Tag Archives: “Leon Panetta

SIRIA E MEDIO ORIENTE: CHI HA VINTO E CHI HA PERSO. di Antonio d. de Martini

Sono rientrato dalla Russia dove sono rimasto dieci giorni. Tutte le persone con cui ho parlato, hanno iniziato la loro conversazione con commenti sulla vittoria diplomatica russa su Barak Obama.
Nessuno si illude circa il reale rapporto di forze tra le due potenze e la maggior parte dei commentatori conviene che il desiderio di Putin di essere considerato al pari degli USA sia un wishful thinking che potrebbe rivelarsi il suo punto debole.
Ma, se la vittoria di Putin è effimera, chi ha veramente vinto e chi ha perso in questo scontro ?

Continua a leggere

AFGANISTAN. COLONNELLO NON VOGLIO PANE: PIOGGIA DI DECORAZIONI SUI COMBATTENTI INGLESI E I “TAVOLINARI” AMERICANI. di Antonio de Martini

http://corrieredellacollera.com

Un antico proverbio del regno delle due Sicilia dice” finché c’è n’è, Viva il re! Quando non ce n’è più, Viva Gesù!” Il senso di questo detto è che nei periodi di abbondanza si serve il re e la Patria e nei periodi di magra ci si rivolge a questioni più spirituali mirando ad aspetti più valoriali.
Questo succede anche nelle guerre e rispecchia i costumi dei popoli che vi partecipano, col proprio patrimonio culturale.

42 parlamentari USA, di entrambi i partiti, hanno rotto un tabù e lanciato congiuntamente una iniziativa di protesta contro l’ultima decisione presa dal segretario alla Difesa Leon Panetta prima della dimissioni: la creazione della Distinguished Warfare Medal destinata ai ” Piloti di Drone e cibercombattenti”, assegnandole il primo rango nella classifica delle decorazioni al valor militare.
Li hanno chiamati Joystick warriors dal nome dello strumento con cui manovrano il loro mortale videogioco.

Continua a leggere

OSTE COM’È IL VINO? LEON PANETTA SI CONGRATULA CON L’AMMIRAGLIO PER I SUOI ACQUISTI E LUI ACCORRE IN SOCCORSO DELLA FRANCIA di Antonio de Martini

Http://corrieredellacollera.com

Leggo sull’Agenzia Italia che l’ Ammiraglio di Paola, attuale ministro della Difesa, ha incassato il plauso del segretario del Pentagono Leon Panetta il quale si è complimentato con l’acquirente perché ” ha comprato l’aereo del futuro”. Parla, ovviamente dei contestati aerei F 35 e dice , sempre secondo l’Agenzia Italia, che si tratta di un acquisto di un numero notevole di pezzi.

Questa notizia è stata preceduta, come ci informa il Guardian,

Continua a leggere

IRONIA DELLA STORIA: L’INTERVENTO NATO IN SIRIA HA CREATO UN VUOTO DI POTERE NEL LEVANTE E LA TURCHIA NON RIESCE A RIEMPIRLO. GLI USA COMINCIANO LA MARCIA INDIETRO E ERDOGAN TORNA A BUSSARE ALLA PORTA DELLA U.E. di Antonio de Martini

La Strategia del supporto americano al ” regime change” in Siria, ma con coinvolgimento indiretto, ha creato al premier turco Erdoghan un problema di dimensioni inattese.
L’analisi politica che lo ha portato a rinnegare la dottrina Davitoglu ( nessun problema alle frontiere coi paesi vicini) si è rivelata errata ed ora è in crisi palese con tutti i vicini, eccezion fatta della Grecia, cui la Turchia è già legata da odio secolare ( l’ultimo scontro armato data dal 1974 per Cipro).
La frizione con la Siria ha portato alla luce il fatto che tutti gli alleati di Assad confinano con la Turchia: Russia, Iran e l’Irak sciita.
La capacità di resistenza del regime di Assad é stata decisamente sottovalutata, così come il numero dei siriani che avrebbero accolto l’invito a rifugiarsi in Turchia. La siccità indotta dalla penuria d’acqua provocata dalle dighe turche ( vedasi il post ” la prossima guerra sarà per l’acqua”) ha indotto i contadini, in gran numero, a cercare aiuti.
Accanto a questi due grossi errori di sottovalutazione, ce ne sono stati altri due di segno contrario: Erdoghan ha sovrastimato la volontà di intervento militare diretto del governo americano nella lotta e la possibilità – rivelatasi illusoria – di provocare un golpe dall’interno del regime siriano.

Continua a leggere

L’ACCERCHIAMENTO STRATEGICO DELLA CINA DA PARTE AMERICANA COMINCIA A PERDERE PEZZI.

Il governo australiano ha negato al governo USA la concessione di una base navale destinata ad ospitare – nelle intenzioni dello Stato Maggiore della Marina Usa – una portaerei nucleare con relativo naviglio ausiliario.
La richiesta per una base sulla costa occidentale australiana, mirava, secondo i proponenti, a rafforzare la sicurezza del sud Pacifico.
La decisione è stata una sorpresa, in quanto Australia e USA avevano pochi mesi fa rinnovato il patto di collaborazione militare che li aveva uniti nella seconda guerra mondiale, proprio in funzione di contenimento della Cina.

Il Parlamento Uzbeko, sempre tre giorni fa, ha emanato una legge che proibisce la concessione di basi militari a chicchessia sull’intero territorio nazionale.
Una base era stata concessa al governo americano in nome della lotta al terrorismo e poi ritirata, complicando ulteriormente il problema logistico dei rifornimenti alle truppe in Afganistan e compromettendo, adesso, una via di ritirata più sicura in vista dell’evacuazione generale.
Le ripetute visite del segretario di Stato Hilary Clinton e di Leon Panetta ( Difesa) non sono evidentemente state sufficienti a convincere gli Uzbeki .
I Talebani Afgani , dal canto loro, hanno annunziato l’apertura di un ufficio a Teheran.
Si tratta del secondo ufficio estero , dopo quello aperto negli Emirati e destinato ai colloqui bilaterali con il governo americano.
Un portavoce degli Stati Uniti, dal canto suo, ha informato che da intercettazioni di comunicazioni, sono al corrente del progetto iraniano di cedere missili antiaerei ai Talebani.
Vista l’estensione delle frontiere in comune con l’Afganistan , l’ipotesi assume aspetti di pericolosità reale, specie per gli italiani che sono incaricati del settore Afgano più contiguo all’Iran.

ASIA: DA DAMASCO A ISLAMABAD A SHANGHAI GLI STATI UNITI IN AFFANNO. LE AMBIZIONI NON SONO ALL’ALTEZZA DELLE CAPACITA’.di Antonio de Martini

I giornali di oggi fanno del loro meglio per attenuare lo scacco tedesco a Bruxelles e quello americano a Ginevra, quest’ultimo avvenuto nel negoziato USA- Russia sulla Siria.
Il succo della vicenda è che Bashar el Assad non dovrà essere costretto da stranieri a lasciare l’incarico. Dunque, sarà lui a assicurare la transizione. Vittoria netta delle tesi russe.
Non è detto che i contraenti mantengano l’impegno, ma certo avrebbero fatto volentieri a meno di prenderlo..

Continua a leggere

DOMANI INIZIA IN MESSICO IL G 20. PARLERÀ DI PACE , SVILUPPO E PROSPERITÀ ‘ O DI GUERRA E DISTRUZIONI NEL MEDITERRANEO?

Domani e dopo domani si riunisce in Messico il G20 . Una sorta di direttivo auto convocato del condominio-mondo che serve a cercare di dare al pianeta la sensazione di essere rappresentato e governato con saggezza. I partecipanti sono:

Continua a leggere

SUPERIOR STABAT LUPUS.

Abitualmente non trasmetto informazioni senza aver fatto l’analisi del sangue al sito che le mette in onda, ma faccio una eccezione per questo caso, trattandosi di filmati che ognuno è in grado di giudicare.

Continua a leggere

LA STRATEGIA USA VERSO LA CINA SCALA DI UN PASSO VERSO LA GUERRA, MA LA RISPOSTA SARA’ ECONOMICA O NON SARA’

29 ottobre 2011. Chi tra i lettori di questo blog si sia preso la briga di leggere i post della scorsa primavera, forse ricordera’ come abbia seguito con attenzione le mosse strategiche di Obama riguardo alla Cina e che riassumiamo:

A) tutto lo staff militare della casa bianca proviene dall’ area del Pacifico .
B) i viaggi del presidente USA in India, Indonesia, Corea e Giappone , fatti in un ideale accerchiamento commerciale della Cina.
C) Il viaggio in America Latina a ridosso dei viaggi e accordi commerciali cinesi ( Brasile).
D) ho letto anche la campagna di Libia e il fomento della primavera araba in chiave di “containement” della Cina e della sua espansione commerciale.
E) ho anche segnalato le contromosse cinesi per tenersi libere le rotte commerciali ( un istmo bis rispetto a quello di Kra che e’ controllato da Singapore e un passaggio ferroviario sul territorio colombiano per poter fare a meno del canale di Panama. Investimenti questi di 70 e 40 miliardi di dollari rispettivamente.).
F) la “richiesta di spiegazioni ufficiali”alla Cina da parte degli USA alla notizia di forti investimenti miranti a far diventare la Cina una potenza militare anche marittima.
La mia imperizia fotografica ha fatto si che mandassi la foto del nuovo modello di portaerei cinese solo ai trecento ” abbonati” di cui posseggo l’ indirizzo mail e me ne scuso.
Vi basterà’ comunque sapere che gli ingegneri del celeste impero – pardon rossa repubblica – hanno avuto l’ idea semplice per eccellenza : fare una portaerei-catamarano.
Due scafi, quindi doppio ponte di volo, doppio degli aerei imbarcati, doppia velocità’ di messa in aria degli aerei e sopratutto, costo che e’ un terzo di quello americano per costruire una portaerei a ponte singolo.
La portaerei di nuova concezione entrerà’ in funzione nel 2015 e da quel momento la superiorità’ marittima degli USA sarà’ in pericolo, così’ come la sicurezza degli alleati dell’America nell’area.
La Clinton, reduce dal lifting col quale conta di vincere le prossime elezioni presentandosi al posto di Obama, ha immediatamente fatto un giro nell’ Asia ex sovietica ” i cinque stan” mettendoli in guardia contro il pericolo del fanatismo islamico , che da quelle parti non c’e mai stato, pronunziando la frase ” siamo tornati” che suona strana sulla bocca di un paese che mantiene da quaranta anni in Asia 6 delle 12 portaerei che possiede oltre a centomila uomini , senza contare i corpi di spedizione afgani e irakeni, oltre ad aver fissato a Bahrein la base della quinta flotta ( Oceano Indiano).
Obama si e’ fatto fotografare per la centesima volta con il Dalai Lama ( ma non si era dimesso da padreterno?)
Poi l’escalation militare ha preso il via: il. Giro dell’ Asia lo sta facendo Leon Panetta , segretario alla Difesa, che abbandonati i convenevoli di Washington coi mini alleati, ha iniziato a visitare una serie di paesi alleati, portando buone e cattive nuove.
A) la Corea del Sud e Okinawa sono state definite “indifendibili” in caso di conflitto e destinate al,
non immediato, abbandono, anche in forza dell’odio ormai radicato della popolazione dell’isola stanca dei soprusi dei militari di stanza in loco dal 1945.
Il probabile fronte arretra verso Giappone e Australia e Nuova Zelanda coi quali Leon Panetta ha avuto accenti tali da ricevere una rettifica dallo stesso Obama che lo ha invitato ad abbandonare i toni da anni cinquanta.
B) In occasione del sessantesimo anniversario della firma del loro primo accordo difensivo, Panetta e Clinton si sono incontrati coi loro omologhi australiani a S Francisco ed hanno deciso di intensificare le manovre aeronavali congiunte sia per quantità’ che per qualità’.
C) Panetta ha annunziato a Tokio, lo scorso giovedì il rafforzamento del dispositivo americano nel Pacifico , pur senza accennare alla necessita’ di aumentare il numero già alto di portaerei nel Pacifico. La parola miracolosa e’ ” rebalancing” del potere militare in zona, ma il vero punto e’ che gli USA devono vincere la battaglia dell’ economia asiatica se vogliono recuperare la credibilità’ perduta .
Gli interventi militari di “rebalancing” , la vendita di quasi 6 miliardi di aerei a Taiwan, l’intensificazione del ritmo delle manovre aeronavali nel sud ovest Pacifico , la decisione australiana di accettare le donne nelle unita’ combattenti entro cinque anni, le foto col Dalai Lama, non valgono il surplus finanziario della Cina di un solo anno. O l’America si inventa un nuovo plus tecnologico, o innova la produzione industriale nei processi e nei costi, o perderà’ ancora .
Intanto il dividendo della pace del ritiro USA da Irak e Afganistan, va in fumo per mantenere queste nuove posizioni, mentre avrebbe potuto essere impiegato nel rilancio economico.
In questa strategia globale , ancora troppo militare e poco economica, l’Africa e’ stata subappaltata ai suoi macellai di sempre : gli anglofrancesi. la Francia si sta segnalandosi per il suo attivismo anche nell’ Africa Orientale ( dopo Tchad, Senegal, Costa d’Avorio, Togo,)da dove si era prudentemente allontanata dopo aver causato la guerra civile tra Hutu e Tutsi che e’ costata oltre un milione di morti. Adesso Sta aiutando e incoraggiando il Kenia ad attaccare i somali e spera di fare altre forniture militari.
Come, ad esempio, quella che gli ha valso la denunzia della “Federazione Internazionale della Lega per i diritti dell’ Uomo” che ha scoperto che la società’ francese AMESYS aveva in appalto tutti i sistemi di sorveglianza informatica con i quali Gheddafi terrorizzava i libici, tenendoli in pugno. Voglio proprio vedere se la processeranno.
nonché sta triplice alleanza che ragiona con criteri ottocenteschi non capisce che la contesa deve essere combattuta sul piano sociale, finanziario ed economico, MA NON militare, se ad ogni successo dell’ economia cinese reagiranno con la forza, l’ aver condizionato con bombe e sovversione il nucleo base dei paesi “ex non allineati”, ( dalla ex Jugoslavia, all’ Italia, all’ Indonesia,) non basterà’ a coalizzare il mondo dalla loro parte quando sarà’ il momento.
Fanno i conti con o senza la Russia?

Antonio de Martini

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 517 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: