico  del paese per restare fedeli a un concetto di guerra fredda contro un nemico che non c’è più?

Tutte queste considerazioni sono corollari del teorema principale che “in un periodo di globalizzazione, ognuno tira l’acqua al suo mulino,  perché non esistono blocchi di alleanze economiche”  le alleanze  di questa epoca non hanno ragione di esistere se non finalizzate a obbiettivi economici  e che la nostra classe governativa è sempre in ritardo di un’ idea , una rivoluzione o , se preferite, di una guerra fredda?

Se si accetta l’idea che  ognuno deve fare da sé, bisognerà che l’Italia abbia una sua linea di condotta strategica e il governo – qualsiasi governo –  deve aprire un dibattito  su cosa fare, quando, come, con quali mezzi.  Il mercato mondiale in questi anni si è arricchito di due miliardi di nuovi consumatori e forse più. Se ne conquistiamo 50 milioni, ( il 2,5%) abbiamo salvato l’Italia.

Nel mediterraneo, se la sono cavata quelli che hanno sparato : dall’Albania di  Berisha a Gheddafi; gli egiziani – come sempre hanno fatto una sceneggiata democratica e adesso bussano a cassa.

I tunisini dopo un moto di rivolta che ricorda i fatti di Reggio Calabria di qualche anno fa, stanno prendendo la via dell’Europa.

Gli Iraniani – mancavano loro –  hanno spedito una nave appoggio e una fregata ( la Alvand) nel mediterraneo e opereranno presumibilmente nella zona orientale  con base a Tartous in Siria. In zona, in appoggio al nostro contingente in Libano,  c’è una nostra squadra di contrasto al contrabando d’armi guidata dalla fregata Zefiro che ha l’età di mio nonno.

Una nostra petroliera da 85.000 tonnellate di stazza è stata abbordata nel golfo di Aden e fatta prigioniera da uno sciabecco di otto metri.

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • Roberto  Il febbraio 21, 2011 alle 10:17 am

    E cosa ci sarebbe di male a criticare la CIA? I primi sono gli americani!

  • urc  Il febbraio 21, 2011 alle 10:36 am

    Il problema di criticare la CIA promana dal modus degli USA nei rapporti tra stati, degli affari e del lavoro. Ho lavorato con due aziende degli USA (precisiamo per gli americani del Nord, escludendo parzialmente i canadesi)come la RCA e la General Electric Co. e senza farla lunga dico che la spregiudicatezza che Antoniochedice segnala è per loro « il todo modo» per arricchirsi e mantenere comunque la loro supremazia.

  • Francesco Venanzi  Il febbraio 21, 2011 alle 3:32 pm

    Come si spiega che sia Ben Alì, sia Mubarak poco dopo aver perduto il potere si siano ammalati e siano dati quasi per moribondi? E’ lo stress o qualcos’altro?. A saperlo, che stavano lì lì per tirare le cuoia, gli scontenti potevano rispiarmarsi la piazza. Vediamo se capiterà anche a Gheddafi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: