TOH, CHI SI RIVEDE. LUCIANO VIOLANTE A PALAZZO DI GIUSTIZIA. ARGOMENTO: LA TRATTATIVA CON LA MAFIA.

Mi ero sempre chiesto come mai nessun magistrato avesse notato il trafiletto di giornale che rimpiango non aver conservato dove, in poche parole, si diceva che durante le indagini sul pentito Brusca ( quello specializzato nello sciogliere nell’acido i bambini) si era scoperto che – casualmente s’intende – il presidente della Commissione Parlamentare Antimafia , Luciano Violante, aveva viaggiato in aereo sulla tratta Palermo – Roma sullo stesso volo del Brusca ante pentimento.

Il giornale assicurava che il Presidente non se ne era accorto. Nemmeno la scorta aggiungo io, ma allora a che ci sta a fare? Non esistevano foto segnaletiche del fuorilegge?
Dagospia cita senza indicare la fonte, un interrogatorio ancora in corso da parte del PM Ingoia e di un collega, sul tema della trattativa Stato-Mafia.
Su questo tema e con questo indagato ( o testimone) io non sarò politicamente corretto.
Posso casomai offrire la mia testimonianza: Violante è una persona capace di tutto.
Ha avuto il ” toupet” , mentre era in servizio in quel di Cuneo, di arrestare una medaglia d’oro della Resistenza al VM Edgardo Sogno, incriminandolo come golpista perché aveva creato i Comitati di Resistenza Democratica con lo scopo di riformare lo Stato che aveva contribuito a creare.
Ha anche mandato un ” avviso di reato” , come allora si chiamava, a Randolfo Pacciardi.
Ne Sogno, ne Pacciardi avevano mai messi piede a Cuneo o nella sua provincia, ma per smania di notorietà lui raccolse una serie di accuse favoritegli dal P.C.I. perché in città più grandi, nessun magistrato aveva abboccato all’amo.
Il magistrato assolse Sogno in istruttoria. Pacciardi non fu inquietato. Ma la gente e la stampa si tennero lontani dai due ” appestati” . Il Presidente Cossiga lo definì ” piccolo Viscinsky ( dal nome del P M dei processi Staliniani ) Ripagato dal partito con un seggio sicuro, il Violante – che ha preso poi l’abitudine di usare i voli di Stato per evitare incontri non graditi – ha imperversato da allora sulla scena politica per venti anni. Ora che non ha più l’immunità parlamentare, qualcuno può aver deciso di dare qualche notizia utile alle indagini.
Si è comunque avverata la profezia di Davide Giacalone che ai primi albori di tangentopoli disse e scrisse: ” con queste logiche, finiranno per arrestarsi tra loro.”

About these ads
Trackbacks are closed, but you can post a comment.

Commenti

  • gicecca  On settembre 13, 2012 at 7:38 pm

    Sull’ultima frase: meno male !!! Sul resto e su Sogno: Sogno é stata l’altra resistenza, che venne semplicemente annullata e fatta dimenticare dal PCI e dai suoi adepti. Ero molto giovane, ma Sogno era uno degli idoli di Giovannino Guareschi che era uno dei miei idoli, e non solo per Don Camillo. Certe cose non vanno dimenticate: MAI. GiC

  • abrahammoriah  On settembre 13, 2012 at 7:38 pm

    Il fallimento del progetto politico di Randolfo Pacciardi, la repubblica presidenziale, ha significato il fallimento per l’ Italia di diventare una democrazia “normale”, all’altezza delle altre democrazie occidentali. Nessuna sorpresa allora che per far fallire questo sogno si siano levate le forze che volevano che l’Italia fosse una democrazia per “procura”, muovendo le sue mosche cocchiere di persone a tutte disposte. E’ allora di tutta evidenza che il (ri)stabilimento in Italia di una autentica democrazia debba passare sia attraverso il riconoscimento di questa semplice verità storica sia attraverso il rinnovamento della cultura politica italiana che veda nella repubblica presidenziale il passaggio fondamentale per ricostituire il tessuto politico e morale del nostro paese.

    Massimo Morigi

  • Carlo Cadorna  On settembre 14, 2012 at 10:14 am

    In altre parole, deve finire la guerra fredda…..Ma le guerre finiscono solo se qualcuno vince e qualcun’altro perde. Qui invece, non vuol perdere nessuno…

    • antoniochedice  On settembre 14, 2012 at 10:19 am

      Già, ma presto potrebbe esserci un nulla da vincere….
      Fino a che andrà al potere il più disinvolto e non il più competente; fino a che non si ristabilirà una selezione seria della classe dirigente; fino a che non si taglieranno le negherà a tutte le fazioni, non ci sarà pace sociale né prosperità.

  • Carlo Cadorna  On settembre 14, 2012 at 1:16 pm

    Avverrà soltanto quando gli elettori comprenderanno….ce ne sono ancora troppi che seguono ciecamente un’ideologia.

  • Sergio Barbera  On aprile 1, 2013 at 5:06 pm

    Purtroppo la “partitica”, spacciandosi per “Politica” ha ucciso l’ ETICA Risorgimentale, ha introdotto nella magistratura soggetti del calibro di quelli sitati, di quelli che hanno condannato Tortora, di quelli che hanno condannato ai domiciliari funzionari dell’ENEL con accuse, poi fortunatamente ridicolizzate dalla Suprema Corte, ma con danni che pochi conoscono: MIGLIAIA DI MILIARDI DELLE VECCHIE LIRE, abbandono di un progetto energetico indispensabile, dissipazione delle migliori risorse umane dell’ENEL. L’elenco potrebbe continuare. Ci Vorrebbe proprio un EDGARDO SOGNO !

    • antoniochedice  On aprile 1, 2013 at 5:12 pm

      Per Sogno e Pacciardi, ormai è tardi.
      Se si accontenta dei più piccini: Grandi e de Martini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 565 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: