TRAGEDIA GRECA A CAUSA DELLA “LISTA LAGARDE” DEGLI EVASORI FISCALI GRECI COL CONTO IN SVIZZERA

Nel 2010 l’allora ministro francese della Finanze francese Cristine Lagarde diede al collega greco Giorgios Papacostantininou, un elenco di 2000 cittadini greci con conto in Svizzera e una di circa 4000 alle autorità italiane.
I servizi segreti francesi avevano comprato da un dipendente bancario infedele un elenco di 22.000 stranieri titolari di conti svizzeri ed aveva pensato di dividere le spese offrendo ai Partners europei la parte di bottino che li riguardava.

La lista italiana fu immediatamente messa fuori gioco dalla magistratura, se non ricordo male, Torinese, con una motivazione degna del Beccaria, non si conosceva la data di apertura dei conti ( potevano essere stati aperti in un periodo in cui non era vietato) e impossibile sapere se non fossero nel frattempo stati chiusi ( in tal caso si rischiava di incriminare un innocente).
A mio avviso c’erano nomi di magistrati e mancava quello di Berlusconi.
Il ministro greco Evangelos Venizelos ( PASOK) invece si mise la lista nel cassetto decidendo di fare l’indiano.
Dopo un articolo del Financial Times che raccontava che il ministro attuale Yannis Stournaras ( Finanze) , avesse deciso di dare la massima priorità al ritrovamento del CD scomparso, Venizelos si è presentato da Antonis Samaras, il primo ministro, il 3 ottobre ed ha consegnato quella che passerà alla storia come la ” Lista Lagarde”.

Dei 1991 nomi presenti, se ne possono depennare due, trovati morti tra Venerdì e Martedì .
Uno, ex ministro, Leonidas Tzanis, è stato trovato in casa impiccato. Uno degli inquirenti ha detto che non è stato trovato nessuno scritto di spiegazione.
L’ex ministro della Difesa Akis Tsochatzopulos , già imprigionato per tangenti sulle forniture militari per 1,2 miliardi di euro, ha avuto notizia che un suo compagno di merende, Vlassis Karambouloglu, ricco uomo d’affari, è stato trovato morto a Jakarta, in una stanza d’albergo.
Anni prima era stato inquisito per una vendita di missili TOR dalla Russia, ma se l’era cavata.
Un terzo, ex ministro fortemente coinvolto nelle forniture della Difesa Yannis Sbokos, è stato arrestato dallo SDOE che aveva la lista Lagarde, ma che per muoversi ha aspettato che si muovessero tutti gli altri.

Ora, Stournaras, Papaconstantinou, Venizelos e un altro parlamentare verranno interrogati dalla “Commissione Parlamentare per l’etica e la trasparenza” e dovranno rispondere a una serie di domande anche al procuratore Grigoris Piponis.
Ad esempio, chi ha custodito per due anni la lista e se ci sono altri membri del governo nell’elenco.
Magari anche come mai la Grecia ha avuto urgente bisogno di ordinare ben sette sottomarini ai cantieri tedeschi.
E poi dicono che le molotov non servono a nulla.
Servono a far passare la Grecia da ultima nella classifica della corruzione della EU a penultima.
La maglia nera questa volta non ce la toglie nessuno!

About these ads
Trackbacks are closed, but you can post a comment.

Commenti

  • ray.issa  On ottobre 11, 2012 at 8:30 am

    Se ho aperto un conto in svizzera quando era permesso, devo si o no dichiararlo ogni anno?..?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 571 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: